Karen Khachanov, la nuova speranza del tennis russo

Karen Khachanov, la nuova speranza del tennis russo

Dodici mesi fa Karen Khachanov partecipava alle Next Gen ATP Finals, oggi è un vincitore di un Masters 1000. Sarà la consacrazione definitiva o un semplice exploit?

di Andrea Lombardo

Solo un anno fa Karen Khachanov disputava la prima edizione delle Next Gen ATP Finals di Milano e, sorprendentemente, veniva eliminato nella fase a gironi. Ad oggi il russo non potrebbe prendere parte al torneo a causa dell’età, ma nel giro di dodici mesi il suo livello è salito in maniera vertiginosa.
Ben tre titoli vinti in stagione, tutti su cemento indoor, a Marsiglia, Mosca e soprattutto Parigi Bercy. Il potenziale di Khachanov è già noto al pubblico da anni, sin dal circuito giovanile, ma affermarsi ad alti livelli richiede una costanza e una solidità mentale che non tutti hanno.
A 22 anni, il russo sembrava far fatica a sfondare quel muro che separa i buoni giocatori dai top player nonostante avesse più volte dato prova di gran carattere: impossibile dimenticare il match contro Rafael Nadal agli US Open, perso in 4 set lottatissimi. Le occasioni sprecate da Khachanov sono state fin troppe e l’esperienza del maiorchino alla fine si è rivelata decisiva, ma i miglioramenti del moscovita erano palesi, sotto ogni aspetto del gioco.

Karen Khachanov
Karen Khachanov

In questo 2018 sono arrivati i primi piazzamenti nei tornei di maggior rilievo: ottavi sia al Roland Garros, in cui perse al quinto set da Zverev, che a Wimbledon, sconfitto solamente da uno scatenato Novak Djokovic. Semifinale anche nel Masters 1000 di Montreal, persa contro il futuro campione Rafael Nadal. I risultati non sono mancati, tuttavia una vittoria così importante come quella di Parigi Bercy sembrava ancora piuttosto lontana. Impossibile parlare di fortuna dato il calibro degli avversari affrontati e sconfitti: John Isner, Sascha Zverev, Dominic Thiem e Novak Djokovic. Il suo tennis potente e aggressivo, accompagnato da uno stato psicofisico ottimale, si è adattato perfettamente al cemento indoor di Bercy. Il torneo francese spesso è protagonista di grandi sorprese, sia a causa della posizione nel calendario, a stagione quasi conclusa, sia per l’avvicinarsi delle Finals. Ciò che è certo è che la motivazione di Djokovic in finale non era minore del solito, ma ha trovato dall’altra parte del campo un giocatore semplicemente ingiocabile.

Nella gioia della vittoria, per Karen la stagione potrebbe chiudersi con un po’ di rammarico per la mancata qualificazione alle ATP Finals di Londra. Con i forfait di Juan Martin del Potro e Rafael Nadal, il russo, 11esimo nella Race, rimane fuori di un solo posto dal Master e potrà presentarsi solamente come primo alternate.
Comunque vada, Khachanov non può che ritenersi soddisfatto da questa splendida stagione, iniziata al numero 45 del mondo e chiusa al numero 11; da un solo titolo ATP a ben quattro, incluso un Masters 1000. Probabilmente questo è solo l’inizio di una grande carriera che in Russia, almeno al maschile, era attesa dai tempi di Marat Safin.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabio Remus - 2 settimane fa

    Potenzialmente lo vedo molto forte può stare tra i primi 10

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. SbarelliIca Marras - 2 settimane fa

    Ciokak?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Manzella Piero Manzella - 2 settimane fa

    Di dritto come se avesse una clava in mano… “Il tennis che non vorrei” ..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cristiano Zatini - 2 settimane fa

    È arrivato a questa fine stagione bene fisicamente… ma il vero tennistica su vede negli Slams…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Laura Perlo - 2 settimane fa

    basta il fatto che ha battuto Nole!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Nadia Zanasi - 2 settimane fa

    Sarà il prox numero 1

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Nicola Vaselli - 2 settimane fa

    Consacrazione definitiva penso di no. Dovrà confermarsi nell’immediato futuro. Facile prevedere che il prossimo anno i giovani cresceranno ancora: chi ha già vinto rivincerà, chi non ha ancora vinto comincerà a vincere. E’ la vita, è il tennis.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Sandra Cedrati - 2 settimane fa

      Nicola Vaselli vero

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy