ROLAND GARROS Day 3: disastro azzurri, eliminati Fognini, Seppi e Lorenzi. Bene Ferrer, Tsonga e Goffin

ROLAND GARROS Day 3: disastro azzurri, eliminati Fognini, Seppi e Lorenzi. Bene Ferrer, Tsonga e Goffin

Termina come peggio non poteva per gli azzurri la terza giornata del Roland Garros. Soni stati estromessi dal torneo, infatti, tutti gli italiani in gara: Fabio Fognini, Andreas Seppi e Paolo Lorenzi, oltre a Thomas Fabbiano. Negli altri incontri, bene David Ferrer e Jo-Wilfried Tsonga e David Goffin.

Dopo la pessima settimana agli Internazionali BNL d’Italia, arriva per il tennis azzurro un’altra debacle al Roland Garros: nessuno degli italiani in campo quest’oggi infatti è riuscito a spuntarla. E così continua il momento decisamente negativo per il nostro movimento che, tra gli infortuni di alcuni e le difficoltà ad emergere di altri, non riesce più a far avanzare qualche tennista nei tornei che contano davvero.

FOGNINI NON FESTEGGIA- Il nostro numero 1 Fabio Fognini si è arreso allo spagnolo Marcel Granollers, rimandano così i festeggiamenti per il suo compleanno. Il ligure, nonostante un avvio piuttosto incoraggiante, ha ceduto al suo avversario in tre netti set, rimanendo ancora succube dei propri errori e del proprio nervosismo, anche se non bisogna dimenticarsi delle difficoltà negli spostamenti residue dopo l’infortunio che lo ha colpito poco tempo fa. Il match è stato, come detto, a senso unico in favore dell’iberico. Dopo un break in apertura, che gli ha permesso di portarsi sul 2-0, Fognini non riesce a confermare il proprio vantaggio e si fa riprendere dal rivale. Granollers è bravo a sviluppare il suo gioco, prendendo spesso la rete e muovendo Fabio in laterale e in avanti; sul 5 pari, alla fine, arriva la svolta decisiva con lo spagnolo che strappa il servizio e porta a casa il parziale. Nei due parziali successivi il copione non cambia: non bastano all’azzurro le magie, troppe poche rispetto ai tanti errori gratuiti. Con il punteggio di 6-4 6-3 Granollers si aggiudica l’incontro, in cui ha fatto valere la sua maggiore regolarità rispetto ad un Fognini in grande difficoltà.

SEPPI SI ARRENDE A GULBIS, LORENZI A BERLOQ- Neanche Andreas Seppi è riuscito a regalarsi una soddisfazione sui campi parigini. L’altoatesino, sulle cui condizioni fisiche c’è ancora un grande punto interrogativo, non ha trovato le contromisure al gioco di Ernest Gulbis, avversario che evidentemente gli è ostico considerando gli scontri diretti nettamente sfavorevoli. Il lettone, che proprio qui al Roland Garros ha raggiunto, due anni fa, la semifinale, attualmente è numero 80 del mondo, e viene da un periodo che definire negativo è un eufemismo. Tuttavia, quest’oggi il lettone ha fatto vedere sprazzi di buon gioco e, agevolato anche da un Seppi falloso e non al meglio, si è imposto senza troppi problemi.

Il primo set comincia già in salita per l’azzurro, che in poco tempo si ritrova sotto 3-1, con un break subito nel quarto gioco. A questo punto, un po’ a sorpresa, Gulbis sente un dolore all’inguine ed è costretto a chiamare il MTO; la pausa però risulta molto più fastidiosa per Andreas, mentre il lettone tiene agevolmente la battuta e, con un’ottima prestazione in generale al servizio, archivia la prima frazione con il punteggio di 6-3. Andamento simile nel secondo parziale, con Seppi che riesce in qualche occasione ad insidiare l’avversario in risposta, senza però raggiungere una vera e propria chance. L’allungo decisivo, alla fine, è del numero 80 del ranking, che sul 5 pari conquista il break decisivo. Il match, sostanzialmente, finisce qui: l’italiano perde la battuta nel terzo gioco, e, dopo avere sprecato tre occasioni per rientrare, alza bandiera bianca, con il punteggio di 7-5 6-4.

Termina anche l’avventura di Paolo Lorenzi, impotente di fronte ad un ottimo Carlos Berloq. L’argentino, dopo avere superato le qualificazioni, ha offerto quest’oggi una prestazione praticamente perfetta, sia da fondo campo che a rete, non dando alcune speranza al nostro connazionale. Paolino, da grande lottatore, ha provato a far girare le sorti del match, ma senza successo; l’italiano infatti non ha trovato alcuna contromisura di fronte alla solidità avversaria, e alla fine è andato in confusione. Dopo un break in apertura in suo favore, Lorenzi ha subito la rimonta impacabile di Berloq, che rapidamente conquista la prima frazione per 6-3. Nettissimi anche i due set successivi. L’argentino rifila addirittura un 6-0 nella seconda frazione, e anche il set decisivo non sorride a Paolo, cui non basta uno scatto di orgoglio in apertura, utile per recuperare un break. 6-3 6-0 6-2 il punteggio finale.

AVANZANO TSONGA, FERRER, ISNER E GOFFIN– Nessuna sorpresa tra i big. David Ferrer ha lasciato appena tra game a Evgeny Donskoy, che nulla ha potuto davanti alla maggiore esperienza e alla pressione del suo rivale. Al primo scontro diretto contro il russo, “Ferru” ha trionfato con il netto punteggio di 6-1 6-2 6-0, giocando ad un buon livello, nonostante sia difficile da valutare vista la netta superiorità. Per la gioia del pubblico di casa prosegue il suo cammino Jo-Wilfried Tsonga, vittorioso in tre set su Struff con il punteggio di 6-3 6-4 6-4.

E’ terminato, intanto, l’esordio di John Isner, che ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per imporsi su Millman. Dopo l’interruzione di ieri, lo statunitense è riuscito a venire a capo di una situazione davvero complicata, in particolare verso la fine del secondo set quando si è trovato ad un passo dal baratro. Il suo avversario ha sicuramente molto da recriminare: dopo essersi aggiudicato il primo set al tie-break, infatti, l’australiano ha avuto a disposizione numerosi set point nella seconda frazione. Sprecata la chance, però, Millman si è visto rimontare e poi superare, con Isner che alla fine, salvati altri set point anche nel terzo parziale, strappa il break decisivo sul 6-5 del quarto set, passando il turno.

Bene anche David Goffin, che si è sbarazzato agevolmente del transalpino Barrere.

I GIOVANI- Tra i giovani, Lucas Pouille, dopo la settimana positiva a Roma, ha sconfitto Julian Bennetteau. Alexander Zverev e Herbert riprenderanno domani, sul punteggio di 2 set a 1 in favore del tedesco. Tanti rimpianti per il francese nel terzo parziale, quando nel tie-break ha avuto tre set point consecutivi, di cui uno sprecato con un facile dritto a campo aperto. Avanza anche Bornca Coric.

I risultati:
B. Coric b. T. Fritz 6-3 6-1 6-3
P.H. Mathieu b. S. Giraldo 6-4 6-7(2) 6-4 1-6 6-3
[14] R. Bautista Agut b. D. Tursunov 6-3 6-3 6-1
[11] D. Ferrer b. E. Donskoy 6-1 6-2 6-0
J. Monaco b. D. Istomin 3-6 6-4 6-3 7-5
V. Estrella Burgos b. I. Marchenko 7-5 6-4 6-3
[WC] Q. Halys b. H. Chung 6-1 6-4 6-4
[6] J.W. Tsonga b. [Q] J.L. Struff 6-3 6-4 6-4
[12] D. Goffin b. [WC] G. Barrere 6-3 6-3 6-4
N. Mahut b. R. Berankis 7-6(4) 6-2 6-1
M. Granollers b. [32] F. Fognini 7-5 6-4 6-3
[26] J. Sousa b. D. Dzumhur 2-6 7-6(8) 6-4 7-5
[Q] C. Berlocq b. P. Lorenzi  6-3 6-0 6-2
[WC] S. Robert b. [18] K. Anderson 6-4 6-4 1-6 7-5
J. Vesely b. R. Ram 6-4 6-4 6-7(4) 6-0
G. Garcia-Lopez b. T. de Bakker 6-4 6-4 5-7 7-6(3)
N. Almagro b. [24] P. Kohlschreiber 5-7 6-2 6-2 6-4
M. Baghdatis b. G. Muller 7-5 6-4 6-1
F. Bagnis b. [Q] K. de Schepper 6-0 6-2 7-6(2)
A. Zverev vs P.H. Herbert 5-7 6-2 7-6(6) rinviata
E. Gulbis b. A. Seppi 6-3 7-5 6-4
[29] L. Pouille b. [WC] J. Benneteau 6-3 4-6 6-4 7-6(4)
[15] J. Isner vs J. Millman 6-7(4) 7-6(12) 7-6(7) 7-5

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy