Roland Garros: Djokovic supera Bautista Agut, eliminato Dimitrov

Roland Garros: Djokovic supera Bautista Agut, eliminato Dimitrov

Continua a vincere Novak Djokovic e lo fa imponendosi su Bautista Agut in quattro set. Una buona prestazione, senza particolari rimpianti, spedisce il serbo agli ottavi di finale. Zverev annulla match point a Dzumhur e vince al cardiopalma; Dimitrov sconfitto con un netto 3-0 per mano di Verdasco

di Antonio Sepe

DJOKOVIC AVANZA- Approda agli ottavi di finale Novak Djokovic, che dopo aver superato due turni relativamente agevoli, quest’oggi si è trovato davanti il primo vero e proprio avversario da poter temere, lo spagnolo Bautista Agut, nonché tds 13. Nonostante Nole avesse perso una sola volta in sette incontri, le ragioni per non aspettarsi una vittoria così scontata c’erano eccome, ma a dir la verità il serbo sta progressivamente smentendo tutti gli scettici e, dopo una travagliata prima parte di stagione sul cemento, sembra aver trovato la sua dimensione sulla terra rossa. Per la tds 20 si tratta del secondo spagnolo consecutivo sconfitto, dopo la vittoria su Munar al turno precedente, ma caso vuole che anche agli ottavi di finale sulla strada ci sia un giocatore nativo della Spagna, più precisamente di Madrid, che corrisponde al nome di Fernando Verdasco.

PRIMO SET- Nella giornata odierna, Djokovic ha amministrato molto bene la partita e, in poche occasioni, ha davvero rischiato di vederla andar via. Grazie a 10 aces e ad un saldo positivo di vincenti e gratuiti, Nole si è imposto ai danni del suo avversario in quasi quattro ore di gioco. Nel primo set, entrambi i giocatori sono partiti con cautela, tenendo il servizio in maniera piuttosto agevole e non andando mai troppo vicini alla conquista del break. Con più errori non forzati che non vincenti, il set è andato sempre più verso il tie-break, fino a quando Bautista non ha cominciato a mostrare i primi segni di scricchiolio al servizio. Dopo le due palle break annullate nell’ottavo gioco, infatti, lo spagnolo non è riuscito a ripetersi nel turno di servizio dopo, quando Djokovic è riuscito a spuntarla e ad aggiudicarsi il parziale per 6 giochi a 4. djokovic-monte-carlo-2018-monday

SECONDO SET-Come nella frazione di gioco d’apertura, il servizio ha dato una grossa mano al tennista di Belgrado, il quale ha potuto esprimere il suo gioco, avendo la possibilità di contare su una solida base. I primi risultati sono arrivati già nel secondo gioco, quando Nole si è portato avanti di un break, provando a scappare. Molto più di quanto non avessero fatto nel set precedente, i due tennisti hanno aumentato il numero di vincenti ed anche lo spettacolo ne ha beneficiato, ma soprattutto entrambi hanno intrapreso una lotta di nervi che ha reso la partita davvero elettrizzante. Nell’ottavo game, Bautista è riuscito a recuperare il tanto agognato break, ma da lì in poi, l’iniziativa l’ha presa il serbo, che ha tentato di evitare il tie-break ed ha costretto il suo avversario a due games estremamente lunghi e combattuti, dove però Novak non è riuscito a capitalizzare neppure uno dei tre set point e non ha scongiurato il tie-break. Qui, è stato lo spagnolo a scappare avanti ed a chiudere al terzo set point, pareggiando il conto dei set.

TERZO SET- Nel terzo parziale, ogni schema è saltato e non ci sono stati più punti fermi per entrambi i giocatori, non a caso sono stati messi a segno sei break, ma tutti quanti, a coppie di due, consecutivamente. Perciò nessuno dei due tennisti è riusciti ad assicurarsi un vantaggio considerevole, o comunque non tale da permettergli di godere di qualche vantaggio. L’unico momento in cui Bautista ha dato l’impressione di poter chiudere il set è stato nel nono gioco, quando si è trovato a servire per il set e, dopo aver annullato due palle break, issatosi sul 40 pari. Ciononostante, Djokovic è stato molto bravo a spingere sulla tenere seconda altrui ed ha portato anche questo parziale al tie-break. Diversamente dal precedente, Nole ha voluto mettere le cose in chiaro fin da subito e, ormai sotto 6-2, per Bautista è stato troppo tardi per recuperare. Grazie a ben 19 vincenti ed un costante aiuto da parte del servizio, il serbo ha saputo conquistare il parziale in un’ora e otto minuti di gioco. 

QUARTO SET- Nel quarto parziale, infine, l’inerzia dello scambio si è spostata completamente a favore del tennista della Serbia, che ha dominato con la prima di servizio ed anche in risposta ha giocato al meglio tutte le sue carte. Grazie al break ottenuto nel secondo gioco, Nole ha saputo gestire molto bene il vantaggio e, mettendo a segno un ulteriore break nel finale, ha ribadito la sua supremazia, sconfiggendo Bautista Agut per la sesta volta in carriera ed approdando agli ottavi di finale del Roland Garros, dove lo attenderà uno strabiliante Verdasco, il quale non batte Djokovic addirittura dal 2010.

ALTRI MATCH- Nei restanti incontri, sorprendente sconfitta per Grigor Dimitrov, che non riesce a sfatare il tabù Roland Garros e, per la terza volta in carriera, si ferma al terzo turno, suo miglior risultato. Dopo averla spuntata 10-8 al quinto contro Donaldson, il bulgaro viene spiazzato via da un ottimo Verdasco, il quale, dopo aver portato a casa un difficile primo set con tanto di quattro set point annullati, ha avuto la strada in discesa poiché la tds 4 non è stata in grado di impensierirlo in alcun modo, arrendendosi dopo quasi due ore e mezza di gioco. Vittoria al cardiopalma, invece, per Alexander Zverev, anch’egli alla ricerca di un buon piazzamento a livello slam, in particolare dei primi quarti di finale in carriera. Quest’oggi, il tedesco, ha dovuto annullare un match point nel quinto set al bosniaco Dzumhur, il quale ha servito per il match nel quarto parziale in quanto avanti due set a uno. Nonostante la tenacia e l’ottima tenuta mentale del nativo di Amburgo, l’impressione è che sia stato più Dzumhur a perderla che non, in sè, il tedesco a portarla a casa. Infine, tutto facile per Kei Nishikori, che ha battuto in tre set Gilles Simon ed ha raggiunto gli ottavi di finale dopo appena due ore di gioco, che, paragonate agli altri match disputati, sono quasi state poche.

Roland Garros – Terzo turno

(20) Djokovic d (13) Bautista Agut

(30) Verdasco d (4) Dimitrov 76 62 64

(2) Zverev d (26) Dzumhur

(19) Nishikori d Simon 63 61 63

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Riccardo Mocci - 6 mesi fa

    Il fastidio quando saluta il pubblico con quel gesto paraculo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Milena Ginocchio - 6 mesi fa

    BRAVO NOLE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy