Roland Garros – Stosur e Pironkova, grandi sorprese nel fango parigino

Roland Garros – Stosur e Pironkova, grandi sorprese nel fango parigino

Sam Stosur e Tsvetana Pironkova sono nei quarti di finale dello Slam sulla terra rossa. Proprio le particolari condizioni della superficie su cui sono stati giocati i loro match spiegano, almeno in parte, il perchè delle loro vittorie.

Commenta per primo!
GRANDI SORPRESE – Due risultati piuttosto sorprendenti hanno cominciato a delineare quelli che saranno  i quarti di finale del torneo femminile. Sam Stosur e Tsvetana Pironkova hanno eliminato rispettivamente Simona Halep e Agnieszka Radwanska.  Due risultati che possono legittimamente essere letti come upsets in piena regola ,  considerando che, al momento della sospensione, le due favorite erano avanti nel punteggio. In realtà, per la veterana australiana si poteva intravedere qualche spiraglio alla vigilia, vista la sua storia, la  continuità di rendimento espressa finora e la forma non eccelsa della Halep. Per Tsvetana Pironkova , invece, si può gridare al capolavoro. Contro la Radwanska, al momento della sospensione di domenica,  le sue chance erano davvero ridotte al lumicino.
COSA E’ ACCADUTO ? – Come provare spiegare ciò che è successo ieri? Accanto agli indubbi meriti delle due vincitrici  va rimarcato un fattore importante, ovvero   la pessima attitudine mostrata dalle due Top Ten al loro rientro in campo. Come molte altre volte, la sospensione  finisce col giovare a chi è indietro ; in più Giove Pluvio è intervenuto pesantemente mutando, molto,  la consistenza del campo ; tanto da sparigliare le carte in tavola.
Pironkova parigi 1
UNO SLAM IN UMIDO – Il Roland Garros edizione 2016 verrà certo ricordato come uno dei più bagnati della storia. Si va avanti , tra tanta pioggia e scomposta frenesia degli organizzatori ; una frenesia  che  traspare chiara soprattutto nei continui spostamenti cui sono soggetti i giocatori che, con comprensibile fastidio,  si recano all’impianto senza avere la più vaga idea di quando e dove giocheranno, ne per quanto tempo il prossimo match li terrà impegnati. Inoltre, se le previsioni sono corrette, la cornice meteorologica di questo French Open non cambierà e guai a sottovalutarlo. Finora , ben 136 mm di pioggia hanno  bagnato i campi del Roland Garros. La persistente umidità presente nell’aria , e quella trattenuta dai teloni protettivi , hanno reso il terreno molto pesante e, di conseguenza,  il fattore fisico predominante. Più che sul versante maschile , dove peraltro abbiamo un Novak Djokovic visibilmente infastidito da queste condizioni di gioco, è tra le donne che la maggior potenza diviene elemento determinante in condizioni tanto particolari. Dunque, via libera ai dritti devastanti di Samantha Stosur. Veri siluri sono partiti dalla sua racchetta all’indirizzo della malcapitata Halep. La rumena, purtroppo per lei,  non ha potuto appoggiarvisi , data la ridotta velocità di palla al momento dell’impatto; dunque per Simona non vi sono state chance per il suo gioco d’attacco, ovvero confezionare micidiali rotazioni con cui aprire  il campo e poi trafiggere. E poco importa se il kick serve dell’australiana perde efficacia sul terreno pesante; l’ex campionessa degli US Open ha compensato il deficit con una percentuale di prime, ed una devastante pesantezza in risposta, che le hanno consentito  quasi sempre il controllo del gioco. Via libera anche  al rovescio della Pironkova , contro cui la “leggerina” Radwanska mai ha trovato spiragli. Una resa in toto quella di Aga, scomparsa sotto la potenza e la sfrontata sicurezza della bulgara. Il “peso” ha fatto la differenza , ma non solo.  Oggettivamente penalizzate entrambi le Top Ten , le due hanno altresì mostrato scarsa capacità di adattarsi alla situazione, non trovando infine nulla di meglio da fare che lamentarsi a match terminati. Ma tant’è,  care campionesse, il tennis è anche , talvolta soprattutto, adattamento.
aga parigi 1
ALTRE SORPRESE IN ARRIVO?-  E,  in attesa di sapere se e quando la tanto sospirata copertura dello Chatrier diverrà splendida  realtà, ben si farà oggi a tenere lo sguardo attento su un’altra sfida tra pesi massimi dal risultato in apparenza scontato, ovvero quella tra Shelby Rogers e Garbine Muguruza. Con Giove Pluvio così attivo, non si può mai sapere.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy