Il tennis è la nostra musica

Il tennis è la nostra musica

Come mai ci sono così tanti punti di contatto fra la musica e il tennis?

Come mai ci sono così tanti punti di contatto fra la musica e il tennis?

C’è chi il tennis lo ritrova nella sua quotidianità, giocandolo, c’è chi lo vive attraverso i match in tv, chi lo racconta nei film, regalandolo a chi magari non ne ha una minima idea. C’è però una costante e un costante e ricambiato amore nel tempo fra il tennis e la musica.Bob Sinclair, dj, musicista ed appassionato di tennis afferma in una recente intervista ha detto
“il tennis, a parte la musica, resta la mia nuvola di felicità”
Ci sono rapporti che nel tempo si creano e si distruggono, ma non è il caso di quello che lega il tennis alla musica. Molti musicisti, infatti, per vari motivi, si sentono attratti come poeti dalle muse, da questo gioco senza tempo insieme conservatore e progressista. Proprio Bob Sinclar che è spesso presente alle feste dell’ATP, in un’intervista ha raccontato come in età giovanile si sia guadagnato da vivere facendo il maestro di tennis. Dice che  Roger Federer è il suo supereroe ed è stato presente alla festa di compleanno del tennista come deejay.

Col suo amico e collega produttore discografico Martin Solveig ha inoltre girato un video musicale  intitolato “Smash” girato sul centrale del Roland Garros, in cui i due  simulano una partita-siparietto fra di loro sulla musica di“Hallo”e in cui scendono in campo anche Novak Djokovic e Gael Monfils come comparse.

Anche i rapper statunitensi Jay-z, fidanzato con Beyoncé e Lil Wayne seguono assiduamente il mondo del tennis presenziando a tornei come agli US Open o a Wimbledon e addirittura azzardando e azzeccando pronostici sui vari vincitori.

Un rapper che invece frequenta ed è anzi il fidanzato ufficiale di una tennista è lo statunitense Redfoo che con la sua musica, e forse non solo, ha stregato l’ex n1 del mondo Victoria Azarenka.  Vika, infatti, è molto appassionata di musica e anzi usa la musica per rilassarsi e concentrarsi prima degli incontri.

“Non sono così superstiziosa da ascoltare sempre la medesima musica che magari mi ha portato bene prima di un match. Ascolto la musica che mi fa sentire bene, che mi dà energia o che mi riporta a momenti positivi. Prima di entrare in campo in finale agli Australian Open ho ascoltato Beyoncée e prima ancora, nel corso del torneo, stavo ascoltando una compilation che Red Foo ha fatto appositamente per me”.

Negli anni spesso i cantanti hanno avuto storie d’amore con dei tennisti. Tutti ricordano la controversa love story fra Loredana Bertè e Bjorn Borg o quella più recente fra Enrique Iglesias e Anna Kournikova.

Esistono vari video musicali dedicati ai grandi del tennis, come “The Roger Federer song” di Kishore Sharma che è un discreto video-ovazione dedicato a un grande campione, mentre un po’ più di stampo latino risulta il corrispondente dedicato a Rafa Nadal intitolato “Vamos Rafa Vamos”

 A volte invece sono stati gli stessi tennisti ad avventurarsi nel mondo della musica.

“Tack see boys” è un video di David Nalbandian in cui il campione argentino fa una parodia, in verità abbastanza pietosa, dei Back street boys, mentre “Rey David” (Re David!!!) è il titolo di una canzone a lui intitolata da Gustavo Titi Pauletti.

Molto più serie le performances di  John McEnroe che esibisce la  sua bravura alla chitarra elettrica in “JOHN MCENROE GUITAR ROCK SPECIAL”, un video in cui si può apprezzare l’iracondo ex campione all’opera.

E succede anche il contrario, a volte sono i cantanti ad essere tennisti ed è il caso di Gianluca Grignani, che si allena tutti i giorni ed anche a un certo livello visto che  spesso lo fa con con Massimo Ocera, ex numero 380 Atp.

Alla fine per noi appassionati di tennis, che ci divertiamo a guardare i balletti di Azarenka a fine partita o la famosissima “Petko-dance”, la musica più bella rimane quella della pallina che ossessivamente rimbalza sul campo a ritmo incalzante, che è poi il ritmo dei nostri cuori che sobbalzano al contatto della palla con una riga o su una chiamata sbagliata.

Si tratta sempre di ritmo, è vero,

ma è il ritmo del tennis.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy