Wta Sydney: Giorgi si arrende a Kerber

Wta Sydney: Giorgi si arrende a Kerber

Angelique Kerber si è imposta su Camila Giorgi con il punteggio di 6-2 6-3. La tennista tedesca ha rivelato una condizione tecnica ed atletica eccellente. In finale incontrerà l’australiana Ashleigh Barty, che ha superato Daria Gavrilova nella prima semifinale della giornata.

17 commenti

PRIMO SET – Sin dai primi scambi si è potuto comprendere chiaramente il tema tattico scelto dalle due giocatrici: l’azzurra ha tentato di non far ragionare la sua avversaria, mettendola costantemente sotto pressione, attraverso l’esecuzione di colpi dalle traiettorie profonde ed angolate. La Kerber, di contro, ha cercato di allungare il più possibile i duelli da fondo campo, con l’obiettivo di vanificare le azioni offensive dell’italiana e di trovare gli spazi necessari per poter contrattaccare. Questa condizione si è mantenuta in equilibrio fino alla metà del parziale. Poi la Kerber ha iniziato ad evidenziare una maggiore solidità nella gestione degli scambi, fino a prendere completamente il comando delle operazioni. Relativamente al punteggio, la Giorgi si è procurata una palla break al terzo game, ma non ha saputo approfittarne. Mentre al quinto gioco, la tedesca si è resa estremamente insidiosa durante il turno di battuta dell’avversaria, forzando le risposte al suo servizio e costringendola a commettere diversi errori di misura. Così, è riuscita a portarsi in vantaggio, conquistando il primo break della partita. Infine, al settimo gioco, la tedesca ha allungato definitivamente, guadagnandosi una altro break, con il quale ha chiuso la prima partita per 6-2.

SECONDO SET –  Il secondo parziale ha visto l’italiana aumentare i ritmi del proprio gioco in modo evidente. Dopo aver conservato il primo turno di battuta, ha realizzato un parziale di dieci punti a due, portandosi sul tre a zero con un break di vantaggio. La tennista tedesca ha provato ad arginare l’aggressività dell’azzurra, ma non è stata in grado di entrare negli scambi in modo efficace, tanto da incorrere spesso nell’errore. Al quarto gioco, la Giorgi non ha saputo approfittare di due palle break avute a disposizione. in virtù delle quali si sarebbe potuta portare sul 4-0. Al sesto game, anche in ragione di qualche esitazione di troppo da parte dell’italiana, la Kerber è tornata in partita, riuscendo a prendersi il contro break e raggiungendo la Giorgi sul 3-3. A quel punto, l’azzurra ha commesso una serie di leggerezze all’interno del proprio turno di battuta, a causa, probabilmente, di un calo mentale. Di conseguenza, la Kerber ne ha approfittato, intensificando la propria azione di gioco. Sul punteggio di 4-3, l’azzurra avrebbe potuto recuperare lo svantaggio, ma non ha saputo concretizzare una palla break che si è procurata sul 30-40. In conclusione, all’ottavo game, la Giorgi ha ceduto nuovamente il servizio, consegnando definitivamente l’incontro alla sua avversaria.

I punteggi:

A.Kerber b. C.Giorgi 6-2 6-3

A.Barty b. D. Gavrilova 3-6 6-4 6-2

17 commenti

17 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Jack Boato - 1 settimana fa

    Peccato.Era tosta da battere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Roberto Saraceni - 1 settimana fa

    Non che la Kerber avesse fatto di più, ma una discesa a rete in tutto l’incontro è troppo poco, il suo gioco deve variare maggiormente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniela Vasile - 1 settimana fa

    Bravissima Camila!! Bella partita! Secondo set 3-0 …ero convinta che Camila vince la partita.Peccato! ! Non molare! !!Dimentica questa giornata!! Forza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Minelli Marco - 1 settimana fa

    Con la kerber cosi non c erano dubbi niente da recriminare e non scuse

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Saraceni - 1 settimana fa

      Non era assolutamente di un altro pianeta la Kerber oggi, Camila poteva vincere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Andrea Mennilli - 1 settimana fa

    Troppo forte la kerber, dispiace, perso fiducia, spenta la luce, buon torneo. Forza Giorgi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele Piovesan - 1 settimana fa

    Quando Camila capirà che deve prendere qualche rischio in più e non soltanto buttarla di la, non la batterà più nessuno. Forza Camila.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Minelli Marco - 1 settimana fa

      Commento che non c entra niente scusa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Paolo Cerbai - 1 settimana fa

      È ironico per forza. La Giorgi è l’esatto contrario di ciò che ha detto ahahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Michele De Bonis - 1 settimana fa

      Ahahahhah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Daniele Piovesan - 1 settimana fa

      Tirare forte non vuol dire prendere rischi…ma giá ho capito che voi di tennis ne sapete quanto una fotocopiatrice!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Giuseppe Schepis - 1 settimana fa

      Daniele non fare il saputello. …il suo problema è proprio che rischia troppo senza cognizione di t

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Daniele Piovesan - 1 settimana fa

      Non voglio fare il saputello, Giuseppe! Ma oggi Camila ogni volta che l’avversaria la buttava fuori dal campo, rimandava la pallina di la, invece di cercare un vincente. Queste sono le basi del tennis, non lo invento io. Poi nessun rischio quando stava 3-0 e 15-40 su servizio Kerber…ok che é stata brava l’avversaria soprattutto sul secondo break-point…io ho detto le mie impressioni avendo visto il match stamattina…poi dagli altri commenti mi sembra che il saputello non sono io.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Salvatore Sanguigni - 1 settimana fa

      La kerber è la giocatrice più difficile per Camila, ti costringe a giocare sempre un colpo in più rimettendo tutto. Detto questo, se lei si stacca da padre e prende un allenatore serio, è stabilmente tra le prime 15/20 del mondo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Antonio Quarta - 1 settimana fa

      Salvatore Sanguigni e tutti: io sono un criticone dei Giorgi ma penso che il padre nonostante il suo vooler essere un personaggio abbia il grandissimo merito di averla portate nel circuito maggiore facendone un’atleta incredibile senza dopaggio come gli spagnoli…pero’ ora il padre ha raggiunto is uoi limiti da autodidatta e ci vuole un professionista del tennis. Per me Mouratoglu è fuffa….gli spagnoli ti bombano a palla….per me ci vuole Riccardo Piatti! Uno che faccia variare il suo gioco la sua tattica e arricchisca il suo repertorio di colpi….e stia calmo a bordo campo che il papà è super irritante e stressa lei…e noi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Paolo Cerbai - 1 settimana fa

      Io di tennis ne capisco fidati. Diciamo che se si legge l’affermazione “deve prendere più rischi, non tirare solo la palla di là”, non ti viene in mente la Giorgi. A volte quando viene spinta fuori dal campo, e dovrebbe giocare in contenimento proprio per tirarla di là, prova a uscire con dei vincenti impossibili. Lei eccome se rischia, troppo. Infatti le viene rimproverato proprio questo perché prende rischi assurdi, quando potrebbe giocare più tranquillamente e con più pazienza tante volte. Con l’affermazione che hai fatto, alle persone che seguono il tennis, non può venire in mente la Giorgi. Per chiudere ti dico una cosa. Guardati il rapporto vincenti errori nelle partite di Camila. Penso sia la giocatrice con più vincenti e allo stesso tempo più errori del circuito e non sto esagerando. Questo fa capire il suo stile di gioco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Romualdo Errico - 1 settimana fa

      Le “basi” del tennis sono …fai fare sempre un colpo in più all’avversario piuttosto che tirare un “vincente” impossibile..

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy