Giocare, o non giocare: questo è il problema

Giocare, o non giocare: questo è il problema

Il dubbio esistenziale di tutti gli appassionati è sapere se Federer giocherà o meno sulla terra. Pierre Paganini spiega i motivi di una sua probabile seconda rinuncia consecutiva ai tornei sul rosso.

di Alessandro Leva

Per l’ennesima volta, Roger Federer è l’uomo del momento. Da ieri è ufficialmente numero 1 al mondo per la settimana numero 303 e lo sarà almeno per altre tre. Non solo: Federer, dopo aver confessato di aver accettato la wild card a Rotterdam esclusivamente per la prima posizione, non si è fermato e ha conquistato abbastanza agilmente il suo titolo numero 97. Nulla ha potuto un Grigor Dimitrov completamente in balia del tennista elvetico (Federer b. Dimitrov 62 62).

Tennis - ATP 500 - Rotterdam Open - Final - Ahoy , Rotterdam, Netherlands - February 18, 2018 - Roger Federer of Switzerland and Grigor Dimitrov of Bulgaria hold their trophies. REUTERS/Michael Kooren
Tennis – ATP 500 – Rotterdam Open – Final – Ahoy , Rotterdam, Netherlands – February 18, 2018 – Roger Federer of Switzerland and Grigor Dimitrov of Bulgaria hold their trophies. REUTERS/Michael Kooren

Dopo questa scorpacciata di record, serpeggia nell’aria l’annosa questione: Federer giocherà o meno sulla terra rossa? L’anno scorso, la scelta dello svizzero fu molto lungimirante, poiché gli permise di disputare un Wimbledon da urlo, coronato con il nono titolo. È altrettanto indubbio, però, che la certezza sulla rinuncia dello svizzero al periodo rosso non vi sia, anche perché lo scorso anno lo comunicò ufficialmente solamente dopo la vittoria a Miami.

Roger-Federer-2014-French-Open-Day-Four-9StRKfSCwZwx

Nella tifoseria di Federer, vi sono anime contrastanti su questa scelta: c’è chi vorrebbe un Roger ancor più dominante di quanto lo sia attualmente, consapevoli del fatto che – tolto Nadal al top – nessuno sarebbe in grado di batterlo anche su terra; c’è chi, invece, memore dei fasti del 2017, consiglia e spera che lo svizzero non scenda nemmeno in campo su una superficie dannosa per il suo fisico. È proprio per questo motivo che presumibilmente anche quest’anno Federer rinuncerà alle trasferte su terra. Il suo preparatore atletico, Pierre Paganini, conferma che “il continuo scivolare sui campi in terra provoca diverse vibrazioni nelle articolazioni e questo porta a un danno costante alla stabilità e di conseguenza al ginocchio di Federer.” Non che sui campi in cemento non vi sia stress, però è senza dubbio dimezzato. “Un giocatore “ballerino” come Roger” – continua – “soffre meno sui campi in cemento perché l’impatto è più breve. In un attimo, il piede abbandona il suolo e non ci sono conseguenze. Sulla terra, invece, è uno sforzo continuo.” Ne sa qualcosa anche Rafa Nadal, sofferente da anni a problemi periodici al ginocchio. Che possa essere questa una delle tante motivazioni…

image43595

Nell’immaginario comune, sarà molto difficile vedere Federer calcare i campi del Roland Garros. L’ultima apparizione risale a 3 anni fa, sconfitto ai quarti di finale da Wawrinka. Nel 2016, la schiena lo tenne lontano da Parigi; nel 2017, il pensiero di infortunarsi fece lo stesso. In questo momento, Federer è numero 1 e ha già vinto il primo Slam stagionale, ma ha sempre quasi 37 anni. A quest’età, la motivazione è tutto: Roger non scenderà mai in campo in un torneo con l’idea di non essere competitivo. E per competitivo, si intende vincente. Anche per questo la terrà gli è nemica in questo momento della sua carriera, a meno che lui stesso decida di cambiare idea…

Roger-Federer-2009-French-Open-752x428

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alessandro Marangio - 7 mesi fa

    Non si addice al rosso? Signori mister Roger ha giocato 5 finali al RG, di cui tre consecutive e una vinta. Solo il miglior giocatore della storia del Clay lo ha fermato. E leggo che il suo gioco non si addice al rosso. Bah!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Milena Ginocchio - 7 mesi fa

    GRANDE ROGER

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alessandro Bacchetta - 7 mesi fa

    Ha vinto 8 wimbledon, non 9

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Silvio Mia - 7 mesi fa

    Secondo me dovrebbe fare come lo scorso anno e rinunciare ai tornei sulla terra rossa, per prepararsi al meglio per Wimbledon, suo vero obiettivo e poi proseguire sul cemento americano, fino al Master finale. Sulla terra fa troppa fatica e inutilmente, perché il suo gioco non si addice al rosso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro Marangio - 7 mesi fa

    Francesco Macri avevo già letto l’articolo, ma non si è mai sentito che la terra è più pericolosa del cemento per le articolazioni. Sul clay di sicuro a livello fisico hai un grande dispendio di energie, ma hai il vantaggio di scivolare lateralmente senza rischi. Al contrario del cemento dove se provi a fare una scivolata ci lasci una gamba.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Francesco Macri - 7 mesi fa

    Alessandro Marangio

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy