Rafa Nadal: “Ho dato tutto contro Pouille”

Rafa Nadal: “Ho dato tutto contro Pouille”

Il 14 volte campione Slam esce sconfitto al quarto turno dagli US Open per mano del parigino Lucas Pouille. e’ una dura sconfitta, soprattutto al tie break del quinto per 8-6 ma non è la fine “So di aver dato tutto, di aver fatto del mio meglio fino all’ultima palla” dice Rafa che è pronto a ripartire a lavorare duro.

8 commenti

Non è la fine per Rafael Nadal, e non ci sarà in tempi brevi.

Il 14 volte campione Slam, però deve cambiare qualcosa nel suo gioco o nel suo approccio allo sport se vuole vincere il quindicesimo Slam. E Rafa lo sa.

“Non riparto da zero. Questa è una cosa positiva” Nadal ha detto in conferenza stampa dopo la scioccante sconfitta contro il 22enne n°25 del ranking, Lucas Pouille al quarto turno degli US Open “Ho le giuste motivazioni per lavorare duro”

Il lavoro non è mai stato un problema per Nadal. Terminerà il 2016 senza aver vinto Slam per la seconda volta in carriera e consecutivamente. L’infortunio al polso lo ha costretto infatti ad abbandonare il French Open e a rinunciare a Wimbledon, fortunatamente ha potuto rientrare per i giochi olimpici dove ha conquistato l’oro in doppio e si è piazzato quarto nel singolare.

“Ovviamente a trent’anni e con la mia carriera alle spalle non sento più la pressione dello Slam” Ci sono però delle falle nel suo gioco, il servizio spesso lo abbandona, il suo dritto mancino non è più letale  e i suoi tiri, soprattutto nei momenti cruciali sono troppo corti.

“Perdere al quarto turno dopo avere avuto grosse opportunità per farmi valere a New York, sapendo di essere pronto per questo certo non mi fa sentire soddisfatto. Sono triste. Però va beh, ormai è andata, so di aver dato tutto, di aver fatto del mio meglio fino all’ultima palla. Devo migliorare in altre cose, ma so cosa fare, devo sistemare solo un paio di cose che non hanno funzionato”

“Gli infortuni ci sono , non c’è problema” ha detto Toni, storico coach e zio di Rafa in un’intervista all’inizio di questa settimana “Il lavoro è nella testa, dobbiamo metterci di nuovo a lavorare seriamente”

“Penso che Rafa abbia un ottimo team” dice Leif Shiras, ex giocatore e commentatore sportivo “Sono sempre al top, e hanno dato il massimo per risolvere l’infortunio”

Quindi restiamo in attesa confidenti di vedere Rafa ancora vincere uno Slam e di sentire il suo “Vamos” finale

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sergiomo Modolo - 9 mesi fa

    Lavora lavora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessio Cuntrò - 9 mesi fa

    Nel tabellone in alto sono caduti tutti i più grandi già agli ottavi.. l’unico però c’è ancora.. sempre lui, solo lui..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Stefano Colombo - 9 mesi fa

    Ogni volta che sembra sulla giusta strada inciampa da tifosissimo di Nadal penso che il suo tempo sia passato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 9 mesi fa

      Ieri Pouille ha giocato un gran match. È rimasto attaccato alla partita, nn hai mai mollato né fisicamente né mentalmente. Rafa, alla fine, x piegarlo nn sapeva più come fare, perché quello reggeva da fondo e pure a rete. Gli ha concesso tre/quattro occasioni e il francese le ha sfruttate tutte. Ha perso così, ma se nn ci fosse stato il tie-break, ad oltranza avrebbe vinto lui. Certo, nn è lo stesso, ma nn è detto che nn possa tornare. Sul cemento slam nn ne vince più, ma sulla terra può fare molto, anche vincere Parigi se accorcia gli scambi, va più a rete e migliora la seconda. Può farlo se vuole, soprattutto se oltre a zio Tony si affida a un altro coach.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Stefano Colombo - 9 mesi fa

      Pouille può giocare i gran match che vuole ma mai può battere il miglior Nadal solo il miglior Djokovic può competere con il miglior Nadal e purtroppo il miglior Nadal si è spento dopo Parigi 2014

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giuliana Cau - 9 mesi fa

      Ieri Nadal è arrivato al quinto grazie alla sua immensa esperienza e al suo carattere, poteva perdere prima. Diciamo che ha perso nel momento in cui davvero doveva chiudere. È la testa, più che il fisico, ad averlo abbandonato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Stefano Colombo - 9 mesi fa

      Appunto quindi non è il miglior Nadal ti dirò sono molto deluso perché dopo i primi turni mi ero illuso in un gran torneo ma ormai mi devo rassegnare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Giuliana Cau - 9 mesi fa

      Se nn apporta alcuni miglioramenti alla tattica di gioco, dubito possa tornare quello che era.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy