WTA Finals, doppio: Makarova/Vesnina fermano Mattek-Sands/Safarova e si laureano Maestre

WTA Finals, doppio: Makarova/Vesnina fermano Mattek-Sands/Safarova e si laureano Maestre

Sono le campionesse olimpiche Ekaterina Makarova ed Elena Vesnina le vincitrici delle Wta Finals di Singapore. Battute in finale Bethanie Mattek-Sands e Lucie Safarova che non perdevano un match da prima degli Us Open.

(4)E.Makarova/E.Vesnina d (3)B.Mattek-Sands/L.Safarova 7-6 6-3

Ekaterina Makarova ed Elena Vesnina scrivono per la prima volta il loro nome nell’albo d’oro delle Wta Finals. A Singapore, le vincitrici dell’oro olimpico, fermano la striscia di 18 vittorie consecutive di Bethanie Mattek-Sand e Lucie Safarova e impediscono all’americana di conquistare la vetta del ranking ai danni di Sania Mirza.

LA CRONACA

Primo set a dir poco rocambolesco. Inizio un po’ contratto per le russe che vanno subito sotto 2-0 prima di conquistare i successivi quattro giochi che le portano a servire per conquistare il parziale. Qui si fanno riprendere dalle avversarie che riescono ad approdare al tie-break dove l’equilibrio si spezza sul 5-5. Ad intervenire in questo particolare momento è Elena Vesnina che prima piazza un servizio vincente e poi una risposta fantastica che Mattek-Sands non può controllare.

A soffrire anche nel secondo parziale nei turni di battuta è il duo ceco/americano che resta in scia fino al 3-3 grazie ad un combattutissimo quinto gioco, durato quasi 10 minuti, in cui annullano diverse palle break. Makarova/Vesnina prendono poi il largo strappando il servizio all’americana e approdando sul 5-3 prima di chiudere al quarto match point grazie ad un servizio vincente ad uscire della mancina di Mosca.

Tanta la gioia delle campionesse olimpiche che ricorderanno per sempre la stagione 2016 se si considera che dopo diversi problemi sono tornate a giocare insieme solo durante il torneo di Madrid. Resta comunque un autunno da sogno per Mattek-Sands/Safarova che nell’arco di pochi giorni hanno messo in bacheca i trofei di Us Open, Wuhan e Beijing, oltre al piatto di Singapore riservato alle finaliste.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy