Quando ad Amburgo si scriveva la storia

Quando ad Amburgo si scriveva la storia

Retrocesso nel 2009 a 500, il torneo è stato teatro di match storici come quello del 2007 in cui Federer ha messo fine alla striscia vincente di Rafa Nadal sul rosso

 

Dal 2000 al 2008 è stato uno dei 3 Master 1000 che si giocava sulla terra, insieme a Roma e Montecarlo. Nel 2009 è stato sostituito da Madrid, “scendendo” alla categoria 500 e trasferendosi da maggio a luglio. Oggi ad Amburgo i principali contendenti sono gli onesti Kohlschreiber e Cuevas ma fino a qualche tempo fa, su questi campi, si sfidavano i migliori tennisti del circuito.

È sui campi tedeschi che Roger Federer conquista, nel 2002, il suo primo grande torneo, battendo in finale Marat Safin. Lo svizzero si ripeterà altre 3 volte, la più memorabile nel 2007. È il 20 maggio di quell’anno e in questo teatro infatti, che si interrompe la storica (e probabilmente irripetibile) striscia vincente di Rafael Nadal sulla terra rossa. Lo spagnolo arriva alla finale di Amburgo contro Roger con queste statistiche: 81 match di fila vinti su questa superficie (superati i 53 di Vilas e i 75 di McEnroe sul sintetico), 13 tornei conquistati consecutivamente e imbattuto da oltre 2 anni sul rosso, con strisce aperte a Roma, Montecarlo e Parigi. A questo si aggiunge il fatto che lo svizzero non l’ha mai battuto sulla terra.

I favori del pronostico sembrano confermarsi dopo il primo set, vinto 6-2 da Nadal. In realtà la sua partita e la striscia finiscono qui. Lo spagnolo viene da 10 match in 13 giorni e ha esaurito le energie fisiche e mentali. Federer ribalta la partita vincendo 6-2 6-0 i successivi set e conquistando il quarto titolo ad Amburgo.

Per lo spagnolo si tratta della prima sconfitta della carriera sulla terra (la successiva arriva 2 anni dopo, sempre contro lo svizzero, a Madrid). Nadal però, si sarebbe preso la rivincita sullo svizzero nel 2008 interrompendo la striscia di 65 vittorie di Roger sull’erba nella finale di Wimbledon. Ma questa è un’altra storia…

Di Marco Castro

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy