Fabio Fognini: “Al cento per cento per Roma. Djokovic ? Un fenomeno”

Fabio Fognini: “Al cento per cento per Roma. Djokovic ? Un fenomeno”

Fabio Fognini é pronto a tornare nel circuito dopo l’infortunio. In un’intervista concessa al sito della Federazione, il ligure ha parlato del torneo di Roma, della Coppa Davis e inevitabilmente di Novak Djokovic.

Fabio Fognini riparte dal Master 1000 di Montecarlo. Il ligure, ai box per l’infortunio subito a Rio agli addominali, non vede l’ora di tornare di nuovo a competere: ” Va meglio giorno dopo giornoMi manca un venti per cento di accelerazione al servizio, ma è normale. Da fondo campo, invece, ho buone sensazioni. Forse sarebbe stato meglio ricominciare da un torneo meno impegnativo, ma non ho altra scelta e non vedo l’ora. E comunque magari è un bene. Riparto senza grosse aspettative e prendo quello che viene. Non mi fermerò fino al Roland Garros e poi tireremo le somme”

Il ligure spera di tornare al 100% per Roma, torneo a cui tiene tantissimo e dove nel 2015 raggiunse il terzo turno: “Da italiano ci tengo tantissimo al torneo di Roma.  Un anno fa ho giocato un buon tennis battendo tra gli altri Dimitrov e perdendo al terzo turno contro Berdych, un top ten, solo al tie break del set decisivo. Giocare al Foro Italico davanti al proprio pubblico regala emozioni uniche”.

1431375172609_abbo_ansa15_01dc6635afbe7295678582942e80348f57_75557_immagine_obig

 

A Luglio ci saranno i quarti di finale della Coppa Davis contro l’Argentina a Pesaro. Fabio ha potuto solo sostenere i compagni di squadra contro la Svizzera, ma in estate tornerá: ” É un appuntamento molto importante. Posso assicurare che sia io che i miei compagni teniamo molto alla Davis, una competizione in cui mi esalto”. ‘Del Potro?’ “É rientrato da poco, non é ancora al top ma resta un campione. Meglio non affrontarlo…”.

Infine il ligure dice la sua su Novak Djokovic, suo amico e dominatore incontrastato del circuito: ” Nole è di un altro pianeta. Nella semifinale di Miami vs Goffin mi é sembrato stanco, un torneo sulla terra può sbagliarlo. Certo poi in finale contro Nishikori ha messo di nuovo la settima, l’ottava e la nona… Ha due marce in più e soprattutto sa alzare il livello quando serve. Un fenomeno”.

Fonte: Federtennis

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy