Galimberti: “Il progetto FIT Over 18 sta dando i suoi frutti”

Galimberti: “Il progetto FIT Over 18 sta dando i suoi frutti”

L’ex tennista milanese, oggi responsabile del progetto FIT Over 18, ha osservato le buone prestazioni degli italiani negli ultimi Challenger, asserendo che il suo progetto sta dando i primi risultati

1 Commento

Mai banale Giorgio Galimberti, intervenuto a proposito degli ultimi tornei Challenger di Cortina e Fano, sottolineando i buoni risultati dei giovani tennisti italiani. Responsabile del progetto FIT Over 18, l’ex tennista milanese si è inoltre soffermato sulla differenza tra Futures e Challenger e della difficoltà nell’affrontarla.

LE PAROLE – “Tra Cortina e Fano, ma anche in precedenza, ho potuto assistere a prestazioni molto buone e convincenti dei nostri. L’ultima in ordine cronologico, proprio qui all’Adriatic Challenger, quella di Andrea Pellegrino contro lo spagnolo Carballes Baena (tds n.1 del torneo, ndr). Un match che è l’ennesima prova di quanto i giovani azzurri stiano crescendo settimana dopo settimana. Il passaggio dai tornei Futures ai Challenger non è mai facile ma ci stanno facendo vedere grande personalità”.

“Lo stesso discorso vale per Bahamonde, Mager, Sonego, Donati e anche Eremin, nonostante la sconfitta con Volandri. Tutti stanno dimostrando come il progetto over 18 dia risultati, ed è un bene per tutto il movimento vedere le giovani leve vincere partite e collezionare bei risultati”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Eros Boisson - 5 mesi fa

    Si . Forse il problema è prima . Chi deve seguire e scoprire talenti . Se vedono solo i grossi che vincono tutti sono selezionatori!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy