Caro Stefanos, noi ti comprendiamo (e prendiamo posizione)

Caro Stefanos, noi ti comprendiamo (e prendiamo posizione)

Una innocente dichiarazione del greco su Federer, ieri in conferenza stampa dopo la sconfitta contro Nadal, ha provocato una valanga di insulti e commenti indignati del web, a causa di traduzioni errate, e a volte totalmente fantasiose, di chi ci ha voluto ricamare sù, e da cui noi ci dissociamo. Ecco la verità

di Gabriele Congedo

“Non lo so. Sto solo cercando di capire come Federer lo abbia battuto (Nadal), sai, stile di gioco simile al mio. Sto cercando di capire. Voglio dire, non voglio perdere da Rafa 10 volte“. Già così suona diversa da come l’avete letta in giro per il web, vero? Questa è la traduzione letterale della frase pronunciata ieri da Stefanos Tsitsipas, la frase “incriminata” e che tanto scalpore ha destato. Ma andiamo con ordine, e facciamo un piccolo passo indietro.

E’ all’incirca l’ora di pranzo in Italia quando Stefanos Tsitsipas si presenta in conferenza stampa agli Australian Open al termine della semifinale maschile, in cui ha appena subito una cocente batosta  da Rafael Nadal versione deluxe ingiocabile, che al greco ha lasciato la miseria di soli sei game.

L'espressione sconsolata di Stefanos Tsitsipas ieri in conferenza stampa a Melbourne, al termine del match perso contro Nadal
L’espressione sconsolata di Stefanos Tsitsipas ieri in conferenza stampa a Melbourne, al termine del match perso contro Nadal

E’ triste e sconsolato Stefanos, è stravolto e quasi sotto shock, sembra non darsi pace, probabilmente nella sua testa stanno girando mille pensieri più o meno sconnessi, che si possono riassumere nella domanda “perchè ho perso così male?”. Non sembra avere molta voglia di parlare, comprensibile, ma malgrado questo, risponde, con pazienza e con un inglese decisamente peggiore rispetto al suo solito, alle domande dei giornalisti, che ruotano ovviamente attorno all’analisi del match. Stefanos dichiara apertamente che, malgrado le due settimane da favola, non è affatto contento di come è uscito dal torneo; che Nadal non gli ha dato scampo, che lo spagnolo ha la capacità (lui lo chiama talento) di non farlo giocare ai suoi livelli, che si sentiva lento e spesso in ritardo in campo, e che non si è mai sentito davvero in partita, “not a chance”.  Poi, verso la fine, un giornalista gli dice, per rincuorarlo, che non dovrebbe essere depresso, ricordandogli di come Federer nel 2001 a Wimbledon avesse sì battuto Sampras agli ottavi, ma si fosse poi fermato ai quarti contro Henman; e che poi tutti noi sappiamo cosa Federer abbia raggiunto negli anni successivi. E qui la frase riportata all’inizio dell’articolo, che ripetiamo e che vi chiediamo di tenere a mente (link alla trascrizione dell’intervista completa qui, per chi la volesse leggere):

“Sono d’accordo con te, sono d’accordo con te. Ma non lo so. Sto solo cercando di capire come Federer lo abbia battuto (Nadal), sai, stile di gioco simile al mio. Sto cercando di capire. Voglio dire, non voglio perdere da Rafa 10 volte“.

tsitsipas federer

Ora, chiunque abbia visto o ascoltato l’intervista, ed abbia una conoscenza discreta dell’inglese, avrà sicuramente inteso il senso di quella frase, sia nella voglia di lavorare ancora più duramente, per migliorarsi e per evitare di perdere nuovamente da Nadal nei successivi confronti, sia come ulteriore attestato di stima nei confronti di Federer, per essere riuscito a battere Rafa diverse volte, e di cui evidentemente il giovane greco vorrebbe conoscere il segreto, la chiave che gli ha permesso di battere lo spagnolo in alcune delle loro epiche sfide. Sullo stile di gioco simile, beh, non ci piove, se si considera l’atteggiamento offensivo e la tendenza a prendere la rete di entrambi, così come l’utilizzo da parte di entrambi del rovescio ad una mano. Fin qui tutto bene, direte voi. E allora?

E allora è successo che, poco dopo la fine di quella conferenza stampa, in giro per il web hanno iniziato ad apparire titoli, incentrati sulla traduzione di quella frase, e che su quella frase ci hanno ricamato fino al punto di modificarne completamente il senso. Il caso forse che mi ha colpito di più è stato quello di una testata straniera che ha intitolato: “Non capisco come Federer abbia vinto più di 10 volte contro Nadal”. Totalmente falso, Tsitsipas non ha detto questo, ha usato il numero 10 arbitrariamente per fare un esempio, senza minimamente correlare quel numero al numero di vittorie o di sconfitte dello svizzero contro il maiorchino. Oppure, “Se gioco come Federer, perchè non batto Nadal?. Denominatore comune di queste traduzioni libere, per non dire fantasiose, è stato quello di far passare il messaggio che ormai Tsitsipas si sia montato così tanto la testa al punto di sentirsi ormai come Federer, se non più bravo. E allora, via alla gogna mediatica, all’indignazione dei devoti a The King, e ad una pioggia di insulti gratuiti. Nel giro di poche ore, quello che fino al giorno prima era un ragazzo bravo, promettente, talentuoso, umile, volenteroso e simpatico, di colpo è diventato il pivellino presuntuoso, ancora sporco di latte, che ha osato ledere la maestà del vate, sentendosi al suo stesso livello. Apriti cielo….

“Tu di Federer non hai nemmeno un’unghia!”  proseguendo con “Chiediti tu come hai fatto a vincere contro Roger, che se gli entrava di più il dritto quel giorno blablabla…” (monotoni e banali ragazzi, perdonatemi, rosicare è dura, ma i risultati sono quelli che parlano, e non i “se ed i “ma”), ed ancora “Sciacquati la bocca prima di parlare di Federer, tu non sei nessuno”, e così via.

Ora, pensateci un attimo: Tsitsipas non è infatti ancora nessuno, non ha vinto ancora niente di importante, ha 20 anni e solo da pochissimo tempo si è affacciato alla base dell’Olimpo del tennis, sulla cui cima ci sono Roger, Rafa, Nole, Andy M., Andy R.,  Lleyton, Pete, Andre, Jim, Boris, Stefan, Ivan …., e ne sta iniziando pian piano a salire i gradini; è cresciuto con il mito di Federer, che considera suo idolo fin da quando ha 6 anni e per cui ha sempre avuto una profonda ammirazione ed adorazione. Federer, una delle leggende di questo sport con 20 Slam all’attivo, di 18 anni più grande di lui. E’ davvero così difficile capire che a) la sua frase NON è stata detta in tono dispregiativo nei confronti del campione di Basilea e b) anche nell’ipotesi assurda in cui lo pensasse, sarebbe stato un pazzo a dirlo apertamente ed esporsi così ad un massacro mediatico? La verità, e ne sono pienamente convinto, è che solo una mente maliziosa, o semplicemente qualche scribano con voglia di racimolare un po’ di like in più, possano avere interpretato e poi opportunamente riportato quella frase con il tono dispregiativo che è stato fatto arrivare al pubblico. E, ovviamente, molti lettori ci sono cascati, con le conseguenze riportate poc’anzi. Ed è triste, e poco professionale, modificare ad-hoc delle notizie solo per la fame di scoop, rischiando di compromettere l’immagine di un’atleta; questo non è giornalismo, ma gossip da rotocalco scandalistico.

La fine dell'intervista a Stefanos Tsitsipas, con la frase "incriminata" evidenziata in giallo
La fine dell’intervista a Stefanos Tsitsipas, con la frase “incriminata” evidenziata in giallo

E dopo questo sfogo, chiudo con un esempio. Tutti noi che giochiamo a tennis abbiamo la nostra bestia nera, vero? In tornei di circolo o di categoria, o nella partitella domenicale, tutti noi abbiamo quel giocatore che ci batte ogni volta, e vorremmo trovare la chiave tattica, la giusta strategia, per batterlo. E allora, perchè non chiedere consiglio ad un altro giocatore, magari un amico, che lo ha già battuto? Questo è il messaggio che a me, e per fortuna anche a molti altri, è passato dopo la dichiarazione di ieri del giovane greco. Uno a cui era appena passato addosso un treno in corsa, lasciandolo tramortito al tappeto, e che si stava già dannando l’anima per capire come evitare tale disfatta in futuro; uno che se avesse potuto, in quel preciso istante avrebbe preso il suo telefono, composto un numero e…“Ciao Roger, sono Stefanos….sì, hai visto l’incontro di oggi eh? Senti, io e te dobbiamo assolutamente parlare! Voglio lavorare ancora più duro, voglio diventare il nuovo numero uno e lo sai, voglio vincere Slam, anche solo un quinto dei tuoi, ma devi aiutarmi: ti prego, spiegami, come sei riuscito a battere uno come Rafa? Qual è il tuo segreto? Che tattica hai usato? Voglio sapere tutto, ti prego, aiutami a capire, sono disposto a tutto!”

Pensateci la prossima volta, manipolatori di notizie e facili haters da tastiera.  Lo ripeto, fare giornalismo è tutta un’altra cosa. Ah, PS, giusto per evitare altri fraintendimenti: chi ha scritto questo pezzo è un grande fan di Roger Federer. Buona finale a tutti!

35 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Miranda Di Giacomo - 3 mesi fa

    È un bravo ragazzo. Lasciatelo giocare in pace. grazie a chi ha scritto questo post.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giorgio Codeluppi - 3 mesi fa

    SONO D’ACCORDISSIMO CON TE FABIO MONTOBBIO NADAL TECNICAMENTE E ‘MENO FORTE DI FEDERER MA E ‘IL N.1 FORTE MENTALMENTE MA DARSI CON LUI VINCENTE ANCHE SE PERDE 2SET A ZERO 0/40 POTREBBE ESSERE L’INIZIO DELLA FINE ,E FEDERER A ROMA AGLI INTERNAZIONALI HA PERSO UN MATCH SIMILE . IL GRECO E ‘MOLTO FORTE ,MA DEVE CRESCERE E TANTO , SE A BATTUTO FEDERER A 20 ANNI CON LO SVIZZERO IN GIORNATA PIU CHE INFELICE ,DEVE MANGIARE TANTA POLENTA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mirella Ponzetta - 3 mesi fa

    Pennivendoli, ormai in tutti i rami: sport, politica, scuola, medicina. Imbrattacarte della peggiore specie: questo sono diventati molti giornalisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pier Paolo Morelli - 3 mesi fa

    Io sono con Tsi, umile professionista che ha giustamente tanto rispetto per tutti i mostri sacri ma che cercherà di pensionarli il prima possibile, d’altronde l’anagrafe è dalla sua

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Anir Anera - 3 mesi fa

    I tifosi spesso perdono il senso critico e la ragionevolezza. Federer è il mio idolo ciò non di meno amo il talento e il lavoro di tanti altri tennisti. Ho visto la partita è Nadal ha vinto perché è stato il migliore in campo. Chiedersi e lavorare per batterlo è l’obiettivo non solo per il greco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Yuri Figini - 3 mesi fa

    Purtroppo un titolo storpiato fa piu’ notizia e i giornalisti sanno che ci sono in giro una flotta di frustrati che sono pronti ad abboccare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Manuela Flaccavento - 3 mesi fa

    Certuni dovrebbero seguire solo il grande fratello e non avere una connessione internet.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Manuel Tatoli - 3 mesi fa

    Stefano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Serena Gori - 3 mesi fa

    Che malafede certi giornalai….il tennis sta diventando come il calcio… Travisare completamente le parole del giocatore per fare il titolo, forti del fatt o che la metà delle persone poi l’articolo nemmeno lo leggono..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gabriele Congedo - 3 mesi fa

      bravissima. Io prefersco raccontare i fatti per come sono andati, con professionalità ed obiettività. E pazienza se non colleziono migliaia di like, non sono un influencer di instagram ma un giornalista serio. E’ questa la differenza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Serena Gori - 3 mesi fa

      Gabriele Congedo io non sono una giornalista,anche se mi sarebbe piaciuto moltissimo, e sono una grande tifosa di Federer, ma appena ho visto quel titolo su qualche sito online sono andata a leggere perché mi sembrava stranissima come cosa. E infatti bastava leggere l’intervista completa per capire il senso di quello che ha detto Tsitsipas: era, anzi, un ulteriore riconoscimento al suo idolo, per essere riuscito più volte in un’impresa che a lui al momento sembra assolutamente fuori portata. Ti faccio i complimenti per il tuo articolo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Gabriele Congedo - 3 mesi fa

      Serena Gori ti ringrazio molto per i complimenti. Non faccio il giornalista di professione, ma solo per passione, perchè il mio lavoro è un altro. Ma quando scrivo, cerco di farlo in maniera integerrima, riportando i fatti piuttosto che travisando, perchè a me importa raccontare la verità, ecco tutto :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Carolina Fosbury - 3 mesi fa

    Bravi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Pierluigi Puca - 3 mesi fa

    I tifosi di Federer sono la rovina del tennis

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mark Otto - 3 mesi fa

      Pierluigi Puca e tu aggiungendo un commento superficiale e generalizzante, non fai altro che zizzagna spicciola. (Un tifoso di Federer e Tsitsipas).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gabriele Congedo - 3 mesi fa

      la rovina del tennis sono i fanatici e gli infoiati, dell’uno o dell’altro giocatore. Che sia Federer, Nadal, Nole o anche Malek Jaziri. Gente a cui non puoi toccare il loro beniamino, che attacca a insultarti. Gente con cui è impossibile discutere, poichè non obiettiva, e che riduce tutto ad un becerissimo tifo da stadio. Questa è la rovina del tennis!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giselda Meneghetti - 3 mesi fa

      Pierluigi Puca grazie ! Piccolo uomo !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Gilberto Noventa - 3 mesi fa

      Pierluigi Puca di sicuro non sei sportivo saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Gianluca Duca - 3 mesi fa

      Pierluigi Puca e con questa affermazione stupida, ignorante e senza senso studi anche medicina…smetti che risparmi tempo e soldi utilizza il tempo a rimettere in fase il cervello che è completamente andato !!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Jacopo Russo - 3 mesi fa

      Pierluigi Puca e tu vorresti salvare vite da grande???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Pierluigi Puca - 3 mesi fa

      Jacopo Russotu non capisci niente di tennis

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Antonio Corsello - 3 mesi fa

      Pierluigi Puca grande verità. Tanto grande Federer, tanto piccola la gente che lo osanna. Come i commentatori qui sopra

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Pierluigi Puca - 3 mesi fa

      O forse è solo la grandezza dell’uomo che rende piccolo tutto ciò che gli sta attorno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Michele Belnome - 3 mesi fa

    Nessuno tocchi Tsitsipas!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Michele Brown Marrone - 3 mesi fa

    Christian Marmo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Alessandra Cadeddu - 3 mesi fa

    Mi dissocio anch’io

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Fabio Montobbio - 3 mesi fa

    Nadal non lo batti col gioco ma con la testa. Sti pivelli ne hanno da fare di strada. Ci vorrebbero più allenatori mentali… Perchè il gioco non gli manca. Mancano di testa e strategia, se un rullo compressore ti sta schiacciando non puoi sperare di fermarlo senza una strategia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Phil Rubens - 3 mesi fa

      Quindi il nostro Fogna che lo ha battuto…. :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Fabio Montobbio - 3 mesi fa

      Phil ogni tanto azzecca la strategia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Ida Pellegrino - 3 mesi fa

    Stefanos é un ragazzo umile e non credo proprio che si sia montato la testa per aver battuto Federer. Purtroppo, devo constatare, che i tifosi di Federer sono sempre fuori di testa quando si parla del loro idolo. La frase di Stefanos é Chiara. Vorrebbe dei consigli per battere Nadal, visto che Federer l’ha battuto più volte. Non mi sembra che abbia leso la maestà di nessuno. Voglio anche precisare che sono stati i tifosi stessi e anche del giornalisti a paragonare il gioco di Stefanos con quello di Federer, osannandolo per il risultato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mirco Papini - 3 mesi fa

      Ida Pellegrino il ragazzo promette bene ma ne deve mangiare ancora di pagnotte..il problema di Federer è Federer che dà la forza a tutti e li fa’ andare oltre e subito dopo si sentono i possibili numeri uno poi tornano quelli di prima e prendono delle gran bastonate..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Lucio Panigada - 3 mesi fa

      Ida Pellegrino ragazzo umile che nn si monta la testa??????? É andata a vedere le sue partite alla next Gen??? Nn credo proprio… I tornei giovanili? Neanche da quello che scrive, oppure abbiamo due concetti mooolto diversi di umiltà e di testa montata, senza nulla togliere al gioco alla tecnica soprattutto di dritto e tattica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Mirko Cappilati - 3 mesi fa

      Ida Pellegrino invece i tifosi di Djochovic e Nadal sono sempre coerenti nei commenti.prima li legga e poi mi dice.ho letto delle cattiverie su FEDERER che fanno SCHIFO
      Buona sera

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Manuela Flaccavento - 3 mesi fa

      Sono una tifosa di Federer, Tsitsipas mi piace molto e onestamente non mi ha dato fastidio la sua vittoria, quello che non tollerò sono gli ultras prestati a questo sport, che ne fanno una questione di estremismo. È sport e come tale dovrebbe essere vissuto, per non parlare di quelli che si fermano ai titoli e commentano perché stanno seduti sul cesso e non hanno nulla da fare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Gilberto Noventa - 3 mesi fa

      Ida Pellegrino ci sta tutto fuorché il fuori di testa che mi sembra fuori luogo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy