Diario degli Us Open: giorno 10

Diario degli Us Open: giorno 10

Djokovic è il favorito per la vittoria del torneo. Nishikori supera il solito Cilic, l’Osaka è troppo simpatica per non poter essere tifata.
Il resoconto della decima giornata degli Us Open.

di Nicola Corradi

-Su Novak Djokovic ho soltanto una cosa da dire: il serbo è nettamente favorito per la vittoria finale. Nonostante un tabellone ridicolo per un percorso Slam, è dovere di cronaca scriverlo sin dall’inizio, Nole ha dimostrato una solidità ed una dimestichezza con la palla che molto lo accumuna al giocare imbattibile capace di instaurare una sadica dittatura nel biennio 2015-2016. Millman è un onesto giocatore, non un fenomeno come dipinto dopo la vittoria con Federer e nemmeno un incapace come sostenuto da altri appassionati esclusivamente legati ai nomi noti. Djokovic non sbaglia nulla, gioca entrambi i fondamentali ad una spanna dalle righe, esercita sull’avversario una pressione asfissiante che un interprete come l’australiano non è in grado di sopportare. Nessuna sfida probante ed una semifinale con Nishikori che è facile associare a quella giocata dai due nel 2014, quando il giapponese si risvegliò novello Agassi ed anticipò i colpi del serbo con semplicità disarmante. Quello di venerdì sarà forse lo stesso Djokovic di allora, ma di sicuro il giapponese, per vicissitudini personali, non potrà essere affine a quello in grado di imporsi a sorpresa sull’ex numero uno del mondo. 

-Dicevamo di Nishikori, vittorioso in cinque set su cuor di leone Cilic. Il croato, indiscusso favorito all’inizio del match, è riuscito nell’impresa di riesumare le spoglie del giapponese, ormai da lungo tempo lontano dal livello di gioco che gli permise per anni uno stabile soggiorno ai piani alti della classifica. Sono felice per lui, perché, nella mia personale visione, ho sempre apprezzato i giocatori capaci, nonostante limiti fisici evidenti se comparati ai grandi della disciplina, di raggiungere risultati importanti. Difficile è ora, per Kei, immaginare la possibilità di una partita alla pari contro il muro serbo, trasformatosi nuovamente in ciò dopo la fase di salice piangente vissuta nel periodo di dominio svizzero-spagnolo. 

-Naomi Osaka continua a darmi grandi soddisfazioni e, battendo in due set l’improponibile Tsurenko, raggiunge la prima semifinale Slam della carriera. Soltanto due game concessi all’avversaria ed una potenzialità di gioco che la rende, se al meglio, battibile da poche. Vero è che, allo stato attuale delle cose, molte sono le tenniste ipoteticamente devastanti, se incontrate nella giornata corretta, ma la naturale simpatia espressa dalla Osaka la rende obbligatoriamente, dal punto di vista caratteriale, la mia prediletta. Ridendo e scherzando il Giappone, nazione famosa per tutto tranne che per una consolidata cultura sportiva, porta due rappresentanti alle semifinali di uno Slam, facendo impallidire federazioni ben più titolate che da tempo immemore non riescono in questa impresa (si leggano Francia e Italia in primis). Dall’altra parte della rete troverà Madison Keys, furiosa picchiatrice americana riscopertasi forte un anno dopo la finale raggiunta su questi stessi campi. Sarà un match rapido, tra due che fanno delle accelerazioni vincenti il loro dogma inscalfibile. Palla livida per i fondamentali impattati celeri e piatti, melodia acustica composta da schiocchi sordi e potenti. Il mio tifo sarà ovviamente rivolto verso l’angolo della giapponese, spiritata finora e spero anche questa notte, nonostante una Keys spinta dal caloroso tifo autoctono possa interrompere il sogno dell’alienata ragazza d’Oriente. 

Dal vostro cronista è tutto, a domani. 

27 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giulio Gallo - 2 settimane fa

    delpo save us

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Massimiliano Temari - 2 settimane fa

    Carlo pronostico DELPO campione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carlo Pizzamiglio - 2 settimane fa

      Beh se batte Rafa sicuramente tifo x lui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Carlo Pizzamiglio - 2 settimane fa

    Djokovic vincerà 3 set a 0 contro Nishikori mentre Rafa secondo me perderá contro Delpo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Maria Paris - 2 settimane fa

      Secondo te…però…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Carlo Pizzamiglio - 2 settimane fa

      Maria Paris ah beh ovvio. Ma spero vinca Rafa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Rosella Rossa Rosa - 2 settimane fa

      E sti caxxi !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Carlo Pizzamiglio - 2 settimane fa

      Rosella Rossa Rosa guarda che Rafa ha avuto un tabellone duro (non essendo nemmeno al top). Con Delpo deve giocare meglio altrimenti rischia seriamente di perdere. Beh Djokovic non lo commento nemmeno, tanto è da Wimbledon che praticamente sta avendo tabelloni del cazzo (Cincinnati escluso).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Rosario Occhipinti - 2 settimane fa

    Rafa può perdere solo contro Nole…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Antonietta Brugnola - 2 settimane fa

      Nole è più dopato di prima…altro che rafa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Rosario Occhipinti - 2 settimane fa

      Possiedi le sue analisi del sangue??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Cristina Piano - 2 settimane fa

      Denigrare i campioni mettendo sempre in mezzo sto ca**o di doping non fa di voi delle cime.
      Rosario Occhipinti sono d’accordo, il serbo è già praticamente in finale e Rafa con Delpo rischia di nuovo ma dovrebbe spuntarla alla lunga come con Thiem, si giocherà sullo scarto di pochi punti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Rosario Occhipinti - 2 settimane fa

      Purtroppo l’invidia è una brutta bestia… E lo dico da tifoso di Stan e Roger… Ma se I o è forte è per forza dopato o favorito, se no che piacere c’è??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Mark Falzon - 2 settimane fa

      Antonietta Brugnola sei un perdente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Lorena Pansini - 2 settimane fa

      Ma che palle con sto dopato! Rafa e Nole hanno dimostrato di essere dei grandi.. FINIAMOLA CON LA CATTIVERIE. Io tifo Rafa maaa… Che vinca il migliore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Rosario Occhipinti - 2 settimane fa

      No ma il bello è che danno del dopato, a gente che dopo 15 anni di carriera non è mai stato beccato…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Mattia Cintia - 2 settimane fa

      Djokovic è dopato per davvero, l’ iperbarica se l’è fatta e sicuramente pure ora se la farà.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Antonietta Brugnola - 2 settimane fa

      Mark Falzon grazie ora vivo tranquilla..ahahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Rosario Occhipinti - 2 settimane fa

      L’iperbarica se la fa pure Ronaldo… È dopato pure lui?? La camera iperbarica è legale, chi vuole può utilizzarla perciò non diciamo cazzate…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Dario Liberati - 2 settimane fa

    quando il tabbellone e da 250 per federer lo si dice , per djokovic no fatemi capire !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ciro Festa Bianchet - 2 settimane fa

      Non c’era anche roger da quella parte del tabellone?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cristina Failla - 2 settimane fa

    Cilic dice sempre fi essere pronto per vincere uno slam ma poi….Speriamo in una bella finale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Viviana Colnaghi - 2 settimane fa

    Vamos Rafa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mark Falzon - 2 settimane fa

    Nole e in grandissima forma,, solo il caldo puo fa perdere il titolo…ma per il weekend le temerature si abbasserano..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Mark Otto - 2 settimane fa

    Il primo avversario all’altezza di Nole, forse sarà in finale. Quindi come commentiamo la cosa, nella solita stupida maniera in cui si commentano i titoli di Federer pre fab 3 ? “Non ha incontrato nessuno !”. Io la chiamo manifesta superiorità del momento. È un grande campione Nole, come lo è Roger, come lo è Rafa. Stop. Se poi i commenti atti a sminuire i grandi campioni, vertono sul sistemare i tabelloni, le superfici , gli anni e i momenti di forma come pare a voi, quello è un altro discorso. Divertitevi a fare confronti, ma negli ultimi anni, gli slam ed i master 1000 sono firmati dai soliti nomi. Manifesta superiorità, non fortuna o assenza di avversari, la linea è molto sottile ma diversa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Schiano - 2 settimane fa

      Gran commento!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Valter Vogliotti - 2 settimane fa

      Infatti,ognuno con la propria peculiarità.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy