Diario di Davis: giorno 1

Diario di Davis: giorno 1

Seppi ci prova, ma nulla può contro la divina genialità del candido Pouille.
Fognini profeta in patria, il suo è un punto fondamentale.
Tutto il meglio, ed il peggio, della prima giornata di Davis.

di Nicola Corradi

-Si apre con il botto la sfida di Davis che vede opposte la formazione nostrana, benedetta dall’alto dei cieli dal presidentissimo Binaghi sempre vigilante sulle sorti dei suoi scudieri, e la squadra rappresentante della miglior scuola di tennis al mondo, quella francese.
Andreas Seppi, al ritorno dopo mesi di stop passati tra villeggiatura ed allenamenti in terra natia, ha il difficile compito di aprire le danze sfidando un divin Pouille ancora ebbro dalla cristallina vittoria che, lo scorso novembre, lo portò a trionfare alzando al cielo l’argentea insalatiera. Tra i due, tecnicamente, non c’è storia, e solo la terra, superficie sulla quale, per motivazione tattiche, il transalpino dovrebbe faticare nell’applicare i suoi schemi sfavillanti, potrebbe equiparare i valori tra i due.
L’inizio, in prospettiva italica, non è dei migliori. Seppi fatica ad ingranare e incappa in errori banali, cedendo all’inventiva di Pouille che, respirando a pieni polmoni, inventa giocate imprevedibili e leggiadre. I primi due set sono cordiale soliloquio del francese, che anticipa i colpi con una naturalezza disarmante aiutandosi sempre con un servizio impeccabile spalmato su tutti e quattro gli angoli. Vincenti su vincenti, pubblico in delirio e la fine dell’incontro che si avvicina paurosamente una volta che Lucas ottiene, anche nel terzo, un break di vantaggio.
La magia della Davis, coincisa ad un naturale masochismo francese, riapre i giochi, portando inaspettatamente una sfida già terminata al parziale decisivo.
La foga di Seppi è lampante, un dritto finalmente più incisivo lo lancia a pieno merito in un quinto set dal preambolo spumeggiante.
È tutto inutile, perché il candido torna a brillare, inventa smorzate millimetriche che interrompono scambi lunghi a lui poco congeniali, si erge a entità suprema contro il quale, il povero Andreas, nulla può.
Francia meritatamente in vantaggio dopo il primo match, ma questo Seppi potrà tornare utile nella giornata di domenica.

-Tra Fognini e Chardy non corre buon sangue. Era quindi intenzione del francese, rivelata in conferenza stampa senza troppi problemi, rispondere sul campo alle dichiarazioni poco cortesi che il ligure fece nei suoi confronti tempo fa.
Un primo set costellato dagli errori non aiuta Fabio, che paga il nervosismo iniziale cedendo il parziale senza che il francese debba mettere sul terreno di gioco grandi prodezze.
Dopo l’appannamento iniziale, però, la differenza di potenziale tra i due si fa sentire, e nulla possono gli svariati tentativi di Chardy di fare gioco contro le accelerazione di Fognini, ritrovatosi ad essere, nuovamente, uomo Davis.
Partita che non offre particolari emozioni, ma concede un punto d’oro ad un’Italia che domani avrà il probante compito di affrontare e tentare di battere la coppia francese in un doppio probabilmente decisivo.
L’abbraccio a fine match tra i due sfidanti scioglie le tensioni, portando il clima, tra Francia e Italia, ad un insolito sereno.

Dal vostro cronista è tutto, a domani

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tennis Circus - 2 settimane fa

    Unisciti al nostro canale Telegram per non perderti tutte le news del tennis! : https://telegram.me/tenniscircus

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Andrea Mennilli - 2 settimane fa

    Genio e sregolatezza, deve sempre complicare tutto, sentire la pressione, irriverente, superficiale, nei modi di fare, poi il suo grandissimo talento, colpi che sembrano saette, sotto rete vellutato, fanno dimenticare i suoi difetti. Grande Fognini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alessandro Pollastrini - 2 settimane fa

    Però ci siamo rifatti con fognini fortunatamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alessandro Pollastrini - 2 settimane fa

    E seppi non gli a tenuto testa purtroppo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro Pollastrini - 2 settimane fa

    Peccato per Andreas ci stavo credendo nel rimontone poi pouille ha alzato il livello di gioco nel 5o set

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gianni Pavanetto - 2 settimane fa

    È un grande giocatore anche se a volte esagera nei comportamenti.ma quando vuole ti fa innamorare,impazzire,delirare….ma anche incazzare..grazie Fabio

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy