Federer e l’ingombrante desiderio di tornare numero 1

Federer e l’ingombrante desiderio di tornare numero 1

Chi può interrompere la striscia trionfante? Apparentemente nessuno. Questo è ciò che più preoccupa, o affascina, nel prosieguo della stagione.

7 commenti

L’affamato demiurgo non si accontenta delle lodi e dei titoli finora conquistati, accompagnati da sottomesse preghiere che i fedelissimi adepti recitano con rispettosa fermezza. Difatti, è notizia delle ultime ore l’intenzione del Vate di conquistare la prima posizione mondiale giocando, da programma, tre dei rimanenti quattro master 1000 ed un Us Open nel quale partirà da logico favorito. È lotta aperta con il rivale Nadal, che, di nuovo, rappresenterà l’unico reale ostacolo tra lui e l’aureo traguardo. Perché sì, per Federer, quest’anno, parrebbero non esserci limiti, nessun ostacolo considerabile che possa impedirgli di continuare il bottino pieno da gennaio riempito sempre più con algida tracotanza tennistica.
Quella di Roger è ormai tirannide totalitaria. Il panorama, a suo modo di vedere, è dei migliori. Mai costretto a lotte che da sempre disprezza. Scende in campo, gioca, sciorina magie apparentemente elementari e domina gli accorati avversari, impotenti al cospetto di cotanto splendore.
La volontà di disputare, dopo anni di dolorosa assenza, il torneo di Montreal, indica chiaramente la situazione mentale e fisica che Federer, fin troppo prudente, ha il privilegio di gestire.
Insensate sono le teorie per le quali la stanchezza, nonostante le ormai trentasei primavere, prenda il sopravvento sul languido corpo dello svizzero. A livello atletico, con una preparazione fuori stagione che probabilmente il salice Djokovic copierà da cima a fondo, sembra essere a livello delle stagioni migliori. Regge le lunghe e faticose maratone (cosa che il campione in materia, Nadal, sembra non essere più in grado di fare), scatta, zampetta e danza.
Chi può interrompere la striscia trionfante? Apparentemente nessuno. Questo è ciò che più preoccupa, o affascina, nel prosieguo della stagione. Mi spiego, perché già sento il peso delle pietre scagliatemi addosso dall’enorme platea di supporter che segue lo svizzero.
Un circuito dominato da un unico uomo, sia questo proprio Federer, Nadal, Djokovic o Andreas Seppi, perde irrimediabilmente d’interesse. È logico sia così, nonostante la resuscitata rivalità con lo spagnolo.
Probabilmente, a fine anno, Roger guarderà con merito dall’alto l’intero mondo ATP.
Speriamo solo che, da qui a Dicembre, non saremo costretti a subire il supplizio di un glaciale soliloquio.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Francesco Azathoth Pastore - 2 settimane fa

    Veramente la striscia vinccente l’avrebbe interrotta il 40enne Haas…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Laura Lissi - 2 settimane fa

    Anche sì.. speriamo in tutto ciò

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Vale Dolfini - 2 settimane fa

    ❤️❤️❤️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Andrea Todisco - 2 settimane fa

    Il Vate…. Ahahahahahahahaha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Davide Trombini - 2 settimane fa

    Ma quando gioca?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mattei Franco - 2 settimane fa

      Settimana prossima Montreal

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Matteo Noce - 2 settimane fa

    Vedere il Maestro vincere tutto non è un supplizio, è una gioia irripetibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy