Nadal il furbacchione ed il suo compare Federer

Nadal il furbacchione ed il suo compare Federer

Materialisticamente parlando, e cioè collegandomi con una vena di sarcasmo alla concezione di realtà di cui Machiavelli si fece capostipite, il fine giustifica i mezzi, e sia Nadal che Federer, a mio modo di vedere, non hanno sbagliato nulla.

11 commenti

La notizia del giorno, il ritiro da parte di Nadal dal Master 1000 di Parigi-Bercy, fa molto discutere gli appassionati. Ufficialmente, lo spagnolo, è stato costretto a prendere questa decisione a causa di un infortunio al tendine rotuleo, lo stesso che, nel corso della carriera, così tanti problemi gli ha portato.
Si sprecano i dubbi su un web sempre più in malafede.
“Sarà davvero così?”, “L’infortunio c’è oppure è tutta una strategica finzione?”, “Che scorretto, si è preso il numero uno e poi ha abbandonato il torneo”.
Tutto questo, condito alle accuse di doping che ormai, per assuefazione, perdono pure d’importanza, è ciò che, opportunamente riassunto, pensa la maggior parte del pubblico abituale.
Ma qual è la verità? In primo luogo, partiamo da un dato logico. Nei quarti di finale, oltre allo spagnolo, figuravano Krajinovic, Del Porto, Isner, Benneteau, Cilic, Verdasco e Sock, un parterre non di certo eccezionale che spesso si ritrova a Parigi per la posizione di pesante svantaggio occupata in un calendario stracolmo di appuntamenti.
Nadal, in carriera, non ha mai vinto il titolo, e gli avversari rimasti in tabellone sarebbero stati tutti, tranquillamente, alla sua portata. L’idea che possa essersi ritirato senza un reale motivo appare, dunque, piuttosto labile. L’infortunio c’è, sì, ed oltre alla fasciatura fattasi applicare alla fine del secondo set perso con Pablo Cuevas, si è notato nella maggiore difficoltà avuta dallo spagnolo a livello di piegamento sulle gambe, aspetto tecnico fondamentale per una superficie come l’indoor. Ricordo come il terreno di Parigi, dopo quella di Shanghai, sia il più veloce in stagione a livello di Master 1000, ed è risaputo il fatto che il cemento sia storicamente la principale causa di infortuni e affaticamenti a ginocchia e schiena.
Dopo la partita di secondo turno vinta con Chung in due set, Rafa si è assicurato il numero uno del mondo fino a fine stagione, posizione che, a meno di sconvolgenti debacle, manterrà anche per la prima parte del 2018.
Si parla di scorrettezza, confrontandolo al divin Federer tramite i soliti pedanti discorsi che sembrano invocare, ogni volta che l’uno sia presente, l’obbligata presenza dell’altro. Torna alla luce anche Murray, reo di aver “falsato” il tabellone escludendosi dagli Us Open una volta compilato il tabellone. In quell’occasione le critiche arrivarono a fiocchi, anche da parte mia, cosa che invece è mancata quando, la stessa situazione, si è creata a causa dello svizzero, similmente ritiratosi da Parigi Bercy dopo aver già pagato la quota d’iscrizione.
Materialisticamente parlando, e cioè collegandomi con una vena di sarcasmo alla concezione di realtà di cui Machiavelli si fece capostipite, il fine giustifica i mezzi, e sia Nadal che Federer, a mio modo di vedere, non hanno sbagliato nulla.
Da una parte lo svizzero, ben sapendo di avere enormi chance di successo alle ATP Finals (torneo che effettivamente vincerà fischiando Miguel Bosè tra una volee stoppata e l’altra), sceglie di preservare il fisico (per nulla stanco) da eventuali risentimenti, come giustamente fatto dallo scorso anno ad oggi.
Dall’altra Rafa, probabilmente colpito dall’infortunio durante il torneo di Shanghai, ha vinto le proprie due partite assicurandosi la prima posizione mondiale, presentandosi così a Londra senza la pressione di giornalisti e pubblico che avrebbero continuamente sollevato la questione ranking.
Entrambi, oltre ad essere globalmente riconosciuti come i più grandi giocatori di tutti i tempi, sono anche due gran furboni. Nello sport, però, tutti lo sanno, l’astuzia è una componente fondamentale ed è quindi inutile lamentarsi a posteriori se questa viene saggiamente usata.
Parigi-Bercy è come un albero ricoperto di foglie sul quale si abbatte una bufera improvvisa.
Guy Forget piange lacrime di comprensibile disperazione, ma noi godiamoci l’autunno, che le Finals stanno per arrivare.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Laura Graziano - 3 settimane fa

    Marco Novara

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Flavio De Martino - 3 settimane fa

    Se Nadal non avesse partecipato a Parigi e ci fosse andato invece Federer (quasi sicuramente vincendo il torneo grandi exploit a parte) il numero uno a fine anno sarebbe stato Federer strafavorito per le finals. Quindi è comprensibile la scelta di Nadal di portare a casa il massimo risultato col minimo sforzo. Anche perché senza numero uno la stagione di Nadal sarebbe stata offuscata da quella di Roger e con due slam all’attivo sarebbe stato assurdo e mortificante per lui. Che poi Nadal possa pagare in futuro la scelta di giocare sempre quest’anno è da mettere in conto, ben sapendo che a conti fatti quasi sicuramente ne è valsa la pena. Sulla scelta di Nadal non avevo alcun dubbio. Questa stagione a differenza di tante del passato rispecchia in pieno le caratteristiche dei due campioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Roberta Gatti - 3 settimane fa

    Due grandi campioni così possono decidere di gestirsi come vogliono dopo una stagione come questa, non mi sembra un affronto per nessuno. Semmai prendetevela con gli sbarbatelli della next gen (e non solo) che giocano alla grande un torneo e poi in quelli dopo spariscono come zombi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pasini Viviana - 3 settimane fa

    Sono grandi campioni con tanti anni giocati al massimo, sanno gestire i loro acciacchi….Fantastici…io li adorooooo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Cristina Failla - 3 settimane fa

    Murray si è ritirato a tabellone gia’ sorteggiato.Nadal furbo perché si ritira dopo aver portato a termine l’ incontro ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Laura Mengozzi - 3 settimane fa

      Non è furbizia, ripeto, correttezza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cristina Failla - 3 settimane fa

      Scusa io sostengo la stessa cosa.Il mio era un interrogativo ironico.Se c’è un giocatore corretto questi è Nadal! !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Rosaria Giallorenzo - 3 settimane fa

    Se l’avesse fatto Djokovic critiche e insulti a non finire!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Maria Magnolo - 3 settimane fa

    Non sono d’accordo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Sandra Sagramoni - 3 settimane fa

    Li amo entrambi ❤️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Laura Mengozzi - 3 settimane fa

    Ma che furbacchione? Si vedeva chiaramente che aveva male al ginocchio, secondo me è stato molto corretto a portare a termine la partita nonostante le evidenti difficoltà

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy