Perché Jannik Sinner è motivo d’orgoglio

Perché Jannik Sinner è motivo d’orgoglio

Capace più di una volta di ribaltare completamente la situazione, ieri il tennista italiano ha conquistato la sua prima vittoria in un Masters 1000. Si tratta di un successo molto importante, poiché testimone della caparbietà e determinazione del giovane talento che continua sempre più a infonderci speranza.

di Marco Tocci

Ieri Jannik Sinner ha compiuto una vera e propria impresa: nel suo match d’esordio contro Steve Johnson dopo essere stato letteralmente ad un passo dalla sconfitta (nel terzo parziale era sotto 5-2) ha dimostrato una lucidità impressionante, tale da permettergli di vincere il set in rimonta 7-5.

Eppure in molti preferiscono non complimentarsi troppo, poiché timorosi di mettere troppa pressione al giovane talento classe 2001; tuttavia, chi ha guardato l’incontro di ieri avrà notato che Sinner non sembra soffrire particolarmente le situazioni di difficoltà: dopo aver perso il primo set per 6-1 contro un giocatore che in passato si è quasi spinto fino alla top 20, in molti avrebbero allentato la presa.

Ma per Jannik, come avremo già capito, di mollare non se ne parla: in tutta tranquillità ha restituito il 6-1 al suo avversario nel secondo parziale, dimostrando un livello di competizione e caparbietà quasi disumani.
Per non parlare poi del terzo set: era sotto 5-2, ha dovuto affrontare un match point; poi da lì ha spinto l’acceleratore al massimo, recuperando i break e completando la rimonta sul 7-5.

È vero che tutta questa attenzione potrebbe condizionare il tennista altoatesino: “dopotutto si tratta solo di un primo turno” direbbero in molti. E in parte hanno ragione; ma qui non si festeggia (solamente) la vittoria di ieri. Si festeggiano gli enormi sacrifici compiuti da parte di Jannik, che sembra lo stiano ripagando perfettamente. Si festeggia il suo talento, impressionante per un ragazzo di soli 17 anni. Si festeggia il suo modo di stare sul campo, come fosse già un professionista. Si festeggia la sua disarmante tenuta mentale, che potrebbe seriamente portarlo ancora più lontano in futuro. Si festeggia e basta.

Il prossimo turno vede il giocatore azzurro opposto al greco Stefanos Tsitsipas, reduce dalla finale a Madrid; il greco è senz’ombra di dubbio favorito, eppure Jannik ci ha fatto un bellissimo regalo: ci ha donato nuovamente l’arte della speranza.

 

 

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Anna Altieri - 2 settimane fa

    Avanti così

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessandro Padova - 2 settimane fa

    Speriamo la notorietà non lo rovini… Veline in agguato… ) e pensare che Baker e Chang erano più giovani di lui quando vinsero Slam… lo so erano altri tempi … però …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Matteo Vitali - 2 settimane fa

      Alessandro Padova non erano altri tempi, ma proprio altri sport.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Francesca Sarzetto - 2 settimane fa

      Alessandro Padova Becker*

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Alessandro Padova - 2 settimane fa

      Francesca Sarzetto corretto … nn potevo lasciare un errore così

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy