Rafael Nadal: “Le emozioni che si provano nel vincere le Olimpiadi sono diverse rispetto ad uno Slam”

Rafael Nadal: “Le emozioni che si provano nel vincere le Olimpiadi sono diverse rispetto ad uno Slam”

In una recente intervista, il tennista spagnolo ha ricordato il successo e le gioie delle Olimpiadi, menzionando ancora una volta quanto successo con Nishikori a Rio. Inoltre il maiorchino ha annunciato la sua presenza in uno dei tornei del 2017.

Commenta per primo!

Le Olimpiadi hanno donato a Nadal una seconda giovinezza, quel tennista che dopo il suo infortunio al polso sembrava demotivato è ormai solo un brutto ricordo. La medaglia d’oro ottenuta in doppio ha fatto rinascere dentro di lui quello spirito guerriero e combattivo che tanto mancava al circuito. I risultati ottenuti in quest’edizione olimpica sono una chiara prova che Rafa è tornato e non ha più intenzione di andarsene. Lo stesso spagnolo ha affermato di volersi continuare ad allenare per poter recuperare tutto il tempo passato a casa ed essere al meglio in vista degli US Open.

TRA OLIMPIADI ED INFORTUNI – Ricorda ogni giorno che passa il suo incredibile successo in doppio a Rio e l’eccellente prestazione messa in campo: “Già giocare le Olimpiadi è stata una grande notizia perchè la settimana prima non sapevo se avrei giocato. Le emozioni che si provano nel vincere le Olimpiadi sono di più e diverse rispetto a qualunque altro torneo, anche ad uno Slam, perchè giochi per una squadra, i Giochi si tengono una volta ogni 4 anni e non sai cosa può succedere in questo lasso di tempo, se tornerai a disputarli o meno. Ma ciò non significa che preferisco vincere una medaglia rispetto a uno Slam – sul polso invece – è un processo lento, complicato perchè la zona interessata, la guaina sinoviale, è una parte delicata. Nelle ultime due settimane ho giocato molto ma il dolore non è diminuito ma neanche aumentato, il che è una grande notizia. Cercherò di esserne condizionato il meno possibile.”

DISORGANIZZAZIONE – Parlando di Olimpiadi, Nadal non ha potuto non parlare della polemica creatasi durante il match contro Nishikori: “Non è stata una mossa corretta in termini di sportività, e poi alle Olimpiadi… è qualcosa che non posso controllare, per questo c’è il supervisor”. Il mancino di Manacor ha detto la sua anche sulla pessima programmazione di quest’edizione olimpica: “Io ho cercato di godermi le Olimpiadi il più possibile ma è evidente come l’ITF non abbia gestito al meglio l’ordine di gioco. Bisogna fare la schedule cercando di mettere nella situazione migliore possibile non solo le TV ma anche i giocatori, in modo che questi possano competere al massimo delle loro possibilità, Proprio per questo ho dovuto rinunciare al doppio misto perchè il polso non poteva reggere tre match in un giorno.”

NUOVO TORNEO – Lo spagnolo ha fatto sapere ai suoi fans che prenderà parte anche al torneo di Brisbane, in programma per i primi di Gennaio. Una presenza che forse potrebbe colmare l’assenza di Roger Federer. A tal proposito il direttore del torneo ha voluto dire la sua sulla presenza di Rafa: “I suoi recuperi straordinari durante gli scambi sono di certo qualcosa che i nostri spettatori apprezzeranno di sicuro, inoltre avranno anche la possibilità di vedere uno dei migliori in questo sport.” Inoltre Quinlain ha parlato anche del tifo qui in Australia: ” Rafa conosce la passione degli australiani per il gioco e per la storia. In cambio, lui ha un gran rapporto con il pubblico australiano.”

DURO ALLENAMENTO – Nadal è tornato ultimamente alle competizioni e di certo non ha intenzione di fermarsi proprio adesso, infatti il maiorchino dopo le Olimpiadi ha preferito prendere subito parte al torneo di Cincinnati, senza concedersi un po’ di riposo, decisione presa per recuperare i mesi persi causa infortunio: “Io non voglio tornare a casa. Ho speso fin troppo tempo a riposarmi, devo continuare ad allenarmi ed a giocare, questo è il motivo per cui sono qui e non sono tornato in Spagna prima degli US Open.”

MENTALITA’ POSITIVA – Uno dei segreti del successo della Nazionale brasiliana di pallavolo è proprio Rafael Nadal e grazie alla sua grinta sono riusciti a conquistare la medaglia d’oro, a discapito dell’Italia. Infatti durante il match di quarti di finale contro la Francia, due pallavolisti: Lucarelli e Lipe erano infortuni ed il medico della nazionale per caricarli e spronarli ha mostrato a loro un filmato del tennista spagnolo durante gli Australian Open del 2011, il maiorchino infortunatosi all’adduttore rispose così allo zio che lo esortava a ritirarsi: “Toni, sono nei quarti di finale dell’Australian Open. Non mi ritiro nemmeno per scherzo”. Questa frase ha convinto i due brasiliani a dare il meglio nonostante i problemi fisici.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy