La tennistica follia di Camila Giorgi

La tennistica follia di Camila Giorgi

La Giorgi, fiduciosa come di consueto del suo fantasioso (azzardo astuto) piano di gioco, nient’altro ha fatto che, novità, sparare roncolanti pallate da ogni angolo del campo, pregando una sovrannaturale identità che, almeno qualcuna, restasse nel rettangolo di gioco.

11 commenti

In molti, nelle ultime ore, ne hanno parlato. Camila Giorgi, solitamente presente tra le testate giornalistiche a causa delle rinomate e scellerate sconfitte, si toglie, al torneo di Praga, una soddisfazione degna di nota, estromettendo dal tabellone la padrona di casa Karolina Pliskova. La ceca, vittima probabile di una strana allergia alla terra rossa che le paralizza il sistema muscolare, si è resa protagonista di una prestazione opaca e scialba, esprimendo, sul campo, un tennis monotono e statico, facile preda di una Giorgi stranamente concentrata. Fatte le dovute premesse, necessarie al fine di comprendere appieno lo svolgimento dei fatti, non posso far altro che congratularmi vivamente con la bionda marchigiana. Tralasciando però il punteggio, già destrutturato in ogni suo aspetto, vorrei soffermarmi sul mero aspetto tattico.
Tanti, tra addetti ai lavori e non, hanno visto in questa vittoria una nuova rampa di lancio per l’algida Camila, definitiva prova di maturità da cui, di qui a poco, conseguirà un agile ingresso in top 10 tra trionfi Slam e coriandoli dorati. In realtà, cercando quanto più possibile di rimanere agganciati ad un’oggettività strettamente necessaria, ciò che ieri ha inondato le bacheche di tutti noi non è altro che una grande vittoria ai danni di una giocatrice incapace, per propria stessa volontà, di rifiutare la sconfitta. Sul piano puramente tecnico, infatti, nulla è cambiato. La Giorgi, fiduciosa come di consueto del suo fantasioso (azzardo astuto) piano di gioco, nient’altro ha fatto che, novità, sparare roncolanti pallate da ogni angolo del campo, pregando una sovrannaturale identità che, almeno qualcuna, restasse nel rettangolo di gioco. Opposta alla Pliskova, da anni prima nelle classifiche per numero di ace e prime vincenti, rispondeva cocciuta con i piedi sulla linea di fondo, cercando un disperato anticipo che, spesso, atterrava poco oltre il confine con la Polonia. Mai una variazione, un taglio, una smorzata. Una concitata scarica di proiettili hanno fatto irruzione sulla metà della povera Karolina, costretta, come non mai, a continue ed asfissianti rincorse.
Il risultato dunque, va elogiato in quanto ottimo. Tutto però, rimane identico. Se domani, opposta alla modesta Wang, dovesse arrivare una sconfitta, non dovremo dunque meravigliarci.

Perchè anche questa, in fondo, è Camila Giorgi.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ah perché “gioca” a tennis sta qua ?? Ma daiiiii

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luca Amadei - 7 mesi fa

    semplicemente la giorgi attacca perché non sa difendersi, e probabilmente se pensasse alla difesa non sarebbe nemmeno tra le prime 100.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pierluigi Bossini - 7 mesi fa

    Mi sento di esprimere un giudizio sul gioco tecnico tattico della Giorgi: avrebbe grandissime potenzialità x essere una delle prime del modo , ma mi pare che le manchi l’umiltà di seguire suggerimenti di tecnici che la guidino a gestire le partite!ma evidentemente e’ contenta di se stessa(Eutantimorumenos il personaggio di una tragicommedia greca!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Livio Chiametti - 7 mesi fa

    Ma chi scrive? Non si può leggere uns cosa simile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Raffaella Di Michele - 7 mesi fa

    LA testa le serve solo per BELLEZZA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gianluca Santarelli - 7 mesi fa

    Se la Giorgi sapesse anche rallentare e alzare, nonché saper aspettare o provocare l’errore altrui diventerebbe una top ten fissa!!! Finché spera di trionfare solo con bordate più o meno fortunose, resterà sempre una mediocre tennista che può aspirare ad entrare unatantum nelle prime cinquanta e nulla di più!! Mi dispiace perché il suo potenziale è davvero immenso!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paolo Massari - 7 mesi fa

    Non condivido questo post per la superbia dell’autore che forse neanche gioca a tennis. Critico spesso le prove della Giorgi, ma dopo una vittoria ,anche se su una spenta pliskova, pur non utilizzando toni trionfalistici, bisognerebbe avere un po’ di sano ottimismo. Spero, come ho scritto ieri, che la giorgi si confermi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Raffaella Di Michele - 7 mesi fa

      SE CONTINUA cosÌ CI METTO I MIEI dubbi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alberto Larghi - 7 mesi fa

    La giocatrice più stupida della storia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Livio Chiametti - 7 mesi fa

      Meno male che ci sei tu

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Romana Bertelli - 7 mesi fa

    Che cattivo !

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy