Uno, nessuno e Roger Federer

Uno, nessuno e Roger Federer

Nel tennis esiste da sempre un paradosso inaccettabile: Federer è il più forte di sempre e Nadal è più forte di Federer.
Questa notte, però, mentre l’intera città dormiva, ho assistito alla più grande dimostrazione di talento mai vista in un campo da tennis.

29 commenti

Nel tennis esiste da sempre un paradosso inaccettabile: Federer è il più forte di sempre e Nadal è più forte di Federer.
Questa notte, però, mentre l’intera città dormiva, ho assistito alla più grande dimostrazione di talento mai vista in un campo da tennis.
Lo sguardo di Nadal sul 3-1 del secondo set, dopo aver subito l’ennesimo e distruttivo break, è quello di un uomo smarrito.
La si è vista più volte, su questi campi, un’occhiata così. Mai, però, nel volto di Rafa, che ostinatamente cercava un’effimera frattura nel sublime schema tattico del suo avversario.
Lo svizzero, sadicamente superbo, volteggiava sul campo creando traccianti impensabili. Il solito top-spin brutalmente esasperato solleticava il rovescio di Roger, che, a braccio libero, disegnava il campo con disarmante facilità. Profondità, velocità, potenza. Tutto, nel suo straripante bagaglio tecnico, funzionava alla perfezione.
La partita, di per sè, é durata due punti.
Quando, al secondo quindici di gioco, l’elvetico ha giocato la prima risposta vincente, lo spagnolo ha deposto le armi, soffocato dalla continua spinta che l’ha gettato lontano dalla linea di fondo.
È, senza dubbio, la miglior versione di Federer, tornato ad esprimere un gioco da numero uno del mondo, mentalmente libero da ogni sorta di preoccupazione e fisicamente esplosivo.
Un’ora di assoluta apoteosi tennistica, dimostrazione lampante di come l’anticipo, estremizzato al massimo, risulti ingiocabile.
Come un cobra reale stritolava nella morsa le gambe del maiorchino, privato di ogni sorta di soluzione.
Nei polmoni di Rafa non entrava più aria.
Il soliloquio termina, poi, con l’ennesimo rovescio vincente, simbolo di una lampante inversione di tendenza nella quale non trova più spazio il back difensivo.
Assistiamo, dunque, alla terza (o centosettesima) vita tennistica di Federer, incentrata, come da storica tradizione, su un tennis d’attacco promosso e promulgato dall’insipido geco Edberg, portatore, ai suoi tempi, di altrettanta candida luce e fautore del nuovo schema mentale del discepolo Roger.
Adesso attenzione a Kyrgios, che già ha sbattuto fuori il salice Djokovic.
Un bad boy, d’altronde, è fatto proprio per combattere il Bene.

29 commenti

29 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sonia Saquinga - 8 mesi fa

    Penso che Federer sia un esempio di quello che dovrebbe essere un vero sportivo, e un esempio da seguire xche a pesare di essere un campione nn perde l’umanità che ogni grande dovrebbe sempre conservare e che purtroppo tanti meno campioni nn hanno forse xche nn l’hanno mai avuto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tomaso Piga - 8 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Essere i più forti non vuol dire essere imbattibili, soprattutto negli sport individuali. Ogni fenomeno sportivo hqa sempre avuto la sua bestia nera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alessia Mangano - 8 mesi fa

    Polpette

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paolo Bur Rosati - 8 mesi fa

    il piu’ forte diventera’ Davide Calvaresi. Aless Io

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Davide Calvaresi - 8 mesi fa

      Finito federer finito tennis la più grande leggenda di ogni sport mai esistita! Grazie re roger!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Davide Calvaresi - 8 mesi fa

      Comunque mi sento pronto a vincere uno slam

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Paolo Bur Rosati - 8 mesi fa

      la leggenda sei tu Davide Calvaresi. ti aspetta il quinto piano dell’ospedale(neuro)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Aless Io - 8 mesi fa

      Ahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Davide Calvaresi - 8 mesi fa

      Si sì piangerai come un bambino

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Paolo Bur Rosati - 8 mesi fa

      oggi vado a comprare le scarpe

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Paolo Bur Rosati - 8 mesi fa

      hai prenotato??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Davide Calvaresi - 8 mesi fa

      Paolo Bur Rosati stasera vado a giocare e prenoto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Paolo Bur Rosati - 8 mesi fa

      e’ giunta la tua fine!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Davide Calvaresi - 8 mesi fa

      Hahahaha ti lascio affogare nella tua convinzione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Vanessa Vio - 8 mesi fa

    Non so cosa debba fare ancora per dimostrare che il tennis ha un solo nome : Federer ! Il più grande giocatore di tutti i tempi !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Toto D'ambrosio - 8 mesi fa

    Io sicuramente sono uno di quei milioni di persone che hanno visto questa partita ritengo che è di grande maestro Federer sia giocatore più forte che la storia abbia mai avuto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Danilo Pomponio - 8 mesi fa

    Analisi impeccabile!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Alberto Dionisi - 8 mesi fa

    Stefano Laurenzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Adriano Rossi - 8 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Silvana Stamera - 8 mesi fa

    Diabolico una mente è il tennis

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Renato Borrelli - 8 mesi fa

    Bella Nic…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Fausto Varg Renier - 8 mesi fa

    Il dio del tennis, stop. Dopo di lui probabilmente smetteró di seguire questo sport.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandra Bragion - 8 mesi fa

      Non sono d’accordo con la parte in cui scrivete : Nadal è più forte di Federer ! Sono forti entrambi in un modo diverso ! Federer comunque ha dimostrato che si può sempre evolvere , imparare , migliorare a qualsiasi livello ; lui che non deve dimostrare nulla, si mette sempre in discussione : impara e ci riesce , a leggere il gioco di Nadal e sconfiggerlo ! MITICO !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Francesco Arcuri - 8 mesi fa

      5 anni di differenza, questo spiega molte sconfitte. A pari età non credo ci sarebbe stato confronto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Giorgia Grassi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Franzoni Mariella - 8 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Corrado Galasso - 8 mesi fa

    Federer è il più forte di sempre punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Marzia Rischio - 8 mesi fa

    Tutto vero

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy