Circus Preview: Murray e Serena preparano le fauci, Delpo in cerca di un nuovo miracolo newyorchese

Circus Preview: Murray e Serena preparano le fauci, Delpo in cerca di un nuovo miracolo newyorchese

Seconda ed ultima sessione di quarti di finale sui campi di Flushing Meadows. Tra i quattro incontri in programma quest’oggi, due paiono segnati sin dalla vigilia, mentre il restante paio promette di mantenere pathos ed incertezza fino alla stretta di mano finale. Quello tra Wawrinka e Del Potro si annuncia come il match più allettante di giornata, a patto che Stan si affranchi dalla pantofolaia versione 2016 per risfoderare la mannaia dei tempi migliori. Aspettative decisamente inferiori per i match tra Murray-Nishikori e Williams-Halep, accomunati da una consolidata sudditanza del nipponico e della rumena. Inedita sfida tra le due giovani rottamatrici Pliskova e Konjiuh.

Seconda ed ultima sessione di quarti di finale sui campi di Flushing Meadows. Tra i quattro incontri in programma quest’oggi, due paiono segnati sin dalla vigilia, mentre il restante paio promette di mantenere pathos ed incertezza fino alla stretta di mano finale. Il programma si apre proprio con il match più allettante, ovvero la sfida tra Stan Wawrinka e Juan Martin Del Potro.

Stan Wawrinka

I due sono reduci da un recentissimo precedente, andato in scena poco più di un bimestre fa sui campi dell’All England Club. Nell’0ccasione fu Delpo ad aggiudicarsi la contesa, al termine di un incontro caratterizzato dalla smodata sciatteria tennistica di Stan. Lo svizzero giunge all’appuntamento dopo aver scampato l’eliminazione contro Daniel Evans, annullando un match point nel tie break del quarto set. Per il resto il cammino del numero 3 del mondo è stato caraterizzato da un esordio autorevole contro Verdasco, seguito poi dalle abituali intermittenze agonistiche palesate nei match con Giannessi e Marchenko. Percorso netto, invece, per il vice campione olimpico argentino, capace di inanellare una serie di dieci set consecutivi, serie interrotta solo dal ritiro in corsa di Dominic Thiem nel match di ottavi di finale. Sebbene il mastodonte di Tandil non sia ancora stato in grado di raggiungere i picchi qualitativi che gli permisero di trionfare nell’edizione 2009, possiamo affermare che la tremebonda versione di inizio stagione è stata definitivamente debellata. Lecito aspettarsi un incontro di livello eccelso, a patto che Stanimal decida di rispolverare la sua miglior versione per l’occasione.

Grigor Dimitrov vs Andy Murray

Aspettative decisamente inferiori per il match tra Andy Murray e Kei Nishikori, non tanto per la somma dei talenti in campo, quanto per l’acclarata sudditanza del nipponico nei confronti dello scozzese. Negli otto precedenti, infatti, Special Kei non è mai riuscito ad aggiudicarsi un solo set contro il britannico, fatta eccezione per la sfida di coppa Davis dello scorso Marzo, quando il giapponese perse solo al quinto set. Discorso a parte merita la sfida delle Finals 2014, con il mendace successo di Nishikori su un Murray allo stremo dello forze, dopo il logorante tour de force delle settimane precedenti. La sfida più recente tra i due risale ai giochi olimpici di Rio, con il netto successo di Murray per 6-1 6-4. Difficile dunque prescindere da questa consolidata tendenza, acuita dal perdurante stato di grazia del bi-campione olimpico. Nishikori, al contrario, è assai lontano dalla forma migliore, come comprovano i set elargiti ad avversari del calibro di Benjamin Becker e Nicolas Mahut.

Serena Williams vs Vania King

Medesima sperequazione tecnica tra Serena Williams e Simona Halep, protagoniste del quarto di finale più blasonato in campo femminile. Così come nel caso dei due succitati colleghi, anche il bilancio tra Serena e Simona si attesta sul parziale di 7-1 in favore dell’americana. In questo caso, però, l’unico successo della rumena è giunto solo grazie al forfait della numero 1 del mondo nella semifinale dell’edizione 2015 di Indian Wells.

Karolina Pliskova vs. Venus Williams

Chiude il quadro l’inedita sfida tra Karolina Pliskova e Ana Konjuh. La ceca sembra aver superato la propria inettitudine da Slam, grazie anche al balsamico successo colto a Cincinnati alla vigilia dell’appuntamento newyorchese. Pliskova è reduce da nove successi consecutivi sul cemento nord americano, ultimo in ordine di tempo quello ottenuto su Venus Williams, giunto dopo aver annullato un match point alla decana statunitense. Scalpo eccellente anche per la giovanissima Konjuh, grazie al successo su Aga Radwanska negli ottavi di finale. La 18enne croata appare come uno dei migliori prospetti della propria generazione, meno reclamizzata di Kasatkina e Ostapenko ma altrettanto promettente.

Questo il programma di oggi:

Arthur Ashe Stadium – 18:00
Ana Konjuh vs (10)Karolina Pliskova
(6)Kei Nishikori vs (2)Andy Murray

Arthur Ashe Stadium – 01:00
(1)Serena Williams vs (5)Simona Halep
Juan Martin del Potro vs (3)Stan Wawrinka

 

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy