Eterna Venus: il ritiro può attendere, nel 2019 ci sarà

Eterna Venus: il ritiro può attendere, nel 2019 ci sarà

Venus Williams alla veneranda età di 38 anni non ha ancora nessuna intenzione di appendere la racchetta al chiodo e dopo l’eliminazione al terzo turno degli Us Open annuncia che ad Auckland, nel gennaio prossimo, sarà presente.

di Lorenza Paolucci, @1987_Lorenza

Ha confermato che a gennaio 2019 ad Auckland ci sarà, pronta per la sua diciannovesima stagione da professionista. Venus Williams, leggenda del tennis mondiale, ha ancora voglia di giocare, nonostante i 38 anni di età (è una delle cinque giocatrici più vecchie del circuito), una malattia autoimmune (sindrome di Sjögren) che a volte le impedisce persino di alzarsi dal letto ed una carriera che non è più quella vincente dei tempi d’oro.

IL RAPPORTO SPECIALE CON LA SORELLA SERENA Agli Us Open si è fermata al terzo turno sconfitta duramente dalla sorellina Serena che in trenta dei loro “sorellicidi” l’ha battuta ben diciotto volte. Numeri che da sempre descrivono Serena più talentuosa e forse più affamata di vittorie rispetto alla Venere Nera la quale nutre un atteggiamento molto protettivo nei confronti della sorella maggiore, uno dei motivi probabili delle numerose sconfitte subite da Serena.

Un rapporto quello tra le due sorelle più famose dello sport mondiale veramente speciale, frutto di un’infanzia difficile vissuta a Compton malfamato sobborgo di Los Angeles, dove hanno visto essere uccisa la loro sorellastra in una guerra tra clan del quartiere. Il tennis le ha salvate dalla strada, una strada che Venus ha saputo spianare alla sorella minore fino a vedersi sorpassare nella ricorsa alla storia del tennis.

dentro

VENUS ICONA DI EMANCIPAZIONE Ma Venus è stata la prima a firmare l’egemonia che per un decennio il casato Williams ha saputo tessere nel circuito WTA, e soprattutto è stata simbolo di emancipazione e di lotta al razzismo, in un periodo in cui in America le persone di colore facevano ancora fatica ad affermarsi nella società. La Venere Nera è stata la prima afroamericana a raggiungere la vetta della classifica WTA (raggiunta nel 2002), vanta in bacheca quarantanove titoli in singolare, tra cui sette slam, un oro olimpico (in singolo e doppio) e ventidue titoli in doppio (tra cui 16 slam).

Quest’anno ha giocato appena undici tornei, un titolo le manca dal 2015 e la sua carriera ai livelli che le competono sembra essere tramontata da tempo. Venus però vuole esserci ancora, non si sente arrivata e pare essere ringiovanita anche nella vita sentimentale che la vede legata al milionario Nicholas Hammond, erede della rivista “TV Guide” che di anni ne ha 25.

Il tempo per fare la zia a tempo pieno della piccola Alexis Olympia, primogenita di Serena, non pare essere ancora arrivato.

Venus c’è, e ci sarà anche nel 2019.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy