In difesa di Monfils

In difesa di Monfils

La semifinale tra Djokovic e Monfils ha offerto un motivo di interesse ulteriore grazie al comportamento del francese: tattica, nervosismo, provocazione?

Sono piovute da diverse parti parecchie critiche a Gael Monfils per via della sua “tattica” durante il match contro il numero uno del mondo ieri, nella notte italiana, in occasione della prima semifinale dello Us Open 2016. Si sa che è “Lamonf”, come molti francesi usano chiamare il talento transalpino, è un personaggio decisamente sui generis: svogliato e annoiato, talvolta capace di infortunarsi al primo game di un match per recuperare una palla impossibile (citofonare Seppi) o distruggere un display in un’azioen di gioco, abile “air-player”, giocoliere e funambolo che sa usare bene la sua straordinaria fisicità per irretire il pubblico. In occasione di questa semifinale Monfils si è però superato, offrendo un misto di sfrontatezza e disinteresse davvero poco spiegabili con l’atmosfera di una semifinale Slam.

1921790-40431285-2560-1440

Molti, dicevamo, tra gli addetti ai lavori hanno aspramente criticato il francese. Addirittura John McEnroe ha definitivo “inaccettabile” la condotta di Monfils, e se lo dice uno come lui, esperto nel polemizzare a tutte le latitudini, dovrà esserci qualcosa di vero. Andando contro corrente però viene voglia di ringraziare (!) il giocatore francese. Perché mai? Ebbene, dopo 12 sconfitte di fila subite per mano del serbo, Monfils ha provato forse scientificamente a sparigliare le carte in tavola: la sua dichiarazione infatti pare andare in questa direzione, quando candidamente dice “non esiste un solo modo per giocare a tennis”. Del resto, se la “sabr”, ovvero la risposta anticipata al servizio di Federer è stata lodata come una straordinaria gestualità tecnica, perché mai ora, se interpretata da Monfils, dovrebbe diventare un gesto di irriverenza nei confronti dell’avversario?

Ringraziamo dunque Monfils per la sua indolenza, per il suo aver provato a distrarre il suo avversario, per quelle strane traiettorie lente che avevano come obiettivo quello di non dare punti di riferimento al colpitore serbo, stra-favorito e, probabilmente, impermeabile ad ogni tentativo precedente di scardinarne il tetragono gioco. Del resto Monfils non ha giocato con questa tattica indolente dall’inizio: è partito molto male, ha poi provato a tirare a tutto braccio dallo 0-5 in poi e si è accorto sull’1-5 che Djokovic tendeva a calare l’attenzione a causa delle sue stramberie tattiche. Perché mai avrebbe dovuto quindi smettere? Specie se, dati alla mano, si issava fino alla palla del definitivo contro-break nel primo set?

gael-monfils-pouille-us-open-2016

Il serbo ha subito sicuramente il contraccolpo, ma ha avuto poi la capacità di rimettere il match sui binari a lui più congeniali. E qui un altro momento importante. Sotto di due set Monfils veniva bellamente fischiato dai tifosi americani, che pretendevano una partita per accompagnare i loro hot-dog. Che faceva Monfils? Iniziava a tirare tutto, a giocare aggressivo, e riusciva nuovamente a destabilizzare Nole e a portare a casa il terzo set.

Il match è finito come sappiamo, con la vittoria del giocatore più forte. Ma ringraziare Monfils è doveroso, perché, per una volta, ci ha offerto un motivo per sorridere, per stare più attaccati al match, perché ci ha ricordato che il tennis può essere lo sport dei cyborg, ma resta essenzialmente quello degli uomini pensanti, svogliati, dinoccolati e, vivaddio, imprevedibile.

17 commenti

17 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco Genovese - 1 anno fa

    Secondo me l emozione o la tensione o la brutta giornata non riusciva a fare il suo gioco …ha provato altre varianti altrimenti la partita finiva meno di un ora

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gigi Amoroso - 1 anno fa

    13-0 nei confronti diretti game over

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Luca Nocchi - 1 anno fa

    Irrispettoso…….ma se non fa in quel modo, dura quanto un gatto in tangenziale, 6/1,6/2, 6/1 e lui l ha capito subito ed ha provato a fare quello che fanno tanti giocatori nei circoli pur di cercare di vincere. Comunque qualcosa di nuovo anche se poco istruttivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fabio Alloni - 1 anno fa

    Un folle ,ha buttato al vento 2 set

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Egidio Marek Fistetti - 1 anno fa

    Se giocava così contro federer avrei voluto sentire tanti commenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Egidio Marek Fistetti - 1 anno fa

    Quanti maestri tennis in chat

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Tennis Circus - 1 anno fa

    Ora siamo anche su TELEGRAM!!! https://telegram.me/tenniscircus Iscrivetevi numerosi! 😉 😉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Damiano ROlland - 1 anno fa

    Ringraziare Monfils? Cavolo proprio no. È iniziato male 0-5, ma non vuol dire nulla. L’importante è come finisci, sentite Nishikori che beccato un 6-1 da Murray ha continuato a giocare ugualmente ed a VINCERE.
    Paragonare il Sabr un colpo estemporaneo di una difficoltà elevatissima (provate a farlo) a stare fermi in mezzo a campo tirando mozzarelle (sono buoni tutti) è un’assurdità.
    Ieri ho capito perché Monfils non è riuscito a vincere davvero nel tennis. Ha doti tecniche meravigliose, ma è un pessimo giocatore. Dovrebbe ripagare il biglietto ad ogni spettatore dello stadio, loro si vittime di un capriccio da under 12.
    La mia stima nei suoi confronti è calata moltissimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Luca Shalfi Dal Fitto - 1 anno fa

    X me è un comportamento pessimo,ma gli ha portato beneficio x un set

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Andrea Ignazzi - 1 anno fa

    Alla domanda riferita alla “Sabr” ti rispondo che non conta il messaggio ma il messaggero. Federer potrebbe pure fare il dito medio all’avversario o gettare una pallina sull’avversario a gioco fermo e non sarà mai criticato ma elogiato (ho volutamente estremizzato il concetto)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca Shalfi Dal Fitto - 1 anno fa

      Abbastanza estremo si

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Damiano ROlland - 1 anno fa

      Insomma. Il Sabr è una tattica di gioco, qui Monfils non ha giocato.
      Sinceramente Federer (o Nadal o Djokovic) non hanno mai tenuto comportamenti solo vagamente simili da quando sono diventati professionisti.
      Ma gli spettatori che cosa hanno visto ieri? Monfils che non faceva nulla. Una vergogna. Un conto è Tsonga che si è infortunato, ma Gael ha fatto il coglione, perdonami il termine.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Andrea Ignazzi - 1 anno fa

      Damiano ROlland la domanda di Alberto (che personalmente reputo davvero bravo) è questa:Del resto, se la “sabr”, ovvero la risposta anticipata al servizio di Federer è stata lodata come una straordinaria gestualità tecnica, perché mai ora, se interpretata da Monfils, dovrebbe diventare un gesto di irriverenza nei confronti dell’avversario?
      Quindi sinceramente non capisco il tuo commento in risposta al mio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Damiano ROlland - 1 anno fa

      Facile. Giocare come ha fatto Monfils è facilissimo, praticamente è un rimettere la palla d’altra parte o sparare 5 metri fuori. Quindi per una volontà di perdere.
      Giocare la Sabr è un gesto tecnico di grandissima difficoltà che non ha nulla a che vedere con lo spettacolo (chiamiamolo così?) di ieri.

      Mi ha dato noia la tua estremizzazione, veramente fuori luogo. Federer noné criticato perché il suo Sabr è un colpo tecnico, mentre lo show di ieri non era tennis. Lo svizzero (ma come ho detto pure tanti altri) ha tenuto comportamenti ottimi da quando è professionista. Monfils, invece a solo dimostrato una volta di più che è un pessimo giocatore. Perché un conto è essere un talento, un conto è avere l’umiltà e la perseveranza di finire un match sapendo di perdere (chiedi a Lorenzi)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Andrea Ignazzi - 1 anno fa

      Damiano ROlland perdonami Damiano lungi da me continuare questo scambio di battute ma forse non sono stato chiaro. Non si parla del comportamento di Monfils, la domanda era se un gesto tecnico “x” lo fa Federer viene lodato se lo fa Monfils è irriverenza. Si parla solo del “colpo” non dell’atteggiamento. È come se lo stesso paragone lo si facesse con il rovescio in salto di Rios o qualche fantastico colpo di Coria. Cerca di scollegare il contesto del match, l’interpretazione del match di ieri di Monfils non centra, non posso emettere giudizi perché neanche l’ho visto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Damiano ROlland - 1 anno fa

      Ma il punto essenziale è che Federer non fa queste cose. Se Federer avesse giocato così l’avrebbero fischiato tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Enrico Carrossino - 1 anno fa

    Ha riaperto un set in quella maniera… Ha fatto bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy