Nadal, tra rumore e dubbi (su Murray)

Nadal, tra rumore e dubbi (su Murray)

Rafael Nadal parla dopo aver sconfitto non senza difficoltà Lajovic e ne ha per tutti, compreso Murray.

di Alberto Maiale, @albertomaiale

Non è una novità assistere, specie in occasione dei tornei del Grande Slam, alle esternazioni della famiglia Nadal. Che sia l’ineffabile zio Tony o il prodige Rafa non c’è differenza, perché la notizia ed il titolo per la redazione è assicurato. Questa volta il campionissimo di Mallorca ha deciso di dire la sua sia sulle condizione indoor nelle quali ha giocato al Billie Jane King Centre in occasione del suo primo turno contro il talentuoso quanto effimero Dusan Lajovic, che sul ritiro di Andy Murray. In effetti il pubblico presente sul centrale è particolarmente caldo, chiacchierone, caciarone (insomma, statunitense), una situazione non sempre ideale per giocare a tennis, e guardando il match un certo fastidio era evidente nelle espressioni dei giocatori che cercavano la concentrazione nei momenti, pochi a dire la verità, decisivi.

2013 US Open - Day 15
Rafa Nadal

Nadal non ha certo voluto creare polemiche circa le condizioni di gioco, ma ha precisato che “qualcosa si dovrebbe fare”. In effetti tacere è d’obbligo nel tennis, e talvolta non solo in campo. Di fatti, un vecchio motto recitava un bel tacer non fu mai detto. Mi pare il caso della dichiarazione che Rafa Nadal ha fatto circa il ritiro, a quanto pare fino al termine della stagione 2017, di Andy Murray “a tabellone fatto”. In particolare lo spagnolo ha definito “strano” il comportamento dello scozzese, che si sarebbe ritirato solo dopo la formazione del main-draw e non prima, come avrebbe potuto far supporre un infortunio più grave. Insomma, un accenno di polemica, un seme sparso nel vento, ma si sa, che la calunnia è un venticello. La domanda allora è: a cosa allude Nadal? Ad una Murray che ha ingigantito il suo infortunio?, che ha snobbato l’ultimo Slam della stagione, che non ha avuto voglia di stringere i denti magari perché ha pensato che il cammino versa la finale non era poi così comodo?

Andy Murray
Andy Murray

Parole non esattamente fair, per dirla in inglese. Nadal avrebbe potuto intanto rispettare un grande avversario in chiaro stato di difficoltà, evitando di alimentare quanto meno dubbi, proprio lui, che si porta dietro ombre non esattamente gradevoli da gestire (e da sopportare, immaginiamo) e che spesso, soprattutto dopo qualche sconfitta, ha dimostrato di perdere facilmente la lucidità che si addice ad un campione di tal fatta, o al suo clan.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Patrizio Rossi - 2 anni fa

    Ha ragione al 100% e poiché è un signore e soprattutto uno sportivo ci va piano con le parole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Consuelo Fabbri - 2 anni fa

    Il solito Nadal … con quasi tutti i più forti fuori fa LO SBORONE .. TANTO NON VINCIII

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Camolli Marco - 2 anni fa

      El Rey !!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Riccardo Mocci - 2 anni fa

    A dirla tutta caro giornalista trovo meno trasparenti e fondate le tue allusioni rispetto al commento di Nadal. Definire “Strano” il comportamento di Murray è un complimento in quanto sappiamo tutti chi tra i due si comporti spesso in modo scorretto, come appunto in questa occasione. Nadal in confronto è un gran signore!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Maiale - 2 anni fa

      Ho alluso alle accuse, mai provate, di doping, precisando che proprio per questo dev’essere fastidioso da sopportare per lui. Per tanto, quale ragione ha lui di attaccare Murray? Non sono forse illazioni. E poi, nel 2009 a Wimbledon non aveva fatto la stessa cosa? L’etichetta in casa Nadal non è molto coltivata, prova ne siano le numerose esternazioni, solitamente dopo sconfitte, fatte sia da lui che dallo zio Tony.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alda Niccolai - 2 anni fa

    Su Murray gli farei coro, scorretto è poco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giulio Lalli - 2 anni fa

    Fatemi capire quali sono le ombre che si porta dietro Nadal??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Angela Bruni - 2 anni fa

    Ha fatto benissimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Andrea Covacich - 2 anni fa

    Ha fatto bene. Soprattutto per Murray, il suo ritiro è per lo meno “Strano”. Si è accorto solo a tabellone fatto che non era in grado di giocare? Oppure non lo era già da Luglio, visto che ha saltato gli altri due 1000? Atteggiamento assolutamente scorretto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Raffaele Di Sarno - 2 anni fa

      Nadal fece una cosa simile in Wimbledon 2009 ritirandosi venerdì sera o lunedì mattina… il bue chiama cornuto l’asino?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mattia Tundis - 2 anni fa

      Infatti dice cose giuste ,il problema è che lo dice proprio lui

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Alda Niccolai - 2 anni fa

      Oh mamma non lo sapevo,e non so per quali ragioni lo ha fatto, questo non toglie che Murray sia scorretto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy