US Open, ottavi: Nadal perde un set ma vince contro Basilashvili, promosso Thiem

US Open, ottavi: Nadal perde un set ma vince contro Basilashvili, promosso Thiem

Buona prestazione di Rafa Nadal, che supera in quattro set Basilashvili e centra i quarti di finale. Il maiorchino ora affronterà Dominic Thiem, che ha sconfitto in maniera piuttosto netta il finalista in carica del torneo, Kevin Anderson.

di Antonio Sepe

Continua a vincere Rafa Nadal, che nella giornata odierna supera in quattro set il georgiano Basilashvili e si qualifica per i quarti di finale del torneo. Buona la prestazione del numero uno al mondo, che si è trovato di fronte un avversario più ostico del previsto, capace tra l’altro di mettere a segno 56 vincenti, ma ha reagito piuttosto bene ed ha prevalso dopo circa tre ore e mezzo di gioco. Abbastanza positiva, comunque, nel complesso la prestazione di Rafa Nadal, che è sempre stato in controllo del match e, seppur il tie-break del terzo set non sia stato giocato in maniera perfetta, impedendo infatti allo spagnolo di chiuderla in tre, Basilashvili non ha mai dato l’impressione di poter seriamente impensierire il suo avversario. Molto solido al servizio, Nadal si è destreggiato piuttosto bene anche in risposta ed ha messo a segno 30 vincenti; inoltre, è stato capace di salvare 5 palle break su un totale di 7 fronteggiate. Buona parte dell’imprevedibile andamento dell’incontro, però, va attribuita a Basilashvili, il quale ha messo in atto la sua solita tattica che non prevede mezze misure, e che spesso ha messo fine allo scambio con un vincente o con un errore non forzato. Al prossimo turno, il leader del ranking mondiale troverà Dominic Thiem, sempre affrontato su terra rossa e contro il quale conduce 7-3 nei precedenti. Come già anticipato, però, le sfide tra di loro assumono un’importanza relativa dato che nessuno di essi si è giocato su cemento. 

PRIMO SET- Pronti, partenza, via e subito l’incontro parte su ritmi molto alti, con entrambi i giocatori che servono molto bene e tengono i loro turni di battuta in maniera poiuttosto agevole, ma anche veloce. A spezzare questa catena ci ha pensato Rafa Nadal, che nell’ottavo gioco ha strappato il servizio il suo avversario ed ha messo a segno il break che gli ha consegnato il primo parziale, chiuso con il punteggio di 6-3 dopo 34 minuti di gioco. Pochi errori da parte di Nadal, che si è appoggiato molto bene sui colpi esplosivi del suo avversario, il quale si è spinto in due occasioni fino a 30 sulla battuta avversaria, ma senza mai riuscire a mettere a segno il colpaccio. Nadal us open

SECONDO SET- Nel secondo parziale, è ancora una volta lo spagnolo a prendere in mano le redini dello scambio e del set, mettendo in atto la sua tattica grazie ad un break giunto nel game d’apertura che gli ha agevolato il compito. L’occasione per rientrare nel set, però, Basilashvili ce l’ha avuta nel quarto gioco, dove ha mancato tre palle break. Come spesso accade, il treno non passa una seconda volta e, complice qualche errore di troppo, ben 15 a fine set, il georgiano ha ceduto il servizio una seconda volta nel parziale, di preciso nel nono gioco, ed ha consentito a Nadal di chiudere 6-3. Differentemente dal parziale precedente, questo set è stato caratterizzato da parecchi errori e da diverse scelte tattiche sbagliate che hanno penalizzato entrambi i giocatori. Malgrado quasi nessun game sia stato lottato, neppure quelli dove sono arrivati i due break in favore di Nadal, il set è durato un quarto d’ora in più rispetto a quello d’apertura a causa di scambi più lunghi e, di conseguenza, ad errori non forzati dovuti proprio alla volontà di cercare un modo per uscire dal palleggio prolungato. 

TERZO SET- La terza frazione di gioco è stata probabilmente la più bella e la più spettacolare in quanto il punteggio è rimasto in bilico fino alla fine e Basilashvili è riuscito a contenere gli spunti offensivi di Nadal. Fin da subito è stato molto bravo il georgiano, che nel secondo gioco ha annullato cinque palle break al suo avversario e, nel gioco seguente, ha completamente ribaltato le sorti del set, portandosi addirittura avanti di un break. L’euforia di Nikoloz è però durata poco in quanto Nadal ha immediatamente messo a segno il contro break ed ha riportato in parità la situazione. Da qui in poi, ogni singolo turno di servizio fino al tie-break è stato tenuto a 15 o a 30 ma, proprio in assenza di palle break, il tie-break è stato l’unico epilogo possibile. Dopo essere stati praticamente punto a punto dall’inizio alla fine, a piazzare l’allungo definitivo è stato Basilashvili, che ha chiuso al secondo set point, vincendo 8-6, ed è stato meritatamente premiato dei suoi sforzi. Dopo un’ora e 16 minuti di gioco, il georgiano ha potuto un bilancio di 23 vincenti a fronte di appena 17 errori, migliorando decisamente rispetto ai set precedenti.

Nikoloz Basilashvili
Nikoloz Basilashvili

QUARTO SET- Nel parziale finale, nonostante Nadal potesse archiviare la pratica già nei primi giochi, avendo a disposizione due palle break per portarsi avanti 4-1 col doppio break, il set è andato per le lunghe, o almeno è durato più del previsto, in quanto il georgiano ha recuperato il break di svantaggio, inanellando un game clamoroso pieno di vincenti e bordate da ogni parte del campo. Nadal ha però messo fine alla partita in maniera definitiva grazie al break ottenuto nel settimo gioco, che ha sancito per l’ennesima volta le gerarchie ed ha consegnato a Nadal il pass per i quarti di finale. Volge al termine, dunque, dopo tre ore e mezza circa un match piacevole e di alto livello, che Nadal si aggiudica in quattro set. 

SUPER THIEM- Vittoria più che convincente per Dominic Thiem, che finalmente comincia ad ottenere risultati degni di nota anche su superfici diverse dalla tanto amata terra battuta. Il tennista austriaco si è imposto a sorpresa in tre set ai danni di Kevin Anderson, finalista in carica, ma ciò che desta più scalpore non è la vittoria in sè, bensì le modalità con cui essa è arrivata. Thiem ha infatti disputato un match grandioso, dove non ha concesso neppure una palla break ed ha perso appena 4 punti con la prima di servizio. Inoltre, un altra statistica che testimonia la superiorità di Thiem è il bilancio di 42 vincenti ed appena 13 errori che l’austriaco ha potuto vantare in questo quarto turno. Tre set piuttosto diversi tra di loro vinti da Thiem, il quale si è assicurato il primo parziale per 7-5 grazie al break ottenuto nell’undicesimo gioco, ha poi dominato il secondo set chiudendo 6-2 in appena 37 minuti grazie ad un break in apertura e una in chiusura, ed infine ha chiuso al tie-break la terza frazione di gioco, pur avendo avuto a disposizione una palla break sul 3 pari. Si qualifica dunque per i quarti di finale la tds 9, che migliora il suo personale risultato agli Open d’America e sfiderà Nadal per un posto in semifinale.

Us Open – Quarto turno

(1) R Nadal d N Basilashvili 63 63 67 (6) 64

(9) D Thiem d (5) K Anderson 75 62 76 (2)

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Paolo Cerbai - 3 settimane fa

    Si contano sulle dita di una mano i giocatori in grado di tirare più di 50 vincenti in 4 set a Nadal. Basilashvili è tra questi. Non poteva fare di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Aurecchia - 3 settimane fa

      si ma hanno scritto buona prestazione di nadal..io non direi esattamente di una buona prestazione..il quarto set era rimesso in piedi e recuperato da basilasvihili..poi si lascia ribbreccare come un fesso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Teresa Albertella - 3 settimane fa

      Grande Rafa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Riccardo Mocci - 3 settimane fa

      Concordo, è stata una prestazione mediocre, abbastanza deludente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Roberto Aurecchia - 3 settimane fa

      Riccardo Mocci sicuramente non muore mai..ma pochissimi vincenti da parte di nadal..ha dalla sua che ti manda sempre la palla dall altra parte..non mi emoziona il suo tennis più di tanto

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy