US Open, secondo turno: crollo di Kerber che la spunta al terzo set, avanti Kvitova e Osaka, fuori Kasatkina

US Open, secondo turno: crollo di Kerber che la spunta al terzo set, avanti Kvitova e Osaka, fuori Kasatkina

Avanza Kerber in tre set dopo un inspiegabile crollo sul 6-2 5-2 contro Johanna Larsson. Bene Kvitova contro Yafan Wang. Al terzo turno anche Osaka, fuori a sorpresa Kasatkina per mano di Sasnovich.

di Andrea Lombardo

Iniziano a delinearsi i terzi turni degli US Open: oggi in campo Angelique Kerber, Petra Kvitova, Osaka e Kasatkina. La ceca, pur con qualche difficoltà, si è imposta in due set sulla Wang. Bene anche Osaka, che ha dominato contro Glushko. Eliminata a sorpresa Daria Kasatkina, testa di serie numero 11, da Aliaksandra Sasnovich. Avanza a fatica Angelique Kerber, che ha sprecato un vantaggio di 6-2 5-2 e due match point prima di spuntarla al terzo set.

BENE KVITOVA – Dopo un buon inizio, Petra Kvitova si è immediatamente portata avanti 4-1 e servizio. Da quel momento in poi l’inerzia è passata nelle mani di Yafan Wang che, approfittando di una Kvitova fallosa e ferma sulle gambe, si è portata sul 4 pari. Brava la cinese a mandare in confusione la ceca, variando molto tra slice, colpi potenti e traiettorie alte, provocando gli errori della Kvitova. Nel momento di servire per restare nel match, non c’ è stato nessun problema per la mancina, che ha tenuto il servizio a 0. Tuttavia, continua ad essere particolarmente discontinua, alternando vincenti ad errori vistosissimi.
A decidere le sorti del set è stato un punto lunghissimo e molto intenso vinto dalla Kvitova sul 5-5* 15-15. Grazie al break ottenuto, Petra chiude il set al quinto set point. 
Secondo set decisamente migliore per la Kvitova, più costante e in controllo del match. A decidere le sorti del secondo parziale è stato proprio un break iniziale, che la ceca ha saputo mantenere fino alla fine. Al terzo turno si prospetta una sfida avvincente contro Aryna Sabalenka, reduce dal suo primo titolo a New Haven e in grandissima forma.

KERBER VINCE A FATICA –  Sin dai primi scambi, l’inerzia del match è sempre stata a favore della tedesca, cinica in risposta e praticamente perfetta alla battuta. Il primo set si chiude con un netto 6-2, senza palle break concesse da Kerber. Il secondo set continua sulla scia del primo: una Kerber solida da fondo campo, capace di sfondare grazie al dritto lungolinea che le permette di andare avanti di due break sul 4-1. In maniera inaspettata, arrivano le prime palle break a favore di Larsson che recupera un break di svantaggio. La teutonica, però, sembra non voler perdere tempo e strappa nuovamente la battuta alla svedese e va a servire per il match dopo un’ora e sei minuti. A causa di qualche errore di troppo, Kerber si fa breakkare e nonostante i due match point in risposta non riesce a chiudere. Improvvisamente il match si complica: da 5*-2 Larsson riesce addirittura a sorpassare la sua avversaria fino al 6-5*. L’inspiegabile crollo della Kerber sembra non voler avere fine, tant’è che con una quantità esagerata di non forzati cede il set per 5-7.
Nel terzo set si palesano ancora di più le difficoltà dell’ex numero uno del mondo, spesso piegata sulle gambe e visibilmente sofferente, forse a causa del caldo eccessivo. Nessuna delle due giocatrice brilla, entrambe sono lontane dal loro miglior tennis: la lotta, oltre che fisica, è puramente mentale. Kerber riesce ad andare in vantaggio ma non riesce a mantenerlo, contro una Larsson che non ha la minima voglia di cedere. Sul 4-4 la svedese perde la battuta e consente alla teutonica di andare a servire, nuovamente, per il match. A più di 10 games di distanza dal primo match point, Angelique Kerber chiude rimontando da 0-30. 

Angelique Kerber
Angelique Kerber

AVANTI LE BIELORUSSE – Continua la striscia di vittorie consecutive di Aryna Sabalenka, che oggi si è imposta sulla veterana Vera Zvonareva in due set. Dopo un primo set in pieno controllo, la bielorussa ha rischiato di cedere il secondo set al tie-break, in cui ha anche annullato due set point con grande autorità. Al terzo turno sfiderà Petra Kvitova, in quello che potrebbe essere davvero un match spettacolare.

La prima sorpresa di giornata è arrivata per mano di Aliaksandra Sasnovich. La bielorussa si è imposta in due parziali su Daria Kasatkina, troppo fallosa soprattutto nei momenti cruciali. Dopo un primo set dominato da Sasnovich, la russa è stata avanti prima 3-1 e poi 5-3, ma non è riuscita a tenere saldo il vantaggio, portando il set al tie-break. Ancora una volta, troppi gli errori non forzati della Kasatkina che ha chiuso il match con un dritto out.

DOMINA OSAKA – Nessun problema per Naomi Osaka, che in appena 50 minuti ha superato la qualificata Julia Glushko. Match totalmente dominato dall’inizio alla fine: troppa la differenza tra le due sotto ogni aspetto.

RISULTATI SECONDO TURNO: 
N. Osaka df. Julia Glushko 62 60
P. Kvitova df. Y. Wang 75 63
A. Kerber df. J. Larsson  62 57 64
J. Larsson df. A. Kerber 26 75
A. Sasnovich df. D. Kasatkina 62 76(3)
A. Sabalenka df. V. Zvonareva 63 76(7)
D. Cibulkova df. S. Hsieh 76(4) 46 64

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabrizio Bassani - 2 mesi fa

    Probabilmente vittima di una botta di caldo…..solo l’ippopotamo lo mettono alla sera col freschetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roberto Aurecchia - 2 mesi fa

      perché djokovic come al prima macht non si è sentito bene subito all incontro successivo lo hanno messo di sera…!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy