Wimbledon donne: Garbiñe Muguruza supera in una sfida epica Angelique Kerber

Wimbledon donne: Garbiñe Muguruza supera in una sfida epica Angelique Kerber

Al termine di una sfida che verrà ricordata per lungo tempo, Garbiñe Muguruza riesce a battere Angelique Kerber. 4-6 6-4 6-4 lo score in favore della spagnola che con una superba rimonta estromette dai Championships la testa di serie numero 1 che, oltre alla sconfitta, da lunedì non sarà più la prima giocatrice del mondo. Avanza ai quarti di finale anche Jelena Ostapenko, ok in due set contro Elina Svitolina. Prova di forza di Svetlana Kuznetsova contro la Radwanska.

MUGURUZA FA FUORI L’ORMAI EX NUMERO 1 – Dopo il tradizionale “middle Sunday”, non poteva esserci inizio più scoppiettante nella seconda settimana dei Championships. In quella che potrebbe essere definita una finale anticipata Garbiñe Muguruza è riuscita a battere Angelique Kerber rimontando alla mancina di Brema il primo set perduto per 6-4. L’incontro comincia sotto il segno dell’equilibrio, ma è la tennista spagnola a palesare i primi errori fin quando, nel nono gioco, dopo essersi assicurata il precedente ai vantaggi, Angelique Kerber, al miglior match della sua stagione, riesce a strappare il servizio all’avversaria piazzando l’unico e decisivo break del parziale.

Nel secondo set è sempre la Kerber a dar l’impressione di comandare gli scambi. Garbiñe Muguruza riesce a salvare due breakpoint rimanendo aggrappata alla gara e al sesto gioco mette in seria difficoltà Angelique Kerber costretta a fronteggiare il primo breakpoint della sfida. La Kerber si salva dal 2-4 annullando la palla break e chiudendo il difficile game con un ace, ma il segnale d’allarme è suonato. La Muguruza è paziente e al decimo gioco mette a segno il break nel momento più delicato del parziale. 6-4 per la tennista di origini venezuelane e la sfida va al terzo set.
Il parziale decisivo è ancor più spettacolare e si apre con un break da parte della numero 1 del mondo che ruba il servizio avversario con un vincente di rovescio su cui nulla può la finalista del 2015. La tensione per le due tenniste è palpabile e lo si evince dai continui capovolgimenti del canovaccio di gara: altri tre break consecutivi portano il risultato sul 3-3, nel drammatico settimo gioco la Muguruza cancella quattro breakpoint e, come già accaduto nel precedente set, si arriva al decimo game dove la ventinovenne di Brema subisce il fatale break alla terza occasione utile. Gioia moderata per la Muguruza che inanella il quinto successo consecutivo contro la Kerber; Angelique Kerber che, oltre al pubblico londinese, saluta la prima posizione nel ranking Wta: da lunedì il suo posto sarà preso da Karolina Pliskova o Simona Halep, se la rumena dovesse riuscire a raggiungere almeno le semifinali all’All England Lawn Tennis and Croquet Club.

Angelique Kerber, finalista ai Championships lo scorso anno.
Angelique Kerber, finalista ai Championships lo scorso anno.

Ai quarti di finale la Muguruza sfiderà Svetlana Kuznetsova impostasi di forza su Agnieszka Radwanska in due set.
L’inizio della pietroburghese, 37 vincenti contro i 13 della polacca al termine del match, annichilisce la Radwanska che cede i primi due turni di battuta trovandosi subito sotto 4-0. I precisi diritti della Kuznetsova la portano a intascare il primo set senza alcuna difficoltà sul 6-2 dopo soli trentatré minuti di gioco. La polacca tira fuori gli artigli nel secondo segmento, ma la russa non molla di un centimetro neppure quando, chiamata a servire per il match, si trova sotto 15-40 a causa dell’ultimo acuto della Radwanska: Svetlana non si scompone, mette a segno quattro punti di fila e chiude la contesa ritornando ai quarti di Wimbledon a dieci anni dall’ultima volta.

OSTAPENKO E RYBARIKOVA AVANTI – Sul campo 12, è stata l’affascinante sfida tra Jelena Ostapenko ed Elina Svitolina (rispettivamente quinta e terza nella race per Singapore) ad aprire il programma di giornata. La lettone, nonostante un momento di blackout nel finale, è più cinica nei momenti chiave e riesce a battere la vincitrice degli Internazionali d’Italia per 6-3 7-6(6).
Dopo essersi assicurata il parziale inaugurale, la Ostapenko prosegue il dominio della sfida fino a quando, sul 5-4 40-15, accusa il più classico “braccino”, non riuscendo a sfruttare quattro matchpoint – uno era sfumato già nel precedente game con la Svitolina al servizio. Elina Svitolina breakka la sfidante ai vantaggi, si porta sul 6-5, ma chiamata a servire per pareggiare il numero dei set, subisce il ritorno della vincitrice del Roland Garros che porta l’esito della frazione al tiebreak. L’ucraina sale sul 3-1, ma la Ostapenko infila cinque dei seguenti sei punti e alla fine, al terzo matchpoint del tiebreak, l’ottavo dell’intera gara, riesce ad archiviare la sfida e a centrare l’accesso ai quarti di finale.
Prosegue senza freni il cammino di Magdalena Rybarikova. La slovacca, dopo aver fatto fuori al secondo turno Karolina Pliskova, batte in tre set Petra Martic. La Rybarikova, al nono successo consecutivo, accede per la prima volta ai quarti di un torneo del Grande Slam e nel prossimo incontro sfiderà la vincitrice del match tra CoCo Vandeweghe e Caroline Wozniacki.

Wimbledon – Quarto Turno
[14] G. Muguruza b. [1] A. Kerber 4-6 6-4 6-4
[7] S. Kuznetsova b. [9] A. Radwanska 6-2 6-4
[13] J. Ostapenko b. [4] E. Svitolina 6-3 7-6(6)
M. Rybarikova b. [Q] P. Martic 6-4 2-6 6-3

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy