Wimbledon; il pagellone femmminile

Wimbledon; il pagellone femmminile

Wimbledon 2016 nel segno delle sorelle Williams. Deludono Garbine Muguruza e Petra Kvitova. Ottime la Kerber e la sorpresa Vesnina. Bilancio amaro per le azzurre.

Commenta per primo!
SERENA WILLIAMS  10
Arduo trovare aggettivi per descrivere la grandezza di quella che è, probabilmente, la più grande tennista di sempre. A lungo inseguito, è finalmente arrivato lo Slam che la pone sullo stesso piano di Steffi Graf. Una Serena a  posto nel fisico ,  convinta come solo lei sa essere e dominatrice dal principio alla fine in ogni match  ha messo le mani sul suo settimo trofeo londinese. Solo le briciole per le avversarie . Di più, il trionfo in doppio con Venus.
VENUS WILLIAMS 10
Raggiungere la semifinale dello Slam più prestigioso ed assicurarsi il trionfo in doppio con Serena ,alla veneranda età di trentasei anni,  è proprio  dei grandissimi. E Venus lo è. Un capolavoro via l’altro; in singolare ha ceduto solo ad un’ottima Angelique Kerber. Ma è stato fantastico per tutti gli appassionati vedere, ancora una volta, momenti di tennis di sublime bellezza. Grazie Venus.
venus 3
ANGELIQUE KERBER 9
Tutto perfetto, compreso un quarto di finale da incorniciare contro la Halep ed una semifinale eccellente contro la grande Venus. La tedesca ha provato a bissare il successo di Melbourne e , forse, avrebbe potuto osare un pò di più in finale. Il braccio e la corsa c’erano ma…. il gigante di là della rete ha deciso altrimenti.

Angelique Kerber of Germany celebrates after beating Laura Robson of Britain during their women's singles match on day one of the Wimbledon Tennis Championships in London, Monday, June 27, 2016. (AP Photo/Ben Curtis)

ELENA VESNINA 8
Che lieta sorpresa! Elena compie un  capolavoro di forza e tenacia contro la connazionale e compagna di tante battaglie in doppio Ekaterina  Makarova agli ottavi. Poi approfitta nei quarti di una Cibulkova che , forse, aveva tanta fretta di correre a sposarsi. Sia come sia, la sua meravigliosa ed onesta corsa termina nei quarantotto minuti occorsi a Serena per travolgerla in semifinale. La russa, entrata in tabellone come numero cinquanta nel ranking,  esce  dal torneo con  il miglior risultato Slam della sua carriera. Chapeau.
GARBINE MUGURUZA 4
Deludente oltre ogni misura lo Slam della numero due del mondo. Garbine sorprende tutti e  paga lo scotto mentale del primo Slam vinto a Parigi. Travolta dalla Cepelova al secondo turno, condensa il suo Wimbledon in un primo turno ben disputato contro la nostra Camila Giorgi. Poco o nulla, ma avrà tempo e modo per rifarsi.

Britain Tennis - Wimbledon - All England Lawn Tennis & Croquet Club, Wimbledon, England - 30/6/16 Spain's Garbine Muguruza reacts against Slovakia's Jana Cepelova REUTERS/Tony O'Brien

SIMONA HALEP  6-
La rumena, si sa,  non brilla nei Majors ma, nello specifico, poco ha potuto contro una Kerber assolutamente ingiocabile incontrata nei quarti. Di più , non si poteva chiederle.
PETRA KVITOVA 4
Ancora non c’è , la ceca due volte campionessa a Londra. Scivola , male, al secondo turno contro la Makarova . Due set in perenne rincorsa e la perfetta macchina da guerra su erba  è ,sempre più, un lontano ricordo. Petra ha ancora tanto da dare. L’attendiamo fiduciosi , poichè talento e cuore non vanno via.
LE ITALIANE
SARA ERRANI 5
Non è la sua superficie; non è il suo torneo. Il secondo turno contro la tignosa Cornet ha visto Sarita lottare come può e soccombere ai tie-break con un pizzico di mala sorte su cui recriminare.
CAMILA GIORGI 6-
Doppio colpo di sfortuna per la marchigiana. Camila incontra la fresca vincitrice di Parigi , Garbine Muguruza, al primo turno. Ottima comunque la sua prestazione, con Garbi impegnatissima per superare l’ostacolo azzurro. Sarà l’unico acuto della spagnola nel torneo ; un vero peccato averla incontrata nella sua unica giornata positiva.
ROBERTA VINCI 6-
Si arrende al terzo turno contro il tennis potente di Coco Vandeveghe. Poco da fare contro quello che Robi definisce il tennis “tutto potenza e poca tattica” del futuro. Avrà certamente ragione la tarantina che di più, oggettivamente, non poteva fare.
FRANCESCA SCHIAVONE 6
Una sufficienza di simpatia per  l’ex campionessa Slam , che continua a divertirsi e divertire . Travolta da Simona Halep al secondo turno, la tennista milanese ha poi partecipato al torneo nelle vesti di commentatrice. Non ha di certo sfigurato.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy