Wimbledon: impresa di Anderson, supera Federer 13-11 al quinto set!

Wimbledon: impresa di Anderson, supera Federer 13-11 al quinto set!

Kevin Anderson è riuscito nell’impresa di battere Roger Federer e di conquistare la semifinale. Dopo circa quattro ore di gioco, ha avuto ragione del fuoriclasse elvetico, con il punteggio di 2-6 6-7(5) 7-5 6-4 13-11. Anche Novak Djokovic si è aggiudicato il passaggio del turno, prevalendo in quattro set su Kei Nishikori.

di Federico Gasparella

La cronaca della gara tra Roger Federer e Kevin Anderson:

PRIMO SET – Il tennista sudafricano ha disputato la prima frazione sottotono. All’interno dei game di battuta è risultato alquanto insicuro, non trovando quasi mai la necessaria continuità di rendimento e mettendo un numero insufficiente di prime in campo. La medesima inconsistenza si è riscontrata nel palleggio, dove in numerose circostanze non è stato in grado gestire i cambi di ritmo e le improvvise discese a rete compiuti dal fuoriclasse elvetico. Quest’ultimo, di contro, si è espresso con l’abituale disinvoltura fin dal principio del set, difendendo in modo pressoché perfetto i turni di battuta e realizzando un gran numero di giocate dall’elevato tasso tecnico. In merito al punteggio, Federer si è aggiudicato due break, al secondo e al settimo gioco, con cui ha fatto proprio il parziale per 6-2.

SECONDO SET – Federer ha attraversato una fase problematica in avvio di secondo parziale, dovuta ad un improvviso calo di tensione, che l’ha costretto a subire un passivo di 3-0. E’ stata, tuttavia, una difficoltà transitoria, in quanto ha saputo riassestarsi e ricucire lo strappo in tempi rapidi. La partita è proseguita senza particolari avvenimenti fino allo jeu décisif: Anderson è partito meglio del suo avversario, acquisendo un mini break di vantaggio. Ma la reazione di Federer non si è fatta attendere, in quanto ha compiuto una serie di pregevoli giocate attraverso cui ha conquistato ben cinque punti di fila, che l’hanno proiettato sul punteggio di 5-2. In seguito, il tennista di Basilea si è ulteriormente avvantaggiato, raggiungendo lo score di 6-3, sebbene sia riuscito a concretizzare solamente l’ultima palla set avuta a disposizione, chiudendo il tie break per  7-5.

TERZO SET – Il parziale ha avuto uno svolgimento senz’altro più bilanciato rispetto ai precedenti, in virtù di una migliore gestione dei game di battuta da parte di entrambi. Anderson, tuttavia, ha dovuto mantenere un rendimento sempre molto elevato con la prima palla per contenere le risposte offensive dell’elvetico, il quale, è sembrato in grado di raggiungere il break non appena il suo avversario diminuisse, anche di poco, la potenza e l’efficacia al servizio. Ma l’equilibrio si è rotto all’undicesimo gioco in favore del sudafricano, a seguito di un turno di battuta che lo svizzero ha condotto senza la dovuta concentrazione, costellato di errori (soprattutto di diritto), dove ha finito per cedere un break determinante. Nel game successivo, infine, nonostante abbia dovuto annullare ben tre palle per il contro break, Anderson ha conservato il turno di servizio e si è aggiudicato la vittoria del parziale per 7-5.

QUARTO SET – Il tennista svizzero ha rivelato ancora qualche problema di concentrazione in avvio di quarto set, che si è tradotto nella commissione di numerosi errori gratuiti. In particolare, come accaduto al termine del parziale precedente, non ha trovato la giusta misura del diritto, tirato troppe volte abbondantemente oltre i limiti del campo. Anderson ovviamente ha approfittato della poca consistenza dell’avversario nelle fasi di palleggio e, di conseguenza, si è reso man mano sempre più insidioso. Al settimo game si è avvantaggiato di un break, che in seguito lo svizzero non è stato più in grado di recuperare, conseguendo la vittoria del set per 6-4.

QUINTO SET –  Anderson ha potuto contare su di una ritrovata brillantezza, che si è potuta osservare particolarmente nel corso dei turni di servizio. Mentre Federer, pur riuscendo a difendersi egregiamente al servizio, in diverse circostanze ha sofferto oltremodo la precisione e la potenza di tiro dell’avversario. I due contendenti sono comunque giunti a regolare i conti della qualificazione ad oltranza. Il punto di rottura è arrivato al 23esimo gioco, sul punteggio di 11-11: Anderson si è aggiudicato il break decisivo, con cui si è guadagnato la vittoria del set per 13 -11 e del match.

 [8]K.Anderson b. [1]R.Federer  2-6 6-7(5) 7-5 6-4 13-11

Gli altri risultati:

[12]N.Djokovic b. [24]K.Nishikori 6-3 3-6 6-2 6-2

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cristina Isidori - 1 settimana fa

    Federer si è battuto da solo, purtroppo! Nessuna impresa di Anderson!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Maria Rosa Tonelli - 1 settimana fa

    Che peccato!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Roberto Aurecchia - 1 settimana fa

    Cioè ma come si fa..un federer che non perdiva un set dopo 34 consecutivi vinti a wimbledon…vince 2-0 ha avuto macht point..ha avuto anche 3 palle per recuperare il break e giocare altro tie break…ed addirittura ha perso 2-3 secondo me è impossibile è tutto pilotato anche il tennis è corrotto..assolutamente convinto non è possibile..un andarson che ha regalato almeno 5 break a monfils..oggi solo i primi 2 nel primo set poi impeccabile…mi puzza mi puzza e mi puzza..volete vedere che hanno fatto tutto per far vincere djokovic

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cristina Failla - 1 settimana fa

      Vuoi dire che Federer si vende la partita????

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Roberto Aurecchia - 1 settimana fa

      Non le vende federer le partite e corrotto anche il tennis opinione mia personale..!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Francesco Azathoth Pastore - 1 settimana fa

    Il tempo passa per tutti…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Iole Angiolini - 1 settimana fa

    Peccato per Federer.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Marinella Picosanta - 1 settimana fa

    Vabbè che ci volete fare il Wimbledon lo vincerà il fenomeno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandro Mazzoli - 1 settimana fa

      Quanto soffri se aspetti le sconfitte del.re….vivere sulle carcasse altrui…bello stile ..complimenti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marinella Picosanta - 1 settimana fa

      Alessandro Mazzoli di solito quelli che godono per le sconfitte e gli infortuni del #Fenomeno siete voi…. non soffro per nulla ho specificato altrove che godo per tutti i tifosi di Roger che vedono solo lui , antisportivi per eccellenza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Alessandro Mazzoli - 1 settimana fa

      Marinella Picosanta d’accordo…..giusta analisi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gianni Debella - 1 settimana fa

    fora di bal el vecchio vagabondo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Sabrina Barbon - 1 settimana fa

    Praticamente la finale vera sarà la semi della parte bassa, chiunque la giocherà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Loretta Borel - 1 settimana fa

    Grande partita ! Che nervi Anderson !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Cristina Montopoli Depp - 1 settimana fa

    Mi viene da piangere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Scalzo Orlando - 1 settimana fa

    Ha sottovalutato troppo dopo i primi 2 set vinti… ora facile Nadal…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Fabrizio Candido - 1 settimana fa

    Federer ha meritato di perdere c’è da fare solo grandi complimenti al sudafricano

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy