Wimbledon: le dichiarazioni post match. Kerber: “Essere di nuovo in finale è un sogno”

Wimbledon: le dichiarazioni post match. Kerber: “Essere di nuovo in finale è un sogno”

Kerber e Williams si affronteranno, per la seconda volta in carriera, nella finale di Wimbledon. La tedesca, in conferenza stampa, è apparsa felicissima ed euforica per il risultato raggiunto dopo un 2017 travagliato. L’americana ha affermato che arrivare in finale, dopo una gravidanza e un parto difficile, non è stato semplice. Per Angie potrebbe essere il primo titolo a Londra, per Serena il raggiungimento di un record straordinario.

di Giuliana Cau

E dopo due anni saranno nuovamente Angelique Kerber e Serena Williams a contendersi il titolo dello Slam più prestigioso della stagione tennistica. Entrambe hanno sconfitto in maniera autorevole le loro contendenti in semifinale, Jelena Ostapenko e Julia Goerges. La tedesca ha giocato benissimo per tutto il torneo, lasciando spesso le briciole alle proprie avversarie e mettendo in mostra un tennis efficiente, fatto di tattica, pazienza e grande determinazione. Il match contro la lettone, oggi, ha dato ad intendere che la potenza e la spregiudicatezza non sempre sono le armi giuste per vincere; l’americana, date le poche partite sulle gambe, nel suo cammino verso la finale sofferto un po’ di più, soprattutto con la nostra Camila Giorgi, ma ha dimostrato (se ancora ce ne fosse bisogno) che per lei il Tennis è tutto, una ragione di vita imprescindibile che può convivere anche con la piccola Olympia, la primogenita nata ad agosto dello scorso anno. La Goerges, oggi, nulla ha potuto contro la campionessa più forte degli ultimi 20 anni.

KERBER: “SONO MOLTO FELICE DI ESSERE TORNATA IN FINALE A WIMBLEDON”

L'esultanza post match della Kerber- Wimbledon 2018
L’esultanza post match della Kerber- Wimbledon 2018

Il match contro la giovanissima Ostapenko ha messo in luce tutte le difficoltà, della piccola di Riga, ad avere la meglio con delle giocatrici meno esplosive come la teutonica, ma solide da fondo e inossidabili in ribattuta. “Sono molto felice di aver vinto e di poter giocare una nuova finale slam. Jelena ha iniziato molto bene la sua partita, giocando duramente fin dal primo momento. Ho cercato di resistere alla potenza dei suoi colpi e ho fatto di tutto per impostare il mio gioco. Anche se il punteggio sembra dire il contrario, è stata stata una partita durissima per me. Essere di nuovo in finale a Londra -continua la teutonica- è un sogno. Sono molto contenta e sabato spero di giocare una bella partita e di poter vincere un altro titolo“. Come vedi la tua prossima avversaria, Serena Williams? “Serena è una grandissima campionessa, un’avversaria fantastica. Gioca sempre per vincere, è una grandissima lottatrice e sono molto felice per lei che sia rientrata così bene nel circuito“. Qual è stata la chiave che ti ha permesso di recuperare questo livello di gioco? “Mi sono preparata molto bene durante la off-season. E’ stato un processo lento, guidato dal mio mental coach. Sono molto legata al mio team, ho due preparatori atletici fantastici e, ovviamente, la mia famiglia. Il segreto sta qui“.

SERENA: “HO AVUTO UNA PARTITA MOLTO COMPLICATA”

Serena dopo la vittoria su Goerges- Wimbledon 2018
Serena dopo la vittoria su Goerges- Wimbledon 2018

La più giovane delle Williams giocherà un’altra finale slam dopo quasi 18 mesi dall’ultimo punto messo a segno agli Australian Open contro la sorella Venus. Ad inizio torneo sembrava un traguardo impensabile, ma stasera la vittoria con la tedesca Goerges ha rimesso a posto tante cose: la fiducia in se stessa e la consapevolezza che la sua carriera ancora non è finita. Qualora la statunitense, sabato, battesse la Kerber eguaglierebbe il record di slam vinti (24) da Margareth Court Smith e strapperebbe un pass speciale per superarlo in futuro. “Julia ha giocato molto bene e io ho dovuto alzare il mio livello per batterla. Sabato dovrò farlo anche contro Angelique. Non mi aspettavo nulla di particolare da questo torneo, solo giocare partita per partita. Al Roland Garros non sono riuscita a fare di meglio, non è stato possibile e ho avuto difficoltà ad accettarlo“. Come ti senti ora, a giocare da mamma? “Essere madre è una sensazione fantastica, non posso descriverla. Ho avuto un parto complicato e credetemi, non è stato facile arrivare in finale dopo una fase come quella“. Sabato dovrai affrontare nuovamente la Kerber, cosa ne pensi? “E’ una giocatrice molto capace sull’erba, è la seconda finale in tre anni. Nel 2016 ha giocato molto bene e credo che, anche questa volta, sarà così“. Se vinci raggiungerai la Court Smith… “Se devo essere sincera, durante il torneo, non ho mai pensato al record di Margareth, ma è una buona ragione per continuare la mia carriera. Quando non ho nulla da perdere, gioco totalmente libera e questo è ciò che sto facendo ora“.

Appuntamento allora a sabato, alle 15 ora italiana, per conoscere chi sarà la nuova regina di Wimbledon.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Viviana Colnaghi - 5 mesi fa

    Vince Serena

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gilberto Rizzini - 5 mesi fa

    La Kerber è tecnicamente stilisticamente veramente scarsa, corre come una forsennata ma il tennis è ben altro. Impietoso il paragone con le campionesse del passato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aniello Senna - 5 mesi fa

      l’ostapenko gioca meglio e numero 1 lei e veramente scarsa e il campo lha detto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgia Cherryred - 5 mesi fa

    Entrambe brave…. Ma spero che vinca Serena

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Maria Diomede - 5 mesi fa

    Ho visto entrambi i match. La lettone si è battuta da sola…36 gratuiti non sono pochi ..ma lei è così…a tutto braccio sperando che la palla non esca.La Goerges invece ha sentito la pressione di giocare con Serena e su un palcoscenico così prestigioso. Fisicamente è favorita la Kerber ma Serena è solida mentalmente con il servizio on fire. Spero di assistere ad una bella finale e vinca la migliore

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy