Wimbledon, Novak Djokovic: «Querrey? Mi ha travolto, è stato “brutale”. Ora voglio riposarmi un po’».

Wimbledon, Novak Djokovic: «Querrey? Mi ha travolto, è stato “brutale”. Ora voglio riposarmi un po’».

Le parole del n. 1 Novak Djokovic dopo la clamorosa sconfitta in quattro set contro lo statunitense Sam Querrey.

27 commenti

Ciò che sembrava impossibile è successo. Il n. 1 del mondo Novak Djokovic, il dominatore indiscusso, vincitore degli ultimi quattro Slam giocati, che non usciva prima dei quarti di finale addirittura dal Roland Garros 2009 (sconfitta al terzo turno contro Kohlschreiber) è stato sconfitto al terzo round con il punteggio di 7-6(6) 6-1 3-6 7-6(5) contro lo statunitense Sam Querrey, in un match durato due giorni (a causa della pioggia e dell’oscurità). Ieri la partita era stata interrotta sul 2 set a 0 per l’americano, ma molti credevano in una rimonta simile a quella che aveva compiuto l’anno scorso, sempre a Wimbledon, quando aveva rimontato di due parziali agli ottavi contro il sudafricano Kevin Anderson. E invece, dopo un inizio faticoso, Querrey ha stupito tutti, vincendo al quarto set.

«MI HA SOVRASTATO» – In conferenza stampa Djokovic è chiaramente deluso per la sconfitta epocale, ma non si vuole abbattere. Nonostante tutto, il serbo appena dopo il match non aveva perso il sorriso congratulandosi calorosamente con Querrey e trovando addirittura il tempo per firmare autografi. “Prima di tutto congratulazioni a Sam per aver giocato un match incredibile”, esordisce «Ha servito molto bene, come del resto fa di solito. In questo aspetto del suo gioco è stato davvero “brutale”, ha fatto molti punti col servizio. Mi ha letteralmente sovrastato con la sua forza».

«LA PIOGGIA NON C’ENTRA» – Djokovic, in risposta a una domanda, dichiara di non attribuire la sconfitta a fattori esterni, come le interruzioni frequenti degli scorsi giorni a causa della pioggia. «Non voglio togliere niente dalla vittoria del mio avversario: ha giocato molto bene e ha meritato di vincere. Il fattore tempo vale per entrambi, non è necessario parlare della pioggia e delle interruzioni. Non solo noi, ma anche tutte le persone che sono venute a vederci erano abbastanza nervose per i tanti ritardi». Djokovic ha poi parlato della partita odierna: «Ho avuto le mie chance nel quarto set, quando ho servito per il set. Nel tie-break poi all’inizio ero io a condurre. Purtroppo non sentivo bene la palla come volevo… alla fine è lo sport».

«SO GESTIRE UNA SCONFITTA SLAM» – Un giornalista gli chiede se ha influito la pressione di giocare nel torneo più prestigioso del mondo; Nole gli risponde seccamente: «Non credo che abbia influito molto. Prima di questo match io sapevo che sarebbe stato molto tirato e non era facile strappargli il servizio. Sam è nel circuito da molti anni e con l’esperienza che ha acquisito ha imparato ad essere un giocatore più competitivo». Un altro giornalista gli domanda se pensa di poter imparare qualcosa dalla sconfitta odierna: «Vedremo, sono passati solo 20 minuti da quando sono uscito dal campo, è difficile saperlo adesso. In ogni caso non è la prima sconfitta in uno Slam e so cosa fare. Prima di tutto, alleggerire la mente e rilassarmi». Novak ha poi aggiunto che non giocherà comunque la Coppa Davis, come aveva già deciso.

«IL MIO MEGLIO NON È BASTATO» – La partita odierna si è tenuta sul Campo 1, dove il serbo non mette piede da diversi anni: «Mi sento più a mio agio sul Centrale, ovviamente, perché è lì che ho giocato il 90% dei miei match». Il serbo ha poi parlato dei 4 Slam consecutivi vinti fino a oggi: «Avere tutti e quattro i titoli dello Slam nello stesso momento è una sensazione fantastica. Arrivando qui sapevo che mentalmente non sarebbe stato facile motivarmi di nuovo, anche se un torneo come questo ti ispira tanto e ti porta a dare il meglio; questa volta il mio meglio non è bastato. Non mi piace perdere un match ma spero di uscirne da giocatore più forte». Poi aggiunge: «Non rimpiango di non aver giocato dei tornei prima di Wimbledon perché negli ultimi due anni ho vinto senza giocarli e non lo consideravo necessario». Djokovic ha poi parlato dei suoi programmi: tornare dalla sua famiglia. «Per fortuna ho una famiglia e una vita oltre al tennis e ho un mucchio di cose che non vedo l’ora di fare. È stato un anno pieno di successi ma anche molto estenuante nel vero senso della parola. Ho solo bisogno di riposo, di allontanarmi un po’ dal tennis».

27 commenti

27 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Romeo Pavidini - 11 mesi fa

    Giustizia è fatta ☺

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Dante Lucchesi - 11 mesi fa

    Mah! Comincia a mancare….la fame…Nole non ti cullare…se leggenda vuoi diventare:(

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sandro Coni - 11 mesi fa

    Forza Nole sempre e cmq…invidia e brutta …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Francesca Mazzitelli - 11 mesi fa

    Arrogances. ……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Maria Teresa Pucci - 11 mesi fa

    Forse questa sconfitta e questa uscita di scena per un pochino gli permettera’ un piccolo meritato riposo..Nole e’ un grande del tennis ed un signore …al contrario di come viene giudicato da chi non lo ammira

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicola Di Lorenzo - 11 mesi fa

      Almeno una persona che ne capisce qualcosa..non ci dimentichiamo da chi viene giudicato eh…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Maria Teresa Pucci - 11 mesi fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Romeo Pavidini - 11 mesi fa

      Nicola Di Lorenzo io lo giudico e non mi piace il suo gioco palloso quindi? Forse ne capisco più di te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Francesca Mazzitelli - 11 mesi fa

      Che roba !ora ti vogliono pure obbligare ad “ammirare” nole ,guai se la pensi diversamente. …tutti uguali i suoi tifosi in fondo chi si assomiglia si piglia!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Romeo Pavidini - 11 mesi fa

      Francesca Mazzitelli come si dice da noi..a certe persone ” l’è mei mitighel nel … che endel cò ” ahhah ciao

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Francesca Mazzitelli - 11 mesi fa

      Dai noi si dice che ta fe prima …..poi prosegue come il tuo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Romeo Pavidini - 11 mesi fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Maria Teresa Pucci - 11 mesi fa

      Io non sono tifosa di Nole…adoro Delpo ed altri,ovviamente Federer,….come non si potrebbe…,ma Nole e’ troppo fustigato dalla gente,e questo e’ male…e’ il num 1 e ci sara’ un motivo per questo o no?? O forse in campo a farsi il culo e a vincere giocava qualcun altro? Chi nega l’ evidenza e’ fuori dalla realta’….e aggiungo anche che Nole puo’ piacere o meno ma e’ un giocatore sempre corretto in campo e fuori dal campo…,By By

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Nicola Di Lorenzo - 11 mesi fa

      Romeo Pavidini non ti piace il suo gioco palloso e quindi? Chi sei tu per giudicare chi ha vinto 12 slam e fa “anche del bene” le persone non sono tutte quelle che si vedono in campo c’è dell’altro dietro..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Romeo Pavidini - 11 mesi fa

      Nicola Di Lorenzo sono nessuno in verità ma posso esprimere liberamente dei giudizi visto che in Italia è una delle poche libertà che ci sono rimaste. Il serbo non mi piace, mi annoia da morire e lo trovo arrogante presuntuoso falso egocentrico e rosicone. PUNTO!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    11. Nicola Di Lorenzo - 11 mesi fa

      Romeo Pavidini nessuno ti vieta la tua opinione è solo che molta gente vede solo ciò che vuole vedere.. Spero che tu riesca a capire. Detto ciò buona domenica

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    12. Romeo Pavidini - 11 mesi fa

      Nicola Di Lorenzo non sono l’ unico a pensarla così mi pare quindi, o siamo tutti incompetenti in materia tennistica oppure qualcosa che non va nel serbo c’ é. Comunque chiudiamola qui buon pomeriggio a te. PS ho la fortuna, perché di quello si tratta, di essere abbastanza perspicace…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giovanni Rigatti - 11 mesi fa

    Non mi piaci e non mi piace il tuo gioco … adesso cominci ad essere ridimensionato a quello che sei … un fondista senza stile … riposati che è meglio …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aldo Manfredini - 11 mesi fa

      Guarda giocare a Ping pong perché il tennis non è per te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Matteo Odolini - 11 mesi fa

      Nole è forte non un fondista come dici te Giovanni rigatti solo perché ti dà fastidio il fatto che è il più forte al mondo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Andrea Soldi - 11 mesi fa

      Il più forte al mondo? Senza avversari; finalmente, almeno per oggi, ne ha trovato uno e infatti i risultati si vedono!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Romeo Pavidini - 11 mesi fa

      Ma vuoi mettere i serve & volley del serbo? Lasciali perdere non lo ammetteranno mai.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Andrea Soldi - 11 mesi fa

      Quando federer e nadal erano dei veri avversari, non come oggi, il serbo raccoglieva le briciole. Per non dire di Murray, che nelle finali importanti se la fa sempre sotto o di wawrinka che gioca quando gli pare. E questi sarebbero gli avversari del numero uno al mondo????

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Francesca Mazzitelli - 11 mesi fa

      Andrea Soldi sei un grande!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Rosa Musella - 11 mesi fa

    Riposati, tornerai più forte di prima. Sei sempre il numero uno, ti aspettiamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alberto Larghi - 11 mesi fa

    Un signore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Rosi Ferruggia - 11 mesi fa

    Sei sempre il numero uno…anche fuori dal campo. ♡♡♡

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy