Wimbledon uomini: Federer in trionfo, Londra è di nuovo sua!

Wimbledon uomini: Federer in trionfo, Londra è di nuovo sua!

Lo svizzero domina Cilic e diventa il primo tennista a vincere per 8 volte i Championships. 6-3 6-1 6-4 il risultato finale di un match mai in discussione. Roger sale a 19 titoli del Grande Slam e aggiorna di nuovo il libro dei record

Ancora lui, ancora Roger Federer. Lo svizzero porta a termine il torneo perfetto, batte Marin Cilic in una finale dominata e conquista il suo ottavo Wimbledon, come mai nessuno nella storia del tennis maschile. Un titolo, il 19esimo del Grande Slam, vinto da favorito, senza perdere un set, mentre i suoi avversari storici cadevano uno dopo l’altro e lui continuava a giocare come negli anni d’oro, quando aveva trasformato l’erba di Church Road nel giardino di casa.

CLASSE ROGER – La finale dei Championships numero 131 inizia con Cilic in battuta. I due giocatori sono un po’ contratti ma tengono i primi turni di servizio senza grossi problemi. Nel quarto c’è la prima palla break in favore del croato ma Roger si salva con la seconda e arriva il primo come on. E nel game successivo lo svizzero accelera. Federer si procura 3 palle break, grazie anche a un paio di gratuiti di Cilic. Il croato annulla le prime due ma sulla terza il suo rovescio si ferma in rete: break Roger e le tribune nobili del Centre Court applaudono. Il 7 volte campione ora gioca in fiducia, regalando un paio di colpi da circoletto rosso, mentre Cilic sembra un po’ fuori giri. Marin annulla un primo set point sul proprio servizio, ma il successivo doppio fallo lo condanna: set Federer.

CILIC NON C’È – Il Maestro di Basilea inizia alla grande anche il secondo parziale, dimostrandosi ingiocabile in battuta. Cilic trova i primi aces dell’incontro, alternandoli però a gravi errori non forzati. E con un Federer così ispirato non te lo puoi permettere. Altra palla in corridoio del croato e break svizzero che in pochi minuti si ritrova sul 3-0. Al cambio campo Cilic è disorientato e piange qualche lacrima (frustrazione o problemi di vesciche?). I 15.000 spettatori provano sportivamente a scuoterlo. Roger però è concentrato e non fa sconti neanche in risposta, e al sesto gioco trova il secondo break sull’ennesima palla lunga del croato. Dopo poco più di un’ora è due set a zero.

L’EPILOGO – Il terzo parziale segue la falsariga di quelli precedenti. Federer fa il bello e il cattivo tempo in battuta mentre Cilic continua ad alternare troppi alti e bassi. Il croato è costretto ad annullare un’altra palla break, salvandosi con il serve and volley, ma è chiaro che il servizio che tanto gli ha reso nel torneo non è del tutto performante. Roger inizialmente non affonda ma l’equilibrio rimane solo fino al settimo gioco: lo svizzero sale 40-15, Cilic manca ancora la prima e sulla palla successiva il suo dritto si spegne in rete. La partita sostanzialmente finisce qui. Federer si invola verso il trionfo chiudendo la gara con un ace dopo un’ora e 43 minuti.
Lo svizzero alza le braccia al cielo all’ultimo atto di Wimbledon dopo 5 anni. Il pubblico lo applaude, lui ringrazia commosso. All’alba dei 36 anni e a 14 dal primo trionfo questo è ancora il torneo di Roger Federer.

 

Wimbledon – finale

[3] R. Federer b. [7] M. Cilic 6-3 6-1 6-4

14 commenti

14 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Claudio Badanai - 4 mesi fa

    Poche parole…è la storia che ricorderà ai posteri…il resto è noia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Io non ho più parole per descrivere questo CAMPIONE…ho iniziato ad amare il tennis proprio guardando un suo match e da allora sono diventata una Federiana! IMMENSO, FENOMENO, INTRAMONTABILE…COME LUI NESSUNO MAI!!!
    E per l’ottava volta il popolo di Wimbledon si inchina al suo Re…ennesimo slam di una carriera inimitabile!!!!
    IL PIÙ FORTE DI SEMPRE…OLTRE LA STORIA C’È ROGER FEDERER ❤️❤️❤️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Gualtiero Navacchia - 4 mesi fa

    Senza polemiche…. come si a non tifare o quanto meno a non rimanere estasiati di fronte ad un fenomeno dotato di una tecnica che sfiora la perfezione. Oltretutto è anche una persona amabile, a differenza di quanto non fosse quel geniaccio di John McEnroe

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marco Pizzuto - 4 mesi fa

    Inimitabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Patrizia Maffei - 4 mesi fa

    Roger un mito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Angelo Boccaccio - 4 mesi fa

    Semplicemente unico!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Francesco Passadore - 4 mesi fa

    N 1 di sempre e di ogni sport

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alessandro Assirelli - 4 mesi fa

    Immenso Roger!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Alfonso Scotti - 4 mesi fa

    Penso che se avesse giocato a Parigi avrebbe detto anche la sua sulla terra rossa però va bene così immenso roget

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paola Abbate - 4 mesi fa

      Ma anche no

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Stefano Appio Pompeo - 4 mesi fa

      A Parigi sarebbe arrivato ai quarti sicuramente, forse pure in semifinale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mariano Como - 4 mesi fa

    Mi piacerebbe sentire qualche commento di alcuni professori che davano Cilic vincente addirittura tre set a zero…quest anno mi sa che il fegato vi si scioglie…fino a quando dovete ancora rosicare? Spero ancora per molto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paola Abbate - 4 mesi fa

      Io cilic vincente non lo avrei mai dato ma forse – e dico forse – se ieri non fosse stato palesemente infortunato avremmo visto una partita decente invece della finale più brutta degli ultimi 10 anni, con un cilic piangente per non aver potuto per nulla giocarsi neanche mezza chance.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Non c’è nemmeno bisogno di commentare,top

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy