Australian Open donne, secondo turno: la Giorgi illude, poi crolla. Bene Halep, Kerber e Pliskova

Un vero peccato per Camila Giorgi, che viene eliminata dalla beniamina di casa Barty in rimonta. Bene Halep,Kerber e Pliskova, che eliminano in modo agevole la Bouchard, Vekic e Haddad Maia

di Roberto Arduini

Nel tardo pomeriggio australiano, arriva una brutta notizia. Camila Giorgi viene eliminata dalla giocatrice di casa Barty, numero 17 del mondo, dopo che la giocatrice italiana era avanti di 1 set, giocato bene, per poi crollare nel secondo e terzo, dando cosi la partita alla giocatrice numero 17 del mondo. Un vero peccato, dato che la Giorgi stava giocando bene in questo periodo, e poteva ambire ad un buon risultato qui. Bene le  big Kerber, Halep e Pliskova, mentre la Safarova viene eliminata dalla Osaka.

CAMILA, PECCATO- Nel primo set è l’equilibrio a farne da padrone, con il servizio delle due giocatrici che funziona e da garanzie, come lo dimostrano le statistiche, fino al 7 gioco, dove l’australiana ha un passaggio a vuoto che porta a palla break la Giorgi. che la sfrutta alla perfezione. Ma da qui, arriva la discontinuità al servizio. La Giorgi serve per il set, ma si fa brekkare. Qui però vi è del merito anche alla Barty, che da il tutto per tutto, attaccando e cambiando il ritmo, scelta giusta e che viene infatti ripagata. Ma successivamente è la Giorgi ad essere brava a ritornare in partita mentalmente, rifilando un controbreak fondamentale che sarà di vitale importanza per vincere il primo set. Ma successivamente, nel secondo set, la Giorgi crolla decisivamente. Non riesce a dare continuità al gioco, troppi errori gratuiti e quella percentuale di prima che fatica ad aumentare. Tutto troppo facile per Barty, che aiutata anche dal pubblico, rimonta e porta il match al terzo set, dove è un dominio australiano, con la Giorgi alle corde e priva di forze, che alza bandiera bianca e spreca l’ennesima occasione per fare bene e fare il salto di qualità.

 Giorgi

BIG OK- Tutto troppo facile per Simona Halep e per Karolina Pliskova, che dominano e convincono contro Eugenie Bouchard e Donna Vekic. Per la rumena partita sempre a senso unico. Troppo enorme la differenza tra le due giocatrici, con la rumena che spinge, commetti pochi errori, mentre la canadese fatica a stare al ritmo della numero 1 del mondo. Troppo discontinua ancora la giovane e bella Bouchard, che sicuramente ci si aspettava di più da lei, data che è dotata di un buon talento. Un doppio 6-2 per mandare ancora un segnale alle proprie rivali, mostrando che forse è lei la donna da battere in questo primo appuntamento della stagione. Sono bastati 45 minuti invece a Karolina Pliskova per battere la brasiliana Haddad Maia. Un doppio 6-1 che spazza via la tennista numero 70 del mondo. Partita mai messa in discussione, anche qui è troppo differente la qualità di una giocatrice rispetto l’altra. Tutto facile anche per la Kerber, che batte Donna Vekic in due set con il punteggio di 6-4 6-1. Per la tedesca c’è da soffrire solo nella prima frazione, dopo che avanti di un break si fa rimontare, ma qui è brava a tenere i nervi saldi e sul 5-4 per lei, ottiene il break decisivo mettendo sotto pressione la tennista croata. Nel secondo set invece è tutto facile per la ex numero 1 del mondo, che domina e vince nettamente con il risultato di 6-1. 

BORSINO RUSSO- Bene la Safarova, che domina e batte in due set la rumena Cirstea, mentre l’altra russa Vesnina viene battuta dalla giapponese Osaka. Il match è bello ed equilibrato nel primo set, con un tie break che spacca in due il match. La Vesnina ha avuto molte occasioni per vincere la prima frazione, andando avanti due volte di un mini break nel tie, ma qui ha sempre commesso un errore gratuito, che la giapponese non perdona, e punisce rimontando e vincendo il set. Nel secondo set la partita è ben diversa, con la Osaka che sulle ali dell’entusiasmo, domina e batte una Safarova stanca e spenta nella seconda frazione. Tutto facile invece per la Keys, che batte la russa Alexandrova lasciandole 1 gioco soltanto in meno di 40 minuti.

TUTTI I RISULTATI

Keys b. Alexandrova 6-0 6-1

Halep b. Bouchard 6-2 6-2

Pliskova b. Haddad Maia 6-1 6-1

Kerber b. Vekic 6-4 6-1

Barty b. Giorgi 5-7 6-4 6-1

Osaka b. Vesnina 7-6 6-2

Safarova b. Cirstea 6-2 6-4

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Flavio Castignani - 3 anni fa

    non illudetevi…più di così non sa fare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Nicola d'Argenio - 3 anni fa

    Deve ancora lavorare sulla pazienza e sulla costruzione del punto ma i progressi ci sono la Barty era un pessimo cliente è in salute e giocava in casa sul centrale, non si sono viste le 50 posizioni di differenza nel ranking almeno per i primi 2 set, resta la sensazione di qualche problema alla coscia destra, ribadisco che dovrebbero insegnarle le palle corte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Andrea Mennilli - 3 anni fa

    Come al solito a metà del secondo set si è sconnesso il segnale, controllare connessione wireless.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Francesca De Palo - 3 anni fa

    È tornato il padre?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Fabio Remus - 3 anni fa

    Siamo alle solite….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniela Vasile - 3 anni fa

    Bravissima Camila , peccato che non è riuscita a vincere…terzo set deludente . Forza Camila!! Brava Simona! !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy