Australian Open, quarti: Nadal costretto al ritiro

Il numero uno al mondo si è ritirato dopo i primi due game del quinto set causa di un fortissimo dolore all’anca destra. Cilic affronterà Edmund in semifinale.

di Jacopo Crivellari, @JacoCrivellari

In Italia erano le nove di mattina quando dall’altra parte del mondo (letteralmente), sono scesi in campo Marin Cilic e Rafael Nadal, in una Rod Laver Arena piena in ogni ordine di posto. I due si sono giocati il posto tra i quattro che si contenderanno, da dopodomani, il primo Slam dell’anno. Prima di oggi si erano disputati sei match tra i due, e gli head-to-head parlavano chiaro: cinque vittorie per il numero uno e una per il croato.

Nel primo set è Marin che ha lottato più volte per mantenere il proprio turno di servizio, mentre Rafa è riuscito a mettere in serissima difficoltà il proprio avversario in quasi tutti i suoi giochi in battuta. Dopo aver avuto cinque occasioni nel sesto game (tutte annullate), Nadal ha affrontato un break point nel game successivo, anche questo annullato, ed ha poi breakkato nell’ottavo game, come fa di solito. Così, lo spagnolo, è andato a servire per il parziale dando l’impressione di aver pieno controllo di sé stesso e della partita.

Anche nel secondo sembrava essere Nadal il conduttore dei giochi: lo spagnolo ha breakkato nel quinto game, ma poi ha subìto l’immediato contro-break. Cilic, allora, dopo aver tenuto il turno di battuta nel settimo game ha nuovamente strappato il servizio a Rafa andando sul 5-3 e ha così chiuso il parziale nel gioco successivo, non concedendo al numero uno nessuna occasione per ribaltare un’altra volta un set a dir poco controverso.

Nel terzo set, invece, i due hanno entrambi avuto diverse occasioni per breakkarsi vicendevolmente, ma senza successo. Così il parziale si è concluso solo in un tie-break in cui i tennisti hanno commesso diversi errori, tra cui il più grave un dritto lungolinea di Marin che è uscito di poco. Rafa ha quindi infilato il mini-break sul 5-5, e poi col servizio ha chiuso il set ritornando in vantaggio in quarantadue minuti.

Ed ecco però che nel quarto parziale è accaduto l’inaspettato: proprio quando Rafa sembrava essere ad un passo dalla vittoria, con Cilic che sembrava essere frastornato dal tie-break perso (il primo, dopo cinque che aveva vinto consecutivamente), è subentrato un dolore lancinante all’anca dello spagnolo. Dal 4-1 in poi, un Nadal evidentemente menomato non riusciva più ad appoggiare la gamba destra e a imprimere il peso necessario nelle risposte al servizio del croato. Nonostante i due interventi del fisioterapista, durante i quali il maiorchino si è coperto la faccia con un asciugamano per non mostrare le smorfie di dolore, il dolore non è rientrato. Si è anzi acutizzato, tanto da far perdere a Nadal il quarto set 6-2 e ad indurlo al necessario ritiro dopo il secondo game (in cui ha subìto il break). Rafa, furioso, dopo quattro ore di gioco, si è avvicinato alla rete con gli occhi lucidi ed ha stretto la mano ad un Marin quasi incredulo.

Altra esclusione eccellente in quel di Melbourne, quindi, con Cilic che in semi affronterà Kylie Edmund.

Australian Open, quarti:

[6] M. Cilic b. [1] R. Nadal 3-6 6-3 6-7(5) 6-2 2-0 (rit.)

20 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Nuccia Mazzucchelli - 3 anni fa

    Dispiaciutissima!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gloriana Mondini - 3 anni fa

    Mi dispiace troppo , forza Rafa!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Stefano Laurenzi - 3 anni fa

    Sono un tifoso di Federer. Mi spiace per Nadal. Non è facile rientrare dopo un infortunio al ginocchio e cercare di affrontare uno Slam in condizioni non ottimali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Loriana Guerrini - 3 anni fa

    Sei sempre un campione che però pretendi troppo da te stesso rimettiti presto noi ti aspettiamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Carla Gileno - 3 anni fa

    Cilic? Che noia!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Lidia Colombo - 3 anni fa

    Sei sempre il mio campione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Aletta Rigo - 3 anni fa

    Dai sempre troppo..potevi essere sul podio !!! Onore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Viviana Colnaghi - 3 anni fa

    sei cmq un campione vamos Rafa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Eufemia Mura - 3 anni fa

    Vamos (aio) Rafa alla prossima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Trimonti Maurizio - 3 anni fa

    Scusate ma in streaming non c’è più nulla? Hanno oscurato tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Trimonti Maurizio - 3 anni fa

    5 sets sono tanti. Ma soprattutto tie break va applicato sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Egidio Marek Fistetti - 3 anni fa

    Vincere questo torneo..senza degni rivali

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Maria Rugolo - 3 anni fa

    Mi dispiace tanto Rafa forza e coraggio ti riprenderai presto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Paolo Serafini - 3 anni fa

    Tennis troppo dispendioso……ormai anche lui dovrebbe limitarsi soprattutto sulla terra e gestirsi al meglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Davide Malavasi - 3 anni fa

    Che sfiga

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Federico Granatiero - 3 anni fa

    Mi dispiace per Rafa, mi sarebbe piaciuta una nuova Fedal in finale. Ma il suo fisico è compromesso, purtroppo per lui sono episodi che si ripeteranno spesso.
    A questo punto, comunque, guai a dare per scontata la vittoria di Roger. Non sta esprimendo il suo miglior tennis e le sorprese sono dietro l’angolo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Ne sono dispiaciuta, si capiva che c’era qualcosa che non andava. Vamos Rafa, riprenditi presto e bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Valeria Cappelletti - 3 anni fa

    Ti farei un bel massaggino all’anca dolorante!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Trimonti Maurizio - 3 anni fa

      Valeria innamorata

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Valeria Cappelletti - 3 anni fa

      Ahimè!! Un amore non corrisposto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy