Conosciamo meglio Liang En-shuo, la vincitrice degli Australian Open Junior

Annullando un match point al primo turno e due in semifinale contro Elisabetta Cocciaretto, la diciassettenne di Taipei è riuscita a vincere il suo primo slam a livello junior sia in singolare che in doppio.

di Andrea Lombardo

L’avventura di Liang En-shuo agli Australian Open ricorda un po’ quella di Caroline Wozniacki. Un match point salvato al primo turno contro l’australiana Olivia Gadecki, vincendo al tie-break del terzo set. La tennista di Taipei ha poi ripetuto l’impresa anche in semifinale contro l’azzurra Elisabetta Cocciaretto, salvando ben due match point in questo caso.
La numero 2 under 18 però non si è fatta notare solamente per il suo trionfo in singolare ma anche per la vittoria in doppio con la cinese Xinyu Wang (numero 3 under 18), fatto piuttosto insolito nel circuito juniores.
Liang è dotata di un servizio discreto, sicuramente non aiutata da una statura piuttosto bassa, colpi da fondocampo molto piatti con cui riesce anche a trovare ottime accelerazioni. Ma la caratteristica principale della giovane asiatica è sicuramente la tenuta mentale, inusuale per una ragazza di appena 17 anni. Nei momenti di difficoltà sembra riuscire a dare il meglio, mantenendo la calma e giocando in maniera intelligente. Proprio grazie alla sua solidità è riuscita ad avere la meglio sulla nostra Elisabetta Cocciaretto, che ha commesso doppio fallo sul primo dei due match point.

Liang En-shuo dopo la vittoria sulla francese Burel
Liang En-shuo dopo la vittoria sulla francese Burel

La giocatrice di Taipei è già entrata nel circuito professionistico, giocando vari tornei ITF da 15k dollari, in cui vanta una finale come miglior risultato, mentre in doppio è già riuscita a vincere.
La sua predisposizione per il singolare e per il doppio ricorda vagamente la sua compaesana Su-Wei Hsieh, seppur accompagnate da strutture fisiche e tipi di gioco totalmente opposti. Difficile prevedere il futuro per Liang En-shuo, ma ciò che è certo è che i presupposti per entrare nel tennis che contano non mancano affatto.

 

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Minelli Marco - 3 anni fa

    Con un n fisico cosi al massimo entra in top 100 e evidente o no

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Francesca De Palo - 3 anni fa

    È l’ ennesima conferma che anche se sei campionessa juniores non è detto che sfonderai nel circuito…..un.fisico così non potrà mai gareggiare ad alti livelli…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Emilia Grossi - 3 anni fa

      Hai ragione molte si perdono x la strada credono di essere arrivate ma non basta devono lavorare molto. sia sul fisico e la mente Vale anche x i ragazzi visto che noi italiani ne abbiamo avuti e ancora ne abbiamo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Dario Liberati - 3 anni fa

    pare che cia la panza !

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy