Nadal: “Il problema sono le superfici dure. Non sappiamo ancora l’entità dell’infortunio”

In conferenza stampa Il numero uno del mondo se la prende con la decisione di giocare spesso sul veloce, rimandando a domani la diagnosi dell’infortunio

di Daniele Turrini

Zoppicante e con una faccia triste, Rafael Nadal è apparso davanti ai media in conferenza stampa per analizzare la sua sconfitta nei quarti di finale dell’Australian Open. Lo spagnolo ha analizzato l’entità e le possibili conseguenze di questo infortunio muscolare. Lo spagnolo è chiaramente molto rammaricato da questo ritiro, e questo è il quarto infortunio che subisce durante la sua carriera all’Australian Open: “Questi sono tempi complicati, non è la prima volta che mi sono infortunato in questo torneo. L’opportunità di oggi è svanita per me, ma sono una persona molto positiva e so che devo andare avanti, ma la tristezza che ho adesso dentro è davvero forte, perché è difficile accettare che non ho potuto dare il meglio in campo. Odio ritirarmi dalle partite, ma non potevo muovermi, la mia gamba era totalmente bloccata, e quando sono così è impossibile lottare per la vittoria”.

ENTITA’ DA VALUTARE – Anche se il terzo set l’ha portato a casa attraverso il tie-break, Nadal ha confermato che il disagio ha cominciato ad apparire nel terzo parziale: “Non riesco a ricordare quando ho iniziato a sentire dolore, ma mi sentivo la fatica muscolare nel terzo set, successivamente ho fatto un movimento e ho avvertito un forte dolore muscolare. In quel momento ho capito che era serio e che non potevo essere al 100%, ecco che ho chiamato il fisioterapista prima del 4-1”. Alla domanda se conosce il suo infortunio e la misura di esso, Nadal ha detto che non sa nulla e che domani sarà esaminato dal team medico: “Non posso dire esattamente quello che sia successo, ma so che riguarda la parte alta della coscia. Non si tratta più del ginocchio. Grazie a Dio il mio ginocchio sta bene, ma ora i problemi sono dall’altra parte. Domani, dopo la risonanza magnetica comunicherò la lesione e la sua portata, perché ora né i medici né io lo sappiamo e non voglio dirvi inesattezze, faremo sapere appena possibile”, ha detto il numero uno al mondo.

PROBLEMA SUPERFICI – Molti problemi sono quelli che i giocatori stanno soffrendo in questa fase della stagione se pensiamo a giocatori del calibro è di Stan Wawrinka, Andy Murray o Milos Raonic che non sono ancora riusciti a superare le loro problematiche: “Siamo in un momento in cui ci sono molti giocatori di tennis infortunati e penso che gli organizzatori nel circuito dovrebbero pensare meglio alla salute dei giocatori, poiché finiamo la maggior parte delle stagioni con troppa fatica e stress e così mettiamo in pericolo la nostra salute. C’è vita al di là del tennis e non possiamo giocare così tanto e soprattutto su queste superfici. Penso che il problema primario di questa faccenda sia il gioco su queste superfici dure”, ha concluso il giocatore spagnolo. Non resta che chiederci se tutti questi infortuni non siano un segnale inequivocabile verso una sensibilizzazione del calendario, per il bene dei giocatori ma soprattutto  del nostro sport.

62 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daniele Priori - 3 anni fa

    Voi scrivete su Facebook lui fino a prova contraria è numero uno a fessi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Stefano Massobrio - 3 anni fa

    Il problema non sono le superfici dure, il problema è come si gioca sulle superfici dure. La pulizia dei rimbalzi e la velocità del campo dovrebbe far prediligere un gioco verticale, rapido e d’attacco invece che un gioco orizzontale e difensivo che obbliga le articolazioni e la muscolatura a uno stress eccessivo. La colpa è anche della ATP che ha uniformato troppo le velocità dei campi e ha portato il tennis verso una tipologia di gioco standardizzata verso una tattica più di difesa e contrattacco. Si sono persi gli specialisti in luogo di una tipologia di giocatore uniforme che permetteva di essere competitivi su ogni superficie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Raffaele Fracassi - 3 anni fa

    Ora non rompere il cazzo. Ma proprio zitto. Sei tu ad aver insegnato al mondo come fare del proprio corpo l’arma per diventare il migliore, trasformando questo sport in una corrida tra superatleti. Ed ora che a 32 anni il tuo fisico è logoro chiedi di rivedere le superfici? Vergogna.
    Se non reggi lo stress fisico sono due le soluzioni: ritirarsi o programmare meglio il proprio calendario, come un signore di quasi 37 anni fa meravigliosamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia Tosi - 3 anni fa

      Puoi dirlo anche educatamente. Si sta comunque parlando di sport. Tutto questo rancore x che cosa?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Steve Togni - 3 anni fa

    Mi dispiace per rafa perché mai visto nessuno con quella mentalità! Però se porti il fisico oltre i suoi limiti naturali prima o poi ne risente …. Roger magari potrebbe essere d inspirazione, la scelta dei tornei potrebbe aiutare .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Steve Togni - 3 anni fa

    È che non esiste un doping per le giunture…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Janet Greco - 3 anni fa

    Luca Margheri che ti dicevo plexicushion di merda!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Luca Pellegrini - 3 anni fa

    Perché le stesse dichiarazioni non le ha dette dopo l US Open ? e poi gli altri tennisti che si sono infortunati non si lamentano come lui dai via !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Antonio Quarta - 3 anni fa

    Se installi il motore di un bus su una macchina e ci metti il carburante per aerei prima o poi la macchina si rompe….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Giulio Lalli - 3 anni fa

    Come al solito tutti pronti ad attaccarlo e a portare Federer come esempio. Peccato che vi sfugga il fatto che Rafa non è l’unico infortunato per via dei 500 tornei che ogni anno si giocano sul duro. Wawrinka? Nishikori? Murray? Raonic?? Djokovic? Saranno un caso tutti questi infortuni??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vittorio Melchionda - 3 anni fa

      Scusa ma è proprio il tema che ho segnalato. Non è il campo veloce è l’attrezzo che permette velocità che su un campo veloce rendono gli sforzi più duri. Certo che se ti insegnano a fare il serve and volley e diverso dal giocare finché l’altro sbaglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giulio Lalli - 3 anni fa

      Gli attrezzi sono sicuramente una parte del puzzle come dici tu. Ma comunque il duro comporta uno stress molto grosso per i muscoli e le articolazioni. Il 75% dei tornei si gioca sul duro, a prescindere non mi sembra giusto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Fabio Catrambone - 3 anni fa

      Semplicemente perché Federer per tornare a vincere è stato fermo 6 mesi, Nadal è spesso infortunato perché con una muscolatura come la sua porta spesso il corpo all’esasperazione, gli altri che hai nominato si portano avanti gli infortuni fino a quando sono costretti a dare forfait, infortunandosi in continuazione senza mai risolvere il problema del tutto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Fabio Catrambone - 3 anni fa

      Semplicemente perché Federer per tornare a vincere è stato fermo 6 mesi, Nadal è spesso infortunato perché con una muscolatura come la sua porta spesso il corpo all’esasperazione, gli altri che hai nominato si portano avanti gli infortuni fino a quando sono costretti a dare forfait, infortunandosi in continuazione senza mai risolvere il problema del tutto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Andrea Guarrata - 3 anni fa

    Grandi pezzi di ignoranti che fanno differenza fra giocatori, è inutile cosa scrivete… Dato di fatto il cemento è una superficie dura e danneggia il fisico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Antonio Deiana - 3 anni fa

    Ha ragione.
    Gli Australian Open si giocavano su erba.
    Anche gli US Open.
    Si torni a giocare su quella superficie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Gianni Borgo - 3 anni fa

    Il problema è tuo quanti anni che giochi in queste superfici. Gli anni passano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Irene Pigozzo - 3 anni fa

    Chi ti costringe a fare tutti questi tornei? Impara dal grandissimo Roger che gioca un terzo di te ed è il N:° 2 del mondo a 37 anni quasi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Massimo Mangiarotti - 3 anni fa

    Aggiungo l’erba è una superficie “affascinante ” ma falsa il rimbalzo. Dopo due giorni non si sa più cosa è …terra da giardino o altro. Una verità non confutabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mark Otto - 3 anni fa

      Ha ragione riguardo al logorio dell’erba, ma in fatto di rimbalzi falsati, la terra non e’ da meno. Per quanto il campo sia curato, ricoperto di terra uniforme ed annafiato, ci sono sempre rimbalzi diversi, e non parliamo di cosa accade quando si prendono le righe…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Massimo Mangiarotti - 3 anni fa

      Rimango con la mia opinione. Ciao.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Ausilia Tomasi - 3 anni fa

    basta rinunciarci e giocare solo sul morbido come fa roger

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Giancarlo Versolato - 3 anni fa

    Ha ragione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Umberto Andreoli - 3 anni fa

    Caro rafa; ma solo a te capitano questi infortuni!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Andrea Varriano - 3 anni fa

    Il problema è il logorio fisico dopo una lunga carriera piena di.corse

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Giuseppe Di Domenico - 3 anni fa

    Speriamo non sia niente di grave torna presto CAMPIONE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Gloriana Mondini - 3 anni fa

    Sono veramente dispiaciuta forza Rafa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Vittorio Melchionda - 3 anni fa

    A mio parere non si tratta di velocità delle superfici ma di evoluzione dei materiali che non può adeguarsi al fisico. Se i giocatori tirano servizi a oltre 200 km/h o winner al oltre 140 km/h per via dei materiali delle racchette come fa il fisico ad adeguarsi? Sì dovrebbe tornare a velocità meno robotiche perché appunto non sono dei robot

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Lugo - 3 anni fa

      Condivido

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Stefano Disperati - 3 anni fa

      Mah, si tirava a queste velocità anche negli anni 80/90, e le superfici erano le stesse, magari più veloci; il problema è stato l’emergere di una determinata categoria di giocatore “l’attaccante da fondo” che fa dell’atletismo la principale virtù: non è un caso che i principali interpreti, Nadal, Djokovic e Murray siano tutti rotti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Stefano Disperati - 3 anni fa

    Cavolo che sorpresa: il cemento è duro!!!
    Caro Rafa, bisogna essere bravi a far correre di più la pallina e meno le gambe se si vuole essere longevi! Questa è la verità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gloriana Mondini - 3 anni fa

      Ha cominciato a vincere tornei 16 anni fa’ per favore non facciamo i critici nè gli spiritosi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Massimiliano Segalini - 3 anni fa

      Gloriana Mondini cosa c’entra??? Ma ti svegli?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Stefano Disperati - 3 anni fa

      Gloriana Mondini no, facciamo i lacchè.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Marta Mottura - 3 anni fa

      Massimiliano Segalini ahahaahahahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Grazia Mattioli - 3 anni fa

      E quindi ?che c’entra se ha iniziato 16 anni fa ????

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Grazia Mattioli - 3 anni fa

      Ci mettiamo la moquette

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Attilio Roccatani - 3 anni fa

    Caro rafa senza bombe sei peggio di karlovic

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Luciano Giorgi - 3 anni fa

    Tu dici superficie dure ,credo ,diciamo alimentazione? ma..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Benedetta Rugo - 3 anni fa

    In bocca al lupo campione del mio ❤

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Stefano Massobrio - 3 anni fa

    Troppe superfici dure? Aumentiamo i tornei sull’erba quella vera bassa e soffice con la palla che schizza via bassa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. La terra battuta resta il top

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Romeo Chierici - 3 anni fa

    Paolo Iemmi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Massimo Mangiarotti - 3 anni fa

    Non ha tutti i torti. Sono superfici che danneggiano il fisico. Le torsioni a cui sono sottoposti con il tennis attuale sono tremende. Quindi meno superfici dure e più terra battuta che prima era la superficie principe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cristian Quarantelli - 3 anni fa

      Allora facciamo metà stagione su terra e metà su erba….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Come una volta..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Alessio Volta - 3 anni fa

      ma forse forse era l’erba la superficie principe eh…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Massimo Mangiarotti - 3 anni fa

      Cristian Quarantelli di quanti “secoli ” fa sta parlando. Contraddire per il gusto polemico è sterile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Paolo Gagliano - 3 anni fa

    Il tennis è dominato dai vecchi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Riccardo Bertini - 3 anni fa

      Perché i nuovi valgono la metà della metà. Ancora non ho visto un tennista che valga quanto questi “vecchi”, che ogni tanto perdono, ma al torneo dopo fanno un culo così a tutti quanti. I ragazzetti che arrivano hanno solamente colpi e niente gioco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Paolo Gagliano - 3 anni fa

      Magari i giovani preferiscono altri sport. Ma per la sopravvivenza del tennis ci vorrebbe un ricambio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Riccardo Bertini - 3 anni fa

      In realtà l’interesse per il tennis non si è abbassato, però come in tutti gli sport in generale si sta vedendo un calo della passione messa in campo. Il calcio, lo sport più corrotto del mondo, è stato il primo sport a dimostrare che i nuovi atleti sono tecnicamente migliori ma molto meno costanti, decisi, focalizzati sulla disciplina che praticano. E in realtà il pallone è solo la prima disciplina a subire questa cosa, piano piano anche le altre stanno cadendo in questo senso. Io non vedo passione nei nuovi tennisti, non vedo il sacrificio nel giocare la partita come quello di un Nadal, di un Federer ma anche di uno stesso Tsonga, che seppur non abbia avuto grandi risultati si è sempre dimostrato uno che il punto non te lo lascia nemmeno morto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Angela Serusi - 3 anni fa

    Terraiolo, basta decidere di non partecipare no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rosa Abbati - 3 anni fa

      Ci sono tornei che non puoi rifiutare …
      Essere il re sulla terra è fantastico e no dispregiativo !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Angela Serusi - 3 anni fa

      Non è mica dispregiativo.. È semplicemente un “gergo” per chi predilige e ha più attitudine per giocare sulla terra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Laura Lissi - 3 anni fa

      dopo una certa età si possono saltare si dei tornei, Federer non ne ha fatti sulla terra e ha potuto farlo. Nadal non è più un ragazzino, è lui che gioca tutti i tornei, nessuno lo obbliga

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Romeo Chierici - 3 anni fa

      Secondo voi uno che è il n.1 al mondo decide di saltare uno dei più importanti tornei al mondo ? hahahahahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Angela Serusi - 3 anni fa

      E allora non si dovrebbe lamentare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. I top ten alcuni tornei li devono giocare per forza a meno che non siano infortunati..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Alessio Volta - 3 anni fa

      Romeo Chierici e Federer lo scorso anno non ha saltato il RG per sua scelta? mi pare che il mondo tennistico sia andato avanti comunque

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Edoardo Dal Canto - 3 anni fa

    Andrea Aringhieri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Aringhieri - 3 anni fa

      Quindi eliminiamo il cemento per l’erba

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy