Tsitsipas e il suo difficile rapporto con i social

Tsitsipas e il suo difficile rapporto con i social

Un nuovo Tweet del greco (nel quale cercava di vendere una stampante) ha suscitato ancora polemiche

di Alessandro Zecchini

Si sa l’avvento delle nuove tecnologie e dei social network in primis ha modificato per sempre il concetto di comunicazione su tutti i livelli. Basta osservare quello che accade intorno a noi tutti i giorni e soprattutto in questo periodo difficile, per comprendere come si sia ormai giunti ad un nuovo modo di rapportarsi con chi ci circonda.
Si sa il mondo dello sport è spesso precursore per quanto riguarda le nuove tecnologie e a tutti gli sportivi piace già da tempo comunicare con i propri fan attraverso i canali social con video, foto, semplici post e quant’altro.
A tanti riesce bene da sempre, anche nel mondo del tennis, ad altri purtroppo un po’ meno. È questo il caso di Stefanos Tsitsipas, tennista greco classe 1998.
Più volte nell’ultimo periodo abbiamo commentato alcune sue uscite un po’ imbarazzanti in rete, provenienti principalmente dal suo profilo Twitter. Niente di particolare sia chiaro, ma sembra quasi che questo isolamento domestico annoi il giovane talento ellenico.

Stefanos Tsitsipas

Nelle ultime ore il tennista greco ha cercato di vendere nientemeno che una stampante attraverso il suo profilo Twitter.
Da prima Tsitsipas ha cercato di promuovere un marchio che lo sponsorizza (il tennista lo pubblicizza spesso anche attraverso il suo canale YouTube) poi presosi un po’ di critiche ha modificato il Tweet inserendo la stampante con asta per il miglior offerente, “la metà” del ricavato sarebbe andata ad un’associazione che lavora con bambini bisognosi. Il livello delle polemiche è così aumentato, soprattutto per quel 50% della donazione del greco (perché non devolvere tutto il ricavato ammesso che ci sia una logica in questa storia) e così Tsitsipas ha deciso di cancellare tutto (altro errore da dilettante).
Pochi giorni fa sempre via Twitter il tennista era stato criticato (forse eccessivamente) e giudicato un irresponsabile per una sua dichiarazione che rassicurava i tifosi sul proprio stato di salute dopo i numerosi spostamenti successivi alla cancellazione di Indian Wells e Miami e sulla “esigenza di uscire” che il greco ha per tenersi in forma essendo uno sportivo professionista (naturalmente non intendeva uscire per strada ma più verosimilmente in giardino).
Diciamo che dopo la famosa conferenza stampa in cui il greco battibeccò con la madre, il suo rapporto con la comunicazione e con i social è un po’ particolare. Social media manager cercasi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy