Challenger Manerbio: Sonego e Quinzi agli ottavi, tutti fuori gli altri italiani

Challenger Manerbio: Sonego e Quinzi agli ottavi, tutti fuori gli altri italiani

Nel 50000$ bresciano altra giornata nera per il tennis nostrano: solo 2 giocatori, Quinzi e Sonego, hanno passato il primo turno, a fronte di ben 5 eliminazioni che, sommate alle 3 di ieri, rendono ancora più negativo il bilancio.

di Giacomo Gitti

Dal nostro inviato a Manerbio

Non corre buon feeling, in termini di risultati, tra il Challenger di Manerbio e i tennisti italiani. Su 10  azzurri in tabellone, soltanto in due sono riusciti a passare il primo turno. Anche tornando in là con gli anni le cose non vanno tanto meglio, infatti, dando un’occhiata rapida all’albo d’oro, ci si accorge immediatamente che l’ultimo vincitore dal nome familiare è Stefano Tarallo, che nel lontano 2000, per la gioia del pubblico bresciano, si laureò campione del torneo. Riprendendo in mano temi più attuali, è doveroso dire che i due superstiti, Lorenzo Sonego e Gianluigi Quinzi, non hanno fatto nulla di straordinario per qualificarsi. Il primo si è aggiudicato il derby con Pellegrino (giocatore di prospettiva ma pur sempre il numero 603 del ranking) mentre il secondo ha superato in rimonta il modesto Zapata Miralles. Se la prova del 22enne torinese è stata abbastanza continua e convincente, altrettanto non si può dire per quella offerta dall’ex numero 1 del mondo juniores. “Giangi”, che nell’ultimo periodo ha sofferto diversi fastidi alla schiena e al gomito, ha alternato scambi pregevoli a errori grossolani, salendo comunque di livello e intensità nella seconda metà di gara. In generale, molto bene in risposta e con il suo splendido rovescio anticipato ma ancora troppo poco incisivo con il diritto arrotato. Per fare il salto di qualità che tutti attendiamo con ansia deve assolutamente affinare questo colpo, trovando maggiore profondità e pesantezza di palla. Inoltre al servizio, pur essendo migliorato, ha una percentuale di prime piuttosto bassa che con il tempo deve essere alzata. Infine deve sfruttare di più la sua bravura nel costruire gioco e nel far muovere l’avversario, venendo a rete con maggiore frequenza per chiudere il punto, evitando così di rimanere intrappolato nello scambio. Vedremo se dopodomani nel match con Carballes, vittorioso oggi nella battaglia con il serbo Zekic, ci saranno dei passi in avanti.

Tra gli sconfitti, invece, quello che ha impressionato di più è stato un propositivo Gianluca Mager, che si è arreso con onore a Tommy Robredo. Nonostante il ko in due set, ha lottato alla pari da fondo campo con il fuoriclasse iberico che, per sua sfortuna, nel tie break decisivo è salito in cattedra, vincendo gli ultimi 6 punti. Purtroppo all’allievo di Diego Nargiso è mancata, come spesso accade, un po’ di cattiveria nei momenti topici, tuttavia, facendo progressi sul piano fisico e mentale, il futuro potrà essere luminoso. Incanta la platea anche l’altro vecchietto spagnolo dal grande passato, il primo favorito del seeding Guillermo Garcia-Lopez, che ha regolato in due parziali l’austriaco Lenny Hampel. Nel primo set ha preso le misure, nel secondo ha deliziato i presenti con il suo meraviglioso rovescio a una mano e con la sua classe che poco ha a che fare con questo circuito. Per concludere merita una menzione particolare lo svedese Elias Ymer che, dopo il trionfo di pochi giorni fa al Challenger di Cordenons, ha battuto agevolmente il polacco Majchrzak e ha allungato a sei la striscia personale di vittorie consecutive sulla terra rossa italiana.

R1: (1)Guillermo Garcia Lopez (ESP) d. (LL)Lenny Hampel (AUT) 64 63
R1: (5)Oscar Otte (GER) d. Sadio Doumbia (FRA) 62 64
R1: (4)Arthur De Greef (BEL) d. (Q)Federico Gaio (ITA) 63 64
R1: Carlos Taberner (ESP) d. (WC)Julian Ocleppo (ITA) 76(4) 63
R1: (SE)Elias Ymer (SWE) d. Kamil Majchrzak (POL) 63 64
R1: (8)Ricardo Ojeda Lara (ESP) d. Alexandre Muller (FRA) 62 00 RET
R1: (Q)Lorenzo Sonego (ITA) d. (WC)Andrea Pellegrino (ITA) 76(4) 62
R1: (WC)Gianluigi Quinzi (ITA) d. Bernabe Zapata Miralles (ESP) 46 64 61
R1: (3)Roberto Carballes Baena (ESP) d. (Alt)Miljan Zekic (SRB) 75 46 63
R1: (7)Tommy Robredo (ESP) d. (Q)Gianluca Mager (ITA) 63 76(3)
R1: Kimmer Coppejans (BEL) d. (WC)Andrea Vavassori (ITA) 75 63
R1: (2)Adam Pavlasek (CZE) d. (Q)Maximilian Neuchrist (AUT) 16 61 64

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Milla Martinelli - 3 anni fa

    Forza Quindi! !!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy