Atp Basilea: un brutto Federer batte Simon. Zverev vince ancora

Atp Basilea: un brutto Federer batte Simon. Zverev vince ancora

Roger Federer supera in tre set Simon e vola in semifinale. Prestazione altalenante dello svizzero, che ancora una volta vince senza però convincere. Bene Sascha Zverev, ancora imbattuto a livello di set, che affronterà in semifinale la vera sorpresa del torneo: Marius Copil.

di Antonio Sepe

[1] R. Federer b. G. Simon 7-6 [1] 4-6 6-4: 2 ore e 36 minuti: questo il tempo impiegato da Roger Federer per avere la meglio del suo avversario odierno, il francese Gilles Simon. Prestazione da rivedere dello svizzero, che non è riuscito ad essere incisivo con i suoi colpi e, quando prendeva l’iniziativa, spesso finiva per commettere un errore non forzato. Nonostante ciò, grazie all’esperienza ed al giusto cinismo nei momenti chiave, è riuscito a portarla a casa ed è approdato in semifinale. Sesta vittoria in carriera, consecutiva, su otto precedenti contro Gilles Simon e dodicesima semifinale consecutiva a in quel di Basilea per lo svizzero che, ad eccezione del 2015 quando ha dovuto saltare tutta la seconda parte di stagione e di conseguenza anche questo torneo, ha sempre raggiunto almeno la finale dal 2006 a questa parte.

Vittoria sofferta quest’oggi per l’ex numero uno al mondo, che dopo una pessima partenza, dove ha rischiato persino di andare sotto di due break, si è rimesso in carreggiata ed è riuscito ad agguantare il tie-break, annullando anche un set point sul 6-5. Tutto d’un tratto, però, Simon ha avuto un momento di black out e, essendo capace di vincere appena un punto, ha lasciato finire il tie-break nelle mani di Roger con lo score di 7-1. Nel secondo parziale, gli errori del nativo di Basilea sono aumentati e, non a caso, è stato quasi sempre costretto a rincorrere ed ha dovuto conquistare ben due controbreak nei primi giochi per non andare subito in svantaggio. Dopo 47 minuti di gioco, però, il tennista transalpino ha chiuso 6-4 grazie al break decisivo messo a segno nel nono game che ha portato l’incontro al terzo set. Nel parziale decisivo, infine, Federer è scappato avanti grazie ad un break in apertura, salvo poi essere riacciuffato ad un passo dal traguardo. Proprio nel game cruciale, però, Simon si è incartato e, da una situazione di 40-15 in suo favore, ha perso quattro punti consecutivi e di conseguenza il match. 

[2] A. Zverev b. [8] R. Bautista Agut 7-5 6-3: Prosegue a gonfie vele il cammino di Sascha Zverev in questo torneo, che ha visto il giovane tedesco giungere in semifinale senza ancora aver perso set ed esprimere un tennis più che positivo tanto da consentirgli di portare a casa in maniera più che agevole i suoi incontri. Dopo le vittorie ai danni di Haase e Popyrin, nella giornata odierna la vittima è stata lo spagnolo Roberto Bautista Agut, che ha provato a mettere i bastoni fra le ruote del suo avversario, senza però successo. Zverev si assicura dunque un match assai rocambolesco, che ha visto molti break e games piuttosto combattuti, tanto che la durata è stata di un’ora e tre quarti. Spicca in particolare la statistica sulle palle break, che ha visto il tedesco convertirne appena 5 su 19; nonostante cinque break siano davvero tanti, specie se ottenuti in undici turni di risposta, le numerose palle break avute a disposizione conferiscono a questo dato un’importanza relativa. Zverev approda comunque in semifinale, dove se la vedrà con Marius Copil. Zverev-Toronto-Masters-1001564

[Q] M. Copil b. [WC] T. Fritz 7-6 [6] 7-5: È proprio il romeno Marius Copil la sorpresa di questo torneo, che grazie ad un percorso netto e senza fronzoli è riuscito a spingersi fino in semifinale. Dopo l’esorido vincente contro Harrison, è arrivata la clamorosa vittoria ai danni di Cilic e quindi la conferma quest’oggi, ancora su un americano, vale a dire il NextGen Taylor Fritz. Match durato quasi due ore che Copil ha chiuso in due set, non senza però rischiare. Nel primo parziale, infatti, le palle break concesse dal rumeno sono state ben otto e, nel tie-break, il tennista proveniente dalle qualificazioni è riuscito ad imporsi per 8 punti a 6. Nel secondo set, invece, dopo aver servito per il match sul 5-3, Copil è riuscito a chiudere solamente 7-5, dopo aver conquistato un secondo break che gli ha permesso di raggiungere la prima semifinale in carriera in un Atp 500.

[7] D. Medvedev b. [4] S. Tsitsipas 6-4 3-6 6-3: Nell’ultimo match di giornata, iniziato davvero tardi a causa della lunghezza degli incontri precedenti, ha visto prevalere il russo Medvedev ai danni di Stefanos Tsitsipas. Match davvero equilibrato quello che la testa di serie numero 7 ha portato a casa, imponendosi in tre set e dopo quasi due ore di gioco. Tutti e tre i parziali sono stati decisi da un solo break ed a spuntarla è stato Medvedev, che ha servito piuttosto bene ed ha spesso comandato lo scambio, costringendo il suo avversario all’errore. Terza sconfitta consecutiva, e in stagione, per Tsitsipas, che a quanto pare non riesce in alcun modo a contrastare il gioco del russo. Approda invece in semifinale Medvedev, che troverà Roger Federer nel remake del primo turno di Shanghai, dove l’elvetico rischiò molto ma riuscì a spuntarla al terzo set.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy