Atp Vienna: il titolo va a Kevin Anderson

Atp Vienna: il titolo va a Kevin Anderson

Il sudafricano si è aggiudicato il Bank Austria Tennis Trophy di Vienna. Nella finale contro Kei Nishikori, si è affermato con il punteggio di 6-3 7-6, in poco meno di due ore di gioco.

di Federico Gasparella

La cronaca della finale tra Kei Nishikori e Kevin Anderson:

PRIMO SET – Il parziale inaugurale si è svolto in maniera favorevole al giocatore sudafricano. Quest’ultimo, ha saputo realizzare con ostinazione un gioco prevalentemente offensivo, che si è distinto per le improvvise accelerazioni, soprattutto diagonali, realizzate nel corso degli scambi e le frequenti risposte aggressive al servizio dell’avversario. Nishikori, di contro, pur esprimendosi in modo egregio, spesso si è visto costretto a praticare un tennis conservativo, faticando a procurarsi quegli spazi, necessari per sviluppare le sue tipiche azioni d’attacco. In merito al punteggio, al quarto gioco, Anderson ha ottenuto ai vantaggi il primo break della frazione, alla quinta circostanza utile avuta a disposizione. In seguito, il nipponico ha cercato invano di colmare lo svantaggio, infrangendo le proprie iniziative nella robustezza di Anderson alla battuta. In questa maniera il sudafricano ha potuto custodire il break fino alla vittoria del set per 6-3.

SECONDO SET – La seconda frazione ha avuto uno svolgimento più equilibrato, in quanto Nishikori è stato in grado di realizzare con maggiore regolarità delle azioni offensive. Le fasi di palleggio sono dunque risultate più intense e combattute. Il nipponico, tuttavia, ha continuato a non infierire più di tanto nei game di risposta, soffrendo oltremodo il servizio di Anderson. Mentre il sudafricano, in diverse circostanze, si è reso particolarmente insidioso all’interno dei turni di battuta dell’avversario, non trascurando la possibilità di compiere delle improvvise discese a rete. Ciò nonostante, Nishikori ha saputo contenere le sue iniziative e a non cedere il break. Il parziale si è quindi deciso al tie break, all’interno del quale Anderson si è subito portato in vantaggio di un mini break, raggiungendo lo score di 3-0. Successivamente, ha reso ancor più consistente il distacco, conseguendo la vittoria di un altro mini break. Si è portato infine, sul 6-3, con tre match point a disposizione, di cui il primo si è rivelato determinante.

[2]K.Anderson b. [5]K.Nishikori 6-3 7-6(3)

 

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Nicola Vaselli - 2 anni fa

    Avrei scommesso su una vittoria di Nishikori dato che per tutto il torneo ha giocato ad ottimi livelli, strano sport il tennis 🙂 Bravo Struzzo Anderson, complimenti !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Io l’esatto contrario. Sushiman sul più bello si scioglie 🙁

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy