Ernests Gulbis: “Tomic ha talento. E non giudicate male Sharapova”

Ernests Gulbis: “Tomic ha talento. E non giudicate male Sharapova”

Forti parole quelle di Ernests Gulbis a un emittente sportiva locale. Ecco ciò che pensa sul talento di Tomic e sul caso Sharapova

di Simone Marasi, @Simone_Marasi

Mai banale Ernests Gulbis nelle sue interviste. Il giocatore lettone, in una breve intervista a SovSport, ha parlato di ciò che il talento significa per lui. Tutto è partito da una domanda su Bernard Tomic, che ha detto durante lo scorso Wimbledon di annoiarsi nel giocare a tennis. Gulbis ha poi anche parlato di Maria Sharapova e ha dato la sua opinione sulla squalifica per doping.

TALENTO – “Tutti lo criticano, ma è solo uno che non pensa quando parla. I ragazzi più giovani sono sempre un po’ stupidi”, ammette Gulbis. “Alla gente potrebbe non piacergli Tomic, ma è un giocatore di talento. ‘Sai cosa è talento negli sport? Se la mia nonna non mi avesse tirato una palla, dove sarei ora? Avevo la fortuna di avere una nonna che trascorreva ore con il nipote. A questo punto il mio talento sarebbe il risultato dell’opera di mia nonna, giusto? E se mi invece mi avesse portato in una scuola di musica? Nel tennis ci sono vittorie, sconfitte, alti e bassi. Per me il tennis è la possibilità di essere una persona migliore”.

CASO MASHA – Infine ha parlato delle critiche a Maria Sharapova, che ha ricevuto diverse wild card, ultima quella ai prossimi US Open: “Forse non sono troppo informato, ma non mi piacciono i commenti su di lei. Quando qualcuno critica qualcun’altro senza sapere tutto dei suoi problemi personali. Da come ho capito, il Meldonium non è stato vietato per dieci anni, quindi perché qualcuno può permettersi di giudicarla e di toglierle i suoi titoli?”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Moris Oliva…è ufficiale…lo amo…ancora di più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Moris Oliva - 2 anni fa

      Mi sta simpatico il ragazzo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Francesco Perreca - 2 anni fa

    Una disamina corretta, soprattutto con grande onestà intellettuale per quanto riguarda il caso Sharapova, a differenza di colleghi e colleghe più illustri che hanno sentenziato in maniera fin troppo affrettata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy