I dubbi di Sania Mirza: “Senza vaccino non credo si tornerà in campo presto”

Sania Mirza allontana la ripresa del tennis. La giocatrice indiana al momento non si sta allenando e, senza vaccino, non crede si possa tornare in campo in tempi brevi

di Diletta Barilla

Sania Mirza è molto scettica sulla possibilità di tornare in campo in tempi brevi. Per la tennista indiana, infatti, le chance di ripartenza sono ridotte al minimo, almeno fino a che non si troverà un vaccino per combattere la diffusione e il contagio del nuovo coronavirus.

In un’intervista al The Hindu ha espresso tutte le sue preoccupazioni. La campionessa indiana di doppio – è stata la prima del suo paese a raggiunge la vetta della classifica – attualmente ha scelto di non riprendere neanche gli allenamenti: “In un momento di così grande incertezza non capisco come si possa anche solamente pensare di competere“.

SINGAPORE – Martina Hingis of Switzerland and Sania Mirza of India in action during the doubles match on Friday October 28, 2016, at the BNP Paribas WTA Finals Singapore presented by SC Global at the Singapore Indoor Stadium, October 23 – October 30, 2016. Picture by Paul Lakatos/Lagardère Sports.

I grandi dubbi di Sania Mirza sono “alimentati” dalla paura per se stessa e per il suo bambino: “Ho davvero timore e per questo esco il minimo indispensabile. Non mi alleno perché non puoi sapere se qualcosa ti colpirà. Io devo pensare sia come atleta ma soprattutto come mamma. Devo prendermi cura di Izhaan“.

Lo stop per la pandemia ha avuto per lei – così come per tanti suoi colleghi – un risvolto positivo. Questa pausa le ha permesso di passare un po’ di tempo a casa in famiglia: “La parte migliore è stata proprio questa, stare a lungo con mio figlio. Lui sta crescendo così rapidamente e potermi fermare ad osservare tutti i suoi progressi è stato un privilegio“.

La giocatrice di Bombay non ha però intenzione di rischiare per tornare in campo. Anzi, allontana il rientro: “Fino a che non ci sarà un vaccino non penso si possa ripartire. Non posso permettermi il rischio di viaggiare senza sicurezza anche per il mio bambino. Purtroppo c’è poco che possiamo fare in questo momento, bisogna solo aspettare e sperare che tutto si risolva per il meglio“.

Le dichiarazioni di Sania Mirza non fanno altro che alimentare i dubbi, sempre più forti, sulla ripartenza del tennis. L’USTA cerca una soluzione per far sì che gli US Open possano comunque disputarsi. La ricerca di “normalità” continua, non senza polemiche.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy