Ion Tiriac non ha dubbi: “In Spagna Rafa Nadal è più popolare dei politici”

L’ex tennista rumeno, Ion Tiriac, ora importante uomo d’affari a capo della ‘Tiriac Holdings’, ha rilasciato un’intervista sul grande potere mediatico del tennis
di Nicola Devoto

di Redazione Tennis Circus

Ion Tiriac ha fatto spesso parlare di sé,un personaggio molto carismatico dotato di un fiuto imprenditoriale non comune mediante il quale ha costruito una vera e propria fortuna. È stato un grande doppista in coppia con Ilie Nastase negli anni 70 formando uno dei doppi più forti di sempre e il suo nome appare ancora oggi su tante prime pagine.

Nel mondo del tennis Tiriac è stato sia giocatore che allenatore. Ha seguito Boris Becker dal 1984 al 1993. Successivamente ha ricoperto il ruolo di agente e direttore di tornei, nonché proprietario del Masters 1000 Mutua Open di Madrid, del quale negli ultimi giorni se ne è parlato in riferimento ad un possibile trasferimento logistico a Berlino. 

Ţiriac e Becker

Al sito online “We love tennis”, Ion Tiriac ha parlato di argomenti di stretta attualità, fornendo la sua opinione sulla pandemia da COVID-19 che sta condizionando pesantemente il mondo intero e  complimentandosi con la Federazione francese per aver insistito per organizzare a tutti i costi il Roland Garros nonostante i tanti ostacoli e difficoltà. 

L’attuale capo della Tiriac Holdings ha evidenziato il potere mediatico del tennis nel mondo, capace di appassionare milioni di persone, che finisce per condizionare i rapporti economici e sociali nel mondo: “La TV moltiplica l’impatto delle stelle del tennis. Sono sicuro che il nome di Rafael Nadal nel mondo sia più noto di quello del Primo Ministro spagnolo. Ecco perché sto dicendo che il tennis ha un’enorme possibilità. Il volto di un tennista è più popolare di quello di un politico perché rimane sullo schermo più a lungo, perché tutti dappertutto nel mondo lo guardano“.

Ion Ţiriac

Poi il famoso imprenditore rumeno cita un esempio: “Quando Boris Becker giocava, trascorreva 5.000 ore all’anno in televisione, circa due o tre ore al giorno ed era più visibile del presidente degli Stati Uniti. Ecco perché il tennis ha così tanti partner commerciali, è uno sport unico e anche ora lo sta dimostrando”.

Nicola Devoto

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy