Rafa Nadal: “Sono felice del mio livello e dei risultati ottenuti”

Rafa Nadal: “Sono felice del mio livello e dei risultati ottenuti”

Dopo aver superato agevolmente il primo turno del Roland Garros contro il qualificato tedesco Yannick Hanfmann, Rafa Nadal è apparso davanti ai media per parlare delle sue sensazioni e dell’evoluzione del suo gioco in questa stagione sul rosso.

di Riccardo Costarelli, @rickycostarelli

Anche se il Philippe Chatrier è stato appena ristrutturato, per Rafa non ci sono differenze, lui è sempre il solito rullo compressore. Giocare sul centrale del Roland Garros è come stare nel cortile di casa, tanto che, a parte la questione visiva, ha confessato di non aver notato ulteriori cambiamenti. “Le sensazioni su questo campo sono le stesse. È un pochino diverso visivamente, sì, ma le condizioni di gioco sono le stesse, non sento nulla di diverso“, ha detto l’attuale numero 2 del mondo, e se lo dice lui c’è da crederci.

Il suo avversario in questo match di esordio al Roland Garros è stato il tedesco Yannick Hanfmann , un giocatore che Rafa non aveva mai affrontato prima. Lo spagnolo ha dichiarato di essere stato soddisfatto del proprio livello di gioco ed ha confessato che per prepararsi al meglio ha dovuto guardare alcuni video per capire quali fossero i suoi punti di forza e di debolezza: “L’ho conosciuto un po’ perché l’ho visto giocare l’anno scorso contro Zverev a Monaco e ieri pomeriggio ho rivisto alcuni video su Youtube. Non è facile giocare con qualcuno che viene dalla fase di qualificazione, sei costretto ad avere già un buon livello per andare avanti. Per essere una partita di primo turno, ho fatto molte cose buone e pochi errori. Sono stato molto solido durante il gioco. Per essere stato l’esordio, possiamo dire che sono felice del livello che ho offerto“, ha detto il maiorchino.

Rafael Nadal
Rafael Nadal

Come è successo in tutti gli altri tornei in cui ha preso parte, a Nadal è stato poi chiesto un commento a proposito dei risultati raggiunti quest’anno sul rosso. “I risultati sono buoni”, ha confermato Rafa. “Un’altra cosa sono le sensazioni che ho avuto durante la prima settimana e mezzo di competizioni sulla terra. Da quel momento in poi, cosa volete che vi dica, tre semifinali e un titolo in un torneo molto complicato sono buoni risultati. Se me lo avessero chiesto qualche mese fa, ci avrei messo la firma di sicuro. Non sono una persona che ha l’arroganza di pensare che avendo avuto successo in passato, devo averlo ogni volta. Non è normale vincere 11 titoli a Monte Carlo e Barcellona, ​​ho raggiunto tutto questo con molta fatica. Io lavoro ogni giorno per riuscire a giocare al più alto livello possibile ed essere in grado di competere in ogni torneo.

Infine, Rafa ha parlato della presenza dello zio Toni al Masters 1000 di Roma, cosa che lo ha reso molto felice: “È sempre di aiuto, ma parlare di lui sarebbe ingiusto per il resto della mia squadra. È stato solo un paio di giorni. Ciò che è successo a Roma è stato il frutto dell’evoluzione avuta nel corso della stagione su terra“, ha concluso Nadal che sta giocando in questi giorni il suo torneo numero 100 sulla terra battuta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy