Shapovalov: “Vedere il mio nome nell’albo dei vincitori di questo torneo mi rende molto felice”

Shapovalov: “Vedere il mio nome nell’albo dei vincitori di questo torneo mi rende molto felice”

Il canadese parla di cosa significhi vincere il suo primo titolo ATP e confermare le ottime prestazioni conseguite nelle ultime settimane.

di Redazione Tennis Circus

Una delle grandi bellezze dello sport è che tutto può cambiare quando meno te lo aspetti e, nel momento in cui pensi di toccare il fondo, emergi più forte che mai. Denis Shapovalov può attestare la veridicità di questa affermazione sulla base delle prestazioni di questa stagione. Il giovane canadese ha iniziato l’anno con buoni propositi, vincendo le partite in tornei importanti ed essendo competitivo contro tutti i rivali. Tuttavia, dopo un inizio incoraggiante, le luci si sono spente. La stagione sulla terra battuta e sull’erba è stata negativa per un Denis che ha vinto solo due partite sulla terra e non ha potuto aggiungere alcuna vittoria sull’erba. Perdeva completamente lo schema del suo gioco, si precipitava costantemente nella ricerca del colpo vincente e commetteva continuamente errori non forzati: tutte queste aggravanti avevano fatto perdere al giovane Shapovalov la fiducia nel suo gioco.

Qualche mese dopo tutto è cambiato. Shapovalov ha accettato la situazione e sapeva che era necessario ricostruire completamente il suo tennis. Il suo margine di miglioramento  si è focalizzato sulla capacità di accettare situazioni sfavorevoli e avere l’equilibrio per risolverle in campo. Il suo primo passo in avanti è arrivato con il calore del suo pubblico, al Masters 1000 di Toronto, dove ha giocato un’eccellente partita contro Thiem dopo aver battuto Herbert. Ha perso contro l’austriaco, ma era chiaro che era stato fatto il necessario passo avanti. È stata la base da cui partire per concludere in maniera positiva questo 2019: e non ha caso questa settimana, è stato in grado di trionfare nell’ ATP 250 di Stoccolma.

Ha giocato ad alto livello negli US Open del 2019, perdendo di misura contro Monfils; ha fatto semifinale a Winston-Salem e Chengdu, raggiungendo la consapevolezza che, seppure non fosse stato in grado di far volgere fino a quel momento l’equilibrio dalla sua parte, i progressi erano stati importanti. Il premio è arrivato questa settimana sotto forma di un titolo, che gli ha permesso di raggiungere giovani come Tsitsipas, De Miñaur, Fritz, Hurkacz, Rublev o Tiafoe. “Sono pervaso da un’immensa gioia. Sono molto orgoglioso del lavoro che tutta la mia squadra ha svolto accanto a me e che mi ha permesso di vincere questo torneo”, ha detto Denis al sito web ATP, dopo aver messo la ciliegina su una splendida settimana, in cui non ha perso neanche  un singolo set contro Alexei Popyrin, Cedrik-Marcel Stebe, Yuichi Sugita e Filip Krajinovic.

“Questo torneo ha una grande storia. Sono stato sorpreso di vedere che questo torneo ha messo le radici nell’anno in cui è nata mia madre (1969) e vedere il mio nome nella lista delle medaglie accanto a quello di grandi campioni storici mi rende molto eccitato.” E l’evento svedese respira la storia attraverso tutti i pori. Questo torneo infatti ha ospitato illustri campioni, come Arthur Ashe, Sam Smith, John McEnroe, Björn Borg, Mats Wilander, Stefan Edberg, Boris Becker, Ivan Lendl o Roger Federer (vinto nel 2010 ).

“Mi sono detto che avrei dovuto essere aggressivo e pensare al mio gioco. Ho avuto la pazienza di non disperare per le opportunità perse e sono rimasto positivo. Non posso essere più felice”, ha concluso un Denis Shapovalov raggiante, che con questa vittoria si è classificato 27 ° nella classifica ATP.

di Donato Marrese

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy