Marin Cilic: e se il limite fosse l’Australian Open?

Con la vittoria odierna ai danni di Carreno Busta, il croato Cilic è approdato ai quarti dove sfiderà Rafael Nadal. Riuscirà Marin ad essere all’altezza della partita o sarà un flop totale?

di Livia Tripiciano

Marin Cilic è un ragazzone di 1,98, è nato a Međugorje (Croazia) e nella sua carriera ha vinto fin ora diciassette titoli ATP in singolare di cui un titolo slam, lo US open, nel 2014.

Marin colpisce lo spettatore per la sua prestanza fisica e sorprendente agilità e, a vederlo oggi, anche per la sua ritrovata grinta. Si, perché il ventinovenne croato di alti e bassi ne ha avuti parecchi, uno su tutti lo stop di sei mesi, nel 2013, dovuto alla positività ad un test antidoping (la sostanza era la nikethamide e la colpevole una tavoletta di glucosio).
Chila, così viene chiamato da amici e parenti, è caduto ma è stato anche capace di rialzarsi e di ritrovare forza e grinta che gli hanno permesso di collezionare poco tempo dopo, vari successi: la vittoria per il secondo anno consecutivo del torneo di Zagabria, il trofeo di Delray Beach e non ultimo, il suo primo titolo slam nel settembre 2014. Cilic-Humanitarian-ATP-Awards-2016-Trophy

La ripresa “miracolosa” non è stata merito della sua città natale, come verrebbe goliardicamente da pensare, ma della perseveranza di questo ragazzo, che non ha smesso di credere in se stesso, e di chi gli è stato accanto, uno fra tutti Goran Ivanisevic, ex stella del tennis croato, allenatore di Cilic dal 2010 al 2016. Guida tecnica e mentale, Ivanisevic ha aiutato Marin a trovare una giusta aggressività e a costruire delle basi solide per poter dare sempre tutto se stesso in campo, servendosi soprattutto delle sue armi più potenti: servizio e dritto, a cui si aggiunge un sorprendente gioco di volo.
Nel 2017 ha vinto l’ATP 250 di Istanbul, ha raggiunto i quarti di finale a Parigi e una bella finale a Wimbledon, persa però contro un leggendario Federer. Oggi Marin è il numero 6 nel ranking mondiale e sta portando avanti questo Australian open con determinazione e tenacia; ha superato un ostico Pablo Carreno Busta in quattro set (6-7, 6-3, 7-6, 7-6) con 20 aces, e sembra solo l’inizio. Siamo a quota cento vittorie in un torneo del Grande Slam e ora, ai quarti, potrebbe affrontare Rafa Nadal contro cui ha perso cinque volte su sei, ma che di recente ha saputo mettere in difficoltà a Shanghai. Per Rafa invece, sarà il primo big dall’inizio del torneo. 


Ma la stella di Chila ha brillato in questa stagione principalmente per continuità e per un rendimento in continua evoluzione; il suo gioco continua a migliorare grazie all’eredità del “cavallo pazzo” Ivanisevic e ad un buon numero di colpi vincenti, di cui spesso fino all’ultimo, riesce a mascherare la direzione. Tre mesi fa a Basilea aveva detto: “Negli ultimi 12 mesi sono cresciuto molto. Adesso mi conosco meglio, alcuni aspetti del mio tennis sono migliorati e mi trovo sulla buona strada per raggiungere il mio limite”.
Da parte nostra, attendiamo uno spettacolo “all’altezza” del giocatore!

Livia Tripiciano

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Non vince manco un set purtroppo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Loris Polverari - 3 anni fa

    Vedi di non rompere più di tanto..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Luca Spadafora - 3 anni fa

    Cilic e’ un talento, ma Rafa e’ una macchina da guerra (tipo Borg x intenderci). Poi tutto puo’ succedere..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Simone Stroscia - 3 anni fa

    Per battere Nadal deve giocare al top! Servire benissimo con % di prime intorno al 75-80 e sperare che Rafa non sia in giornata!
    Altrimenti non ha chance!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Stefano Petracca - 3 anni fa

    ha poche speranze, Nadal sta giocando come uno schiacciasassi, Cilic non ha il potenziale (soprattutto mentale) per riuscire a portare a casa il match. A meno di un Nadal sottotono (la vedo difficile).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Fabio Remus - 3 anni fa

    Per essere all’altezza deve giocare al massimo e soprattutto servire bene….praticamente ci vuole il Cilic Us Open 2014

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy