Wta Finals: il meglio e il peggio del day 1

Wta Finals: il meglio e il peggio del day 1

La prestazione horror di Petra Kvitova, i gratuiti di Caroline Wozniacki, il gioco ordinato di Elina Svitolina e l’ottima partita di Karolina Pliskova. Il meglio e il peggio del day 1 delle Wta Finals di Singapore.

di Monica Tola

Tutto contro pronostico, nel day 1 delle Wta Finals di Singapore. Elina Svitolina, data a priori e unanimemente per spacciata, si è sbarazzata di Petra Kvitova. La campionessa in carica, Caroline Wozniacki è stata travolta da Karolina Pliskova. C’è però da dire che la Kvitova quanto la Wozniacki ci hanno messo parecchio di proprio per raccogliere zero set e appena sei giochi a testa. Elina Svitolina e Karolina Pliskova sono al momento appaiate alla guida del Gruppo Bianco.

Nemmeno giocare sotto un tetto ha risvegliato Petra Kvitova da un letargo che si protrae da Wimbledon. La tennista ceca che, come è risaputo ama particolarmente le condizioni indoor, sta pagando il prezzo di una programmazione scellerata: troppe energie spese nella prima parte della stagione, con tornei su tornei a distanza ravvicinata. Scarica, lenta negli spostamenti, fallosissima, la numero 7 Wta ha reso molto più semplice il compito di Elina Svitolina. L’ucraina si è limitata a giocare in modo ordinato ed essenziale. Al resto ha pensato la Kvitova, con 29 gratuiti che hanno vanificato gli altrettanti vincenti. La tennista ceca con una prestazione sconcertante ha sprecato l’impossibile e molto spesso quando c’era semplicemente da chiudere il punto. Abbandonata dal servizio (7 doppi falli, uno dei quali sul set point della Svitolina nel primo parziale), dal dritto, dalla concretezza negli scambi che aveva saldamente in mano, Petra ha dato vita a un poco edificante spettacolo tennistico con colpi fuori di metri e volée decollate. Una sola fiammata a inizio secondo set. Petra Kvitova sapeva bene che la chiave per spazzare via l’attuale Svitolina era far leva sulla maggior pesantezza di palla e sui colpi anticipati, per togliere il tempo alla tennista di Odessa. Peccato per la Kvitova che, a parte quei pochi minuti del secondo parziale, servizi, risposte, colpi di inizio gioco siano finiti ovunque tranne che in campo. Elina Svitolina, che lo scorso anno ha vinto una sola partita nel Round Robin e peraltro quando ha battuto Simona Halep era già matematicamente fuori, come suo solito non ha sfondato e ha sbagliato poco. E non può che ringraziare i gentili omaggi dell’avversaria odierna per guardare con maggiore ottimismo ai prossimi match. Giornata da dimenticare anche per Caroline Wozniacki che, oggi, dopo aver disputato un primo set di straordinaria bruttezza, ha confuso e non poco le idee di chi stava assistendo alla partita. Tanto che, nel primo parziale, tra lei e Karolina Pliskova, la regolarista è stata proprio la ceca. La danese ha sbagliato tantissimo e anche in modo grossolano. Le ha tentate tutte la bionda di Odense: nulla da fare da fondo, e su quel fronte il muro in difesa si è sgretolato sotto i colpi della Pliskova. Peggio ancora nei momenti in cui la Wozniacki ha preso la via della rete: attacchi sconclusionati tirati addosso alla Pliskova, che non si è fatta pregare per calibrare ottimi lob e passanti imprendibili. Risultato: un severo tanto meritato 6-2 per Karolina Pliskova (6 unforced a fronte dei 9 della Wozniacki), sotto gli occhi esterrefatti di papà Piotr e lo sguardo soddisfatto di Rennae Stubbs, che da qualche mese segue la ceca e da ex ottima doppista ha apprezzato le giocate di fino della sua assistita. Anche se nel secondo set la danese ha innalzato il livello, della Wozniacki cinica e irriducibile combattente, nemmeno l’ombra: zero palle break, su dieci totali, concretizzate e i due match point salvati sul 6-2, 5-3 ceco, non sono stati il preludio di una rimonta. Chi ha vinto anche nella gestione dei punti importanti è stata la Pliskova, che ha sfoderato al momento opportuno il servizio vincente.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabrizio Bassani - 11 mesi fa

    Risultati a sorpresa viste kle ultime prestazioni.magari influiscono le condizioni differenti del campo.chissa’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Maria Diomede - 11 mesi fa

    La prestazione della ceca è stata a tratti davvero imbarazzante…una involuzione incredibile…spero solo che sia un passaggio a vuoto momentaneo. Solida invece la Pliskova..a differenza della danese…anche lei oggi sottotono…a parte gli ultimi game dove è riuscita ad essere più propositiva…ma la ceca è stata brava a non concederle nulla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Monica Tola - 11 mesi fa

      La partita Wozniacki-Pliskova sembrava giocata a ruoli invertiti. Incredibilmente la Pliskova era la regolarista tra le due, almeno nel primo set. Nel secondo la ceca ha sbagliato di più ma ha giocato meglio. Petra, sconvolgente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giuliana Cau - 11 mesi fa

      Concordo totalmente, Kvitova inguardabile. Completamente scoordinata e senza idee, a parte il terzo gioco del secondo set. Che dire, Petra ha cannato tutti i tornei maggiori del circuito e senza una reale ragione tecnico-fisica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Monica Tola - 11 mesi fa

      Soffre e si affatica per il caldo. A Singapore si gioca indoor, condizione che lei predilige, anche se il campo non è velocissimo. E nemmeno questo è bastato per risvegliarla. E’ partita fortissimo quest’anno, Australia esclusa dove si giocava in condizioni al limite del collasso per il caldo. Giocato troppo per mezza stagione tra tornei e Fed Cup

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Giuliana Cau - 11 mesi fa

      Monica è vero, ma Petra la conosciamo… È pigra di natura, dopo un po’ stacca con gli allenamenti e una come lei, così alta e possente, non può permetterselo. Se canna anche indoor, laddove è un asso, saluti e baci…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Emanuela Filippi - 11 mesi fa

      Quindi a conti fatti le due favorite di questo gruppo hanno perso . Mi auguro che le due favorite del gruppo rosso non facciano la stessa fine .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Monica Tola - 11 mesi fa

      Io e Giuliana che, chiacchierando sulle Finals, abbiamo dato per certa la qualificazione di Kerber e Osaka, negheremo tutto 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Giuliana Cau - 11 mesi fa

      Monica io ho dato uno spiraglio pure a Stephens. Negherò tutto in caso di disfatta, ma se ci prendo voglio il circoletto rosso. A te quello ad honorem 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Monica Tola - 11 mesi fa

      Ahahahah o si sbanca o facciamo sparire tutte le prove

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Alfredo Orrico - 11 mesi fa

      Credo che a Petra ultimamente manchi anche un po’ di sana umilta’ fuori e dentro il campo da gioco. Oltre a tutti i limiti che avete indicato voi. L’ umilta’ che aveva quando e’ tornata dopo il grave incidente. I 6 tornei vinti da allora l’hanno SECONDO ME imborghesita, fatta “sedere”. La prestazione di oggi letteralmente irritante. E parlo della mia tennista preferita in assoluto. Ma io credo che dobbiamo smetterla di essere buonisti con lei, bisogna esaltarla quando occorre ma anche essere severi quando occorre. Forse e’questo che le manca per fare il definitivo salto di qualuta’, un coach “severo”. Jiri Vanek e’ bravissimo, forse troppo comprensivo. Miei pareri, non fucilatemi, pareri di uno che adora questa tennista. PS Visto il coach di Kasatkina come ha letteralmente scrollato la sua atleta? Sono questi secondo me i veri aiuti quando sei in difficolta’. Scusate la lungaggine.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Monica Tola - 11 mesi fa

      Alfredo, io so quanto tu segua con passione Petra. Ed è proprio questo che ti rende obiettivo. Io non so se si tratta di mancanza di umiltà, o forse di quella svogliatezza che le è costata tanto in carriera. Se c’è chi in questi anni con una maggiore attenzione, e non con quella insofferenza verso gli allenamenti, avrebbe potuto vincere ben più di due slam è la Kvitova. Pasticciona oltre che incostante. A me è sempre piaciuta e molto più della Pliskova. Oggi ha ben impressionato la Pliskova, invece. Si è difesa bene, cosa completamente avulsa dal suo gioco, e ha fatto dei gran bei punti. Non solo con il servizio e di potenza. Speriamo che Petra si gestisca meglio l’anno prossimo. Se lo farà di non concentrare tutti quei tornei in pochi mesi, non avrà più la scusante di arrivare a fine stagione senza energie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    11. Alfredo Orrico - 11 mesi fa

      Monica appunto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    12. Alfredo Orrico - 11 mesi fa

      Buonanotte Monica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    13. Monica Tola - 11 mesi fa

      Notte, Alfredo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy