Wta Finals: il meglio e il peggio del day 4

Wta Finals: il meglio e il peggio del day 4

Il suicidio tennistico di Naomi Osaka e la prima vittoria per Angelique Kerber. Sloane Stephens non brilla ma vince ancora. Kiki Bertens avversaria temibile per tutte. Il meglio e il peggio del day 4 delle Wta Finals di Singapore.

di Monica Tola

Tutto da decidere anche nel Gruppo Rosso. La vittoria di Sloane Stephens su Kiki Bertens garantisce ancora una possibilità a Naomi Osaka, che si è arresa ad Angelique Kerber.

Il suicidio tennistico di Naomi Osaka si è concretizzato in un minuto. Terzo set, 3-3 e 40-15 per la Giapponese che sembrava destinata a sferrare il colpo del ko ad Angelique Kerber. Accecata dalla follia agonistica, Naomi Osaka non ha visto dove era posizionata l’avversaria (ammesso che si sia curata di osservarla) e, dopo essersi costruita alla perfezione il punto, le ha tirato sui piedi un dritto al volo. Incredula per un simile gesto di generosità, Angelique Kerber ha sollevato un comodo lob. Naomi Osaka ha provato a rincorrerlo e, spalle alla rete, ha tentato un improbabile contro pallonetto che ha avuto effetti esilaranti. La prima a ridere è stata proprio la tennista nipponica, della quale tutto si può dire tranne che sia priva di senso dello humor e auto ironia. Chi ha gioito a fine partita è stata inevitabilmente la tedesca dato che, dopo quel punto gettato via, Naomi Osaka non ne ha azzeccata più una. Ha rischiato grosso, oggi, Angie. E’ passata dall’illusione di una vittoria facile all’incubo di ritrovarsi di fronte una Osaka che, nel momento peggiore, si è ricordata di essere la campionessa in carica a Flushing Meadows ed è tornata in modalità ingiocabile. I “komm jetzt” compiaciuti della Kerber dal 6-4, 5-4 e servizio, si sono di botto fermati e trasformati in rabbiose imprecazioni. Naomi Osaka aveva improvvisamente ritrovato servizio, dritto e valanghe di vincenti, mentre la Kerber boccheggiava e zoppicava vistosamente. Per quasi due set, la ex numero 1 aveva esibito tutto il repertorio di salvataggi miracolosi, rovesci in accosciata e dritti in lungolinea vincenti a volontà. Naomi Osaka non è ancora matematicamente spacciata, ma dovrà riflettere sui lunghi black out, i 50 gratuiti (che hanno vanificato i 42 winners) e sul perché i colpi non funzionino mai tutti insieme: ha disputato gran parte del match senza il supporto di servizio e dritto e si è aggrappata al rovescio. Ritrovati quei due fondamentali è sparito il rovescio. La Kerber intanto ringrazia e, visto che la cosa era accaduta anche a Kiki Bertens, si è liberata del terrore di essere perseguitata da avversarie ormai spacciate che improvvisamente si rianimano e la battono. Decisiva sarà la sfida con Sloane Stephens che ha faticato e non poco per avere la meglio su Kiki Bertens. Un incontro sulla carta accattivante perché ha messo di fronte le due giocatrici dal bagaglio tecnico più completo del girone. Ne è scaturita una partita disputata a tutto campo con la Stephens e la Bertens che si sono sfidate di potenza e di fino. Spesso hanno finito con l’annullarsi l’un l’altra, proprio perché entrambe possiedono tante soluzioni e la capacità di variare. Tanti gli errori, soprattutto a rete. Tante anche le belle giocate da entrambe le parti. Palle corte, contro smorzate, passanti. Kiki Bertens, complice il crollo nel secondo set della statunitense, ha cullato il sogno di far sua la partita e chiudere il Round Robin al primo posto. Sloane Stephens è stata brava ad approfittare dei chiari segnali di sbandamento dell’olandese e a salire di intensità e qualità nella fase cruciale. Entrambe hanno ancora la possibilità di qualificarsi per le semifinali. Kiki Bertens, nonostante la sconfitta, sta dimostrando di non essere a Singapore per recitare il ruolo di comprimaria. Sloane Stephens, pian piano, intanto ingrana. E sappiamo come spesso è andata a finire quando la statunitense è partita bene in un torneo.

26 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Rosaria Carpanzano - 2 anni fa

    Grande la tedesca

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giuliana Cau - 2 anni fa

    E anche stavolta non ho azzeccato i pronostici #ragazzeterribili

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Monica Tola - 2 anni fa

      Si sbanca, si sbanca. E nessuna prova compromette da far sparire

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Monica meno male che non scommetto, si nono pezz’e surra a su busceddu!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Monica Tola - 2 anni fa

      Anche io. Mai scommesso. Ahahahah se dai nostri commenti c’è chi ha dedotto che abbiamo puntato: nulla di tutto ciò.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Alfredo Orrico - 2 anni fa

      Due cose: 1) condivido in pieno la frase: Bertens temibile per tutte. 2) suicidio di Osaka?!?! Spesso ti suicidi perche’ qualcuno ti batte. W KERBER!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Monica Tola - 2 anni fa

      La Kerber del primo e secondo set, fino al 5-4 e servizio è stata quasi perfetta. Poi l’inerzia è girata completamente. È rimasta attaccata rischiando parecchio, zoppicava. Molto ha fatto la Osaka. Se non avesse combinato quella follia di tirare addosso con il campo completamente libero, probabilmente avrebbe vinto la partita. Dal punto del 4-3 nel terzo pressoché fatto, dopo che ha tirato quella specie di pallonetto del quale ha riso anche lei, non ne ha fatto più una giusta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Alfredo Orrico - 2 anni fa

      Monica carissima, pronto per la eliminazione di Petra. Buon tennis a te. Sei sempre lucidissima nelle tue analisi. Ciaone!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Monica Tola - 2 anni fa

      Petra fuori. A sprazzi anche oggi. Quel 0-4 iniziale non se lo poteva permettere oggi 🙁

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Emanuela Filippi - 2 anni fa

      Monica Tola concordo con la tua analisi e ovviamente mi spiace per Osaka. A me la nipponica piace immensamente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Alfredo Orrico - 2 anni fa

      Monica Appunto. Infatti avevo deciso di non vedere la partita. E ora vedrai che Pl iskova ormai qualficata le regala la vittoria. Oltre il danno la beffa. Sarebbe vittoria totalmente inutile. Petra fuori. Si, fuori di testa in queste Finals. E magari si presemtera’ alla conferenza post eliminazione tutta sorrisi e risate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Monica Tola - 2 anni fa

      Ci ha pensato Petra. Palla per il 4-0 e il buio. Meglio pensare alla prossima stagione. Troppo discontinua e troppi tornei concentrati fino a Wimbledon. Era a cortissimo di energie 🙁

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    11. Monica Tola - 2 anni fa

      Emanuela Filippi grazie 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    12. Alfredo Orrico - 2 anni fa

      Monica prima della prossima stagione c’e’ la finale di FED CUP Con Kvitova in queste condizioni si rischia un’altra umiliazione. Stavolta in casa propria. E poi di chi la scelta dei tornei? Solo sua e del suo team. Se poi bisogna accontentarsi del fatto che sia tornata a giocare dopo l’aggressione, allora va bene cosi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    13. Monica Tola - 2 anni fa

      Penso che arriverà carica e in forma a inizio stagione. Dovrebbe trovare qualche rimedio per riuscire a giocare meglio al caldo, dato che questa insofferenza le costa la stagione australiana. Ma già subito dopo, anche se ha vinto, ha fatto una tirata pazzesca. San Pietroburgo, Fed Cup, 24 ore dopo già in viaggio per Dubai. Si è bruciata le energie residue proprio nei tornei che ha vinto. Magari l’anno prossimo è meglio saltare l’international di casa e non giocare tutti i tornei di preparazione a Wimbledon. È proprio da Wimbledon che è crollata. Da favorita

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    14. Alfredo Orrico - 2 anni fa

      Monica. Purtroppo se salta i tornei che ha vinto quest’anno perderebbe molti punti. Non puo’ farlo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    15. Monica Tola - 2 anni fa

      Ma si rifà con gli interessi se salta Birmingham e vince Wimbledon

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    16. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Petra purtroppo soffre di asma, quindi caldo e afa per lei sono insopportabili. Se avesse avuto più confidenza sulla terra battuta avrebbe vinto il RGarros.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    17. Alfredo Orrico - 2 anni fa

      Monica vince Wimbledon?????!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    18. Monica Tola - 2 anni fa

      Lo ha vinto due volte. Non c’è giocatrice che più di Petra abbia pasticciato e vinto meno di quanto potesse

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    19. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Intanto Pliskova la piega in due. Wozniacki per me non ce la fa a rifilare 2 set secchi a Svitolina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    20. Alfredo Orrico - 2 anni fa

      Monica, di Petra so tutto. Per quanto riguarda la Danese, in effetti non e’ ancora fuori. Spero lo sia tra due ore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    21. Monica Tola - 2 anni fa

      Pronostico beccato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    22. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Monica era ora!!! Almeno questo 🙂 e cmq Svitolina meritava di più; é vero che ha giocato in modo discontinuo durante la stagione, ma in questo master sta dando tutto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    23. Monica Tola - 2 anni fa

      Non è vero però che ci avevo preso. Scherzavo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    24. Giuliana Cau - 2 anni fa

      Io sì però! #moltolove

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy