ATP Doha: Novak Djokovic torna al successo, sconfitto dopo una dura lotta Andy Murray

ATP Doha: Novak Djokovic torna al successo, sconfitto dopo una dura lotta Andy Murray

E’ ancora Novak Djokovic il campione dell’ATP di Doha: il serbo, dopo avere rischiato tantissimo in semifinale contro Verdasco, è tornato finalmente al successo domando in una finale lottata e spettacolare il numero 1 ed eterno rivale Andy Murray, prendendosi la rivincita della finale delle Finals. 6-3 5-7 6-4 il punteggio finale in favore di Nole, che, ad un passo dal trionfo, si è fatto rimontare, riuscendo poi però a salvarsi e a conquistare il match al terzo parziale.

11 commenti

[2]N.Djokovic b. [1]A.Murray 6-3 5-7 6-4

Finale triller a Doha ma Djokovic ricorda a tutti di essere un fuoriclasse

Quando tutto il mondo del tennis lo dava per finito o quasi, il Serbo di Belgrado risponde con una prestazione degna della sua classe battendo un mai domo Murray con il punteggio di 6 3 5 7 6 4
Con questa vittoria Djoker si rilancia e manda un segnale importante ai suoi avversari in vista del primo slam stagionale.

PRIMO SET- Sin dalle prime battute si nota un nole più propositivo rispetto al suo avversario che spesso rimane ben dietro la linea di fondo. Nonostante ciò nel terzo gioco Djoker è costretto a fronteggiare una prima palla break comunque annullata senza patemi con una prima di servizio sostanziosa. Si procede spediti fino all’ottavo gioco. Murray è prima bravo a portarsi sul 40 – 15 poi commette un imperdonabile errore affossando un facile rovescio in rete. Djokovic capisce che può essere il momento giusto costringendo Murray ad errori non forzati quanto meno inaspettati in questo momento. L’ennesimo errore di dritto dello scozzese manda a servire Djokovic per il set. Servizio mantenuto a zero con un incredibile dritto che ricorda il Nole dei tempi migliori e primo set in cascina.
È un Djokovic diverso, poco falloso, con una palla più profonda e più veloce quello che si è presentato in campo per la finale.

SECONDO SET- Si prosegue spediti per i primi 5 giochi con entrambi i giocatori che mantengono i turni di battuta con relativa facilità. Nel sesto gioco Murray si procura di prepotenza una palla break che Djokovic annulla con un rovescio profondissimo controllato male da Murray. Con l’aiuto di un nastro fortunato Murray ottiene una seconda opportunità. Ora però è Nole che sale in cattedra prima con un rovescio lungo linea da circoletto rosso e poi con un dritto ancora più bello. Nel gioco successivo Murray accusa il primo vero passaggio a vuoto e con due doppi falli manda Djokovic a servire sul 4 a 3. Si arriva senza ulteriori scossoni sul 5 4 servizio Djokovic ed è a questo punto che la finale assume i contorni del thriller. Nole dopo essere passato a condurre 30 0 commette il primo doppio fallo della partita. Si arriva ai vantaggi ma inspiegabilmente Djokovic smarrisce la bussola e non riesce a concretizzare la bellezza di tre match point. Murray ci mette del suo dopo un game infiniti riesce ad ottenere un inaspettato contro break e riapre la partita. Il campione sembra smarrito, impaurito, d’un tratto sembra tornato quello degli ultimi mesi e la naturale conseguenza di questo e che murray con un bel parziale vince il secondo set con il punteggio di 5 – 7.

TERZO SET- Murray ne ha di più e si vede, ha l’avversario in pugno ma non si diventa una leggenda di questo sport se non si hanno qualità ai più sconosciute. Djokovic diventa una maschera di concentrazione, ha problemi fisici evidenti, ma alla prima occasione come il più spietato dei killer colpisce e coglie il più sorprendente dei break. Dopo due giochi interlocutori torna a servire per il set. Va sotto 0 30 ma non si disunisce e con l’aiuto del servizio conquista il torneo di Doha per la terza volta, vince il suo sessantasettesimo titolo ATP ma soprattutto inizia a mettere qualche tarlo nella testa di Murray.

Biagio Buraglia

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Emanuela Anelli - 6 mesi fa

    Mitico!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Matteo Perrelli - 6 mesi fa

    Io lo vedo in recupero diciamo 70/80 % della sua forma migliore….del resto, secondo me, Murray ha vinto con lui, solo quando Nole ha avuto un calo…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Francesco Perego - 6 mesi fa

    “domato” mica tanto … comunque partita bellissima!!! …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Susan Cowdery - 6 mesi fa

    Spectacular

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Enrico Carrossino - 6 mesi fa

    Partita strana… Murray ha aspettato troppo il primo set, poi nell’ultimo si è fatto irritare dai problemi fisici del serbo… Onestamente non so come interpretarla, ma ho avuto la sensazione che sia stato più lo scozzese a perderla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Desa Sipka - 6 mesi fa

      Con tutto rispetto per Andy,se ogni volta si irrita e perde concentrazione…non lo so ..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Andrea Centoni - 6 mesi fa

    Questa vittoria sarebbe dovuta essere dedicata a tutte quelle sperone che avevano messo Nole già in soffitta e idolatrsto Murray a campione indiscusso. La storia ci dimostrava infatti il contrario, poi la storia recente ci ha fornito la visone di un Djokovic demotivato ed assente in campo.. alcuni addirittura si erano dimenticato che nella stagione “disastrosa” aveva solo vinto due slam. Il buon Murray è stato costante e ne ha approfittato, ma cosa sarebbe successo senza il calo di Nole? Fin troppo chiaro, Murray sarebbe restato numero 2. Forza Nole.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Desa Sipka - 6 mesi fa

      Sottoscrivo ogni parola :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Marco Bocchia - 6 mesi fa

    grandeeeeee Nole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alby Aprile - 6 mesi fa

    Ma non era finito? Svogliato? Confuso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Desa Sipka - 6 mesi fa

      Ah sì e vero,avevo dimenticato

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy